Come recuperare la propria identità dopo aver avuto figli

Essere madre non significa rinunciare a essere donna, sentirsi realizzati e prendersi cura di sé. Scoprite alcune chiavi per recuperare la vostra identità dopo aver avuto figli.
Come recuperare la propria identità dopo aver avuto figli

Ultimo aggiornamento: 18 ottobre, 2022

Da quando sei diventata madre, hai quasi dimenticato il tuo nome. Di solito sei “mamma”. La tua mente è costantemente concentrata sui bisogni dei tuoi figli e sul loro benessere e ti ricordi a malapena come hai utilizzato il tuo tempo libero prima che nascessero. Senza rendertene conto, hai lasciato andare quegli altri ruoli di moglie, amica, figlia e moglie e ti senti come se stessi perdendo te stesso nel processo. A te succede? Se è così, non preoccuparti, è qualcosa di molto più comune di quanto pensi e oggi condivideremo alcune chiavi per recuperare la tua identità dopo aver avuto figli.

Questa perdita di identità e individualità è naturale e comprensibile in una certa misura. Nel periodo postpartum, l’ossitocina avvia e potenzia una serie di comportamenti materni volti a garantire la sopravvivenza e il benessere del bambino. Ecco perché la tua attenzione è sempre attenta ai suoi bisogni e il tuo piccolo diventa il centro del tuo mondo.

Ma c’è anche una forte imposizione culturale che perpetua l’immagine della madre altruista e altruista che si abbandona per donarsi alla sua famiglia. E molte donne lo prendono come proprio e si sentono in colpa quando si allontanano da questo stretto sentiero. Ma la verità è che i tuoi piccoli hanno bisogno di te felice, pieno e soddisfatto. Pertanto, è importante recuperare la propria identità dopo aver avuto figli.

Chiavi per recuperare la tua identità dopo aver avuto figli

Queste sono alcune linee guida che puoi applicare per recuperare la tua identità e il tuo benessere in questo complesso momento di trasformazione che stai vivendo.

Recuperare gli hobby o la formazione che hai fatto prima di diventare madre è la chiave del tuo benessere. Puoi organizzare il tuo tempo e persino adattare l’attività per farlo insieme al bambino.

Assumi il tuo diritto di essere più di una madre

Il primo passo per uscire da questa situazione è credere di avere il diritto di recuperare la propria identità. Devi cancellare dalla tua mente l’idea che sei egoista nel pensare a te stesso e non solo al tuo bambino. Devi lasciar andare il senso di colpa quando trascorri del tempo con altre persone o attività.

Ricorda che solo una madre sana e felice può offrire buone condizioni di educazione ai suoi figli. Se sei esausto, frustrato e triste, trasferirai queste emozioni nella tua vita quotidiana con loro e non sarai in grado di essere la madre che vorresti essere. Devi prenderti cura di te stesso e sentirti bene per proteggerli e allevarli bene.

praticare la cura di sé

È molto comune che le madri si abbandonino non appena i loro figli vengono al mondo. Sono sempre lasciati all’ultimo posto, quindi trascurano il loro aspetto, il loro riposo e la loro salute. È tempo di invertire questa situazione e prenderti cura di te di nuovo.

Inizia prendendoti cura dei tuoi bisogni primari. Mangia bene, cerca di riposarti a sufficienza, cerca dei momenti per fare esercizio e per nutrire la tua mente. Nella frenesia quotidiana di una famiglia questa sembra una missione impossibile, ma se ne fai una priorità troverai un modo per fare piccoli progressi.

Qualcosa di semplice come prendersi del tempo per la lozione dopo la doccia, esercitarsi a respirare per 10 minuti al giorno o preparare il tuo pasto preferito può fare la differenza. Pertanto, cerca di fare qualcosa per te ogni giorno, anche se è qualcosa di piccolo.

coltiva le tue relazioni

Molte mamme avvertono fortemente la solitudine della maternità quando il loro unico contatto sociale si riduce al loro piccolo. Devi relazionarti con il tuo partner, la famiglia e gli amici. Per questo è importante cercare momenti per fare una ricca conversazione telefonica o per trascorrere un paio d’ore in loro compagnia.

In questi momenti, evita che la conversazione giri intorno al bambino e cogli l’occasione per parlare di te e degli altri. Questo è un ottimo modo per ricordare quanto devi contribuire come persona e per sentirti apprezzato e riconosciuto per quello che sei.

Trascorrere qualche ora con i tuoi amici all’aperto è una buona opzione per schiarirti le idee. È anche importante trovare momenti da condividere con il tuo partner o la tua famiglia.

Recupera e adatta i tuoi hobby

Il modo migliore per recuperare la tua identità di donna è recuperare i tuoi hobby e interessi. Ciò che ti ha sempre motivato o ti ha fatto sentire realizzato. Può essere pittura, musica, sport, lettura o film. In ogni caso, non trovi più spazio per queste attività nella tua nuova vita.

Se è così, è importante adattarli e trovare quello spazio per loro. Ad esempio, puoi frequentare lezioni di yoga madre-bambino, ascoltare la tua musica preferita a casa o leggere un libro mentre il tuo bambino dorme. Anche se può sembrare insignificante, è il modo per riconnetterti con la tua essenza e integrarla nella tua nuova vita di madre. Dopotutto, non devi scegliere o rinunciare a nulla, ma integrarti.

Delega e chiedi aiuto per recuperare la tua identità dopo aver avuto figli

È vero che la mancanza di tempo è uno dei maggiori ostacoli per riuscire a rispettare i passaggi precedenti. Se sei il tutore principale del tuo bambino, sarà più difficile per te prenderti cura di te stesso, delle tue relazioni e dei tuoi hobby. Per questo è fondamentale imparare a delegare.

Sappiamo che ritieni che nessuno sarà in grado di prendersi cura del tuo bambino così come te, ma a volte va bene chiedere aiuto. In effetti, sarà anche positivo per tuo figlio stabilire legami con altre persone. Organizzati quindi con il tuo partner per poter vivere i tuoi momenti e non aver paura di chiedere aiuto alla famiglia o agli amici per prendersi cura del tuo piccolo in determinate occasioni.

In breve, per non perderti nel processo di essere madre, dovrai sforzarti di prenderti cura di te e dare priorità a te stessa. Dovremo superare l’inerzia, il senso di colpa e la paura e ricordare che recuperando chi siete darete il miglior esempio ai vostri figli. Una donna sana, equilibrata e felice è molto più in grado di offrire pazienza, affetto e una guida positiva ai suoi figli.

Potrebbe interessarti ...
Diventare mamma a 20 anni: cosa bisogna sapere
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Diventare mamma a 20 anni: cosa bisogna sapere

Diventare mamma a 20 anni può essere una bella esperienza, ma può diventare anche scomodo se non ci si sente veramente pronte.



  • Caba, M. (2003). Oxitocina: la hormona del amor materno. La Ciencia y el Hombre, enero-abril 2003 , no. 1, p. 37-42
  • Molina Torterolo, S. (2014). El mito del instinto maternal y su relación con el control social de las mujeres. Facultad de Psicología de la Universidad de la República.