Caffè, gravidanza e allattamento: cosa dicono gli esperti?

Caffè, gravidanza e allattamento: cosa dicono gli esperti?
Marcela Alejandra Caffulli

Scritto e verificato da la pediatra Marcela Alejandra Caffulli.

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio, 2023

Il caffè è una delle bevande più amate al mondo e l’elisir energetico di milioni di persone. Tuttavia, le donne che amano la caffeina dovrebbero ridurne o evitarne il consumo durante la gravidanza? E dopo il parto, è consigliabile bere caffè durante l’allattamento? Continuate a leggere e scoprite cosa dicono gli esperti al riguardo.

Tutte le mamme vogliono dare ai propri piccoli la migliore alimentazione durante la gravidanza ed evitare così complicazioni future. Ma mentre molte donne preferiscono evitare del tutto il caffè o bere opzioni decaffeinate, la verità è che quando sapete qual è la quantità massima, non dovete rifiutare una buona tazza al mattino.

Quanto caffè può bere una donna incinta?

Sebbene la caffeina contenuta in bevande popolari come il caffè o il tè nero non abbia alcun impatto negativo sulla salute delle persone, le cose sono diverse quando si tratta di donne incinte. Perché, essendo una sostanza psicoattiva, può influenzare il normale corso della gravidanza.

Secondo gli studi, le future mamme non possono superare l’assunzione giornaliera di 150-200 mg di caffeina. Che rappresenta da due a tre tazzine di caffè non molto forti e realizzate con metodi di estrazione che non aggiungono tanta caffeina alle bevande. Un consumo di più di 6 tazze al giorno potrebbe influenzare la crescita dello scheletro fetale.

A causa di quanto sopra, le donne incinte possono essere tranquille se vogliono bere una o due tazze di caffè al giorno, purché non sia molto carico. E se sei un amante di questa popolare bevanda, ti conviene sapere quanti mg di caffeina si trovano nei diversi modi di consumare il caffè. Dal momento che è stato confermato che una grande assunzione è associata al rischio di subire un parto prematuro.

Quanta caffeina c’è nelle principali bevande al caffè?

Il blog sul caffè tedesco Coffeeness con il supporto scientifico dell’Istituto per la qualità dei prodotti ( Institut für Produktqualität in tedesco), con sede a Berlino, si è proposto di scoprire quanta caffeina si nasconde dietro 15 diversi metodi di preparazione del caffè. Dal classico espresso, ai caffè fatti con caffettiere italiane o in presse franco-americane.

Gli scienziati hanno determinato che i parametri più importanti per il contenuto finale di caffeina nella tazza sono il tempo e il volume.

Per produrre i dati di questa rigorosa indagine, la dottoressa Nadine Heymann e il suo team di professionisti hanno analizzato campioni da 50 ml di 15 diverse bevande al caffè realizzate con metodi diversi. Ed è stato riscontrato che i parametri più importanti per il contenuto finale di caffeina nella tazza sono il tempo e il volume.

Ogni metodo di preparazione del caffè fa sì che alcuni abbiano una maggiore capacità di estrarre la caffeina dai chicchi rispetto ad altri. Ad esempio, la stampa americana e quella francese hanno meccanismi di azione diversi. Mentre nella prima il caffè macinato è compresso nel suo contenitore, nella seconda può muoversi agevolmente.

Cosa genera che in 250 ml di caffè fatto con una pressa francese ci siano 223 mg di caffeina, mentre in uno fatto con una pressa americana solo 146 mg. Lo stesso accade con la moka, visto che 30 ml di caffè contengono 49 mg di caffeina. Pertanto, con questo metodo di preparazione, le future mamme possono avere fino a 3 caffè nell’arco della giornata. 

E cosa succede durante l’allattamento?

la madre allatta il bambino in mano con la caffeina per l'allattamento della tazza di caffè
Secondo il Comitato per l’allattamento al seno dell’Associazione spagnola di pediatria, il caffè è una bevanda compatibile con l’allattamento al seno a dosi moderate.

Dal momento della gravidanza fino ai suoi primi 24 mesi, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale nella crescita sana dei bambini. A maggior ragione quando si decide di nutrire i piccoli esclusivamente con il latte materno, che è l’opzione più consigliata dai pediatri per garantire i nutrienti essenziali per il loro sviluppo.

E poiché la caffeina è uno stimolante del sistema nervoso centrale, un’assunzione elevata potrebbe essere dannosa per i bambini se trovata nel latte materno. Si raccomanda pertanto alle mamme di non consumare dosi superiori a 300 mg/die) per non produrre alcun tipo di alterazione nei figli.

È stato dimostrato che un consumo moderato di caffeina da parte delle madri nel periodo post partum e nei primi mesi di vita dei bambini non ha effetti negativi sul sonno infantile. Inoltre, secondo il Comitato per l’allattamento al seno dell’Associazione pediatrica spagnola, il caffè è una bevanda compatibile con l’allattamento al seno a dosi moderate.

Regola l’assunzione di caffè durante la gravidanza e l’allattamento

Ora che sapete un po’ di più sui possibili effetti del consumo di grandi quantità di caffè durante la gravidanza e l’allattamento, potete stare tranquille gustando una tazza di questa deliziosa bevanda di tanto in tanto o anche tutti i giorni; ma non troppo carico. Saper riconoscere quanti mg di caffeina si trovano nelle diverse modalità di preparazione.

È importante chiarire che la caffeina può essere consumata in modi diversi oltre al caffè e al tè. In un litro di soda-cola ci sono tra 100-150 mg di caffeina e nelle bevande energetiche 300-800 mg. Pertanto, si consiglia di evitare il più possibile queste bevande, non solo per il loro alto contenuto di caffeina, ma anche per il loro alto contenuto di zucchero.

Quindi cercate di seguire una dieta sana, sia durante che dopo la gravidanza. Per fornire al vostro piccolo tutti i nutrienti di cui ha bisogno per il suo corretto sviluppo. E fintanto che mantenete una dieta equilibrata e non esagerate con l’assunzione di caffè, non c’è niente di sbagliato nell’avere una tazza o due nei giorni in cui lo desiderate.

Potrebbe interessarti ...
Bere caffè in gravidanza: cosa c’è da sapere
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Bere caffè in gravidanza: cosa c’è da sapere

Bere caffè in gravidanza non è qualcosa di consigliato, soprattutto in dosi elevate. L'ideale sarebbe sostituirlo con altre tisane e bevande più sa...



  • Santos I., Matijasevich A., Domingues M. (2012). Maternal Caffeine Consumption and Infant Nighttime Waking: Prospective Cohort Study. Pediatrics (2012) 129 (5): 860–868. Recuperado de: https://doi.org/10.1542/peds.2011-1773
  • Okubo H, Miyake Y, Tanaka K, Sasaki S, Hirota Y. (2015). Maternal total caffeine intake, mainly from Japanese and Chinese tea, during pregnancy was associated with risk of preterm birth: the Osaka Maternal and Child Health Study. Nutr Res. 2015 Apr;35(4):309-16. doi: 10.1016/j.nutres.2015.02.009. Epub 2015 Mar 2. PMID: 25773355. Recuperado de: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25773355/
  • Wierzejska R, Jarosz M, Wojda B. (2019). Caffeine Intake During Pregnancy and Neonatal Anthropometric Parameters. 2019 Apr 9;11(4):806. doi: 10.3390/nu11040806. PMID: 30970673; PMCID: PMC6520888. Recuperado de: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30970673/

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.