Mi sento in colpa perché sono una mamma e lavoro

Se siete madri, è probabile che vi siate sentite in colpa perché andate a lavorare, lasciando i vostri figli alle cure di qualcun altro. Ma questa sensazione porta a qualcosa di buono? No, quindi dimenticatevene.
Mi sento in colpa perché sono una mamma e lavoro

Ultimo aggiornamento: 03 gennaio, 2022

Sono una mamma e mi sento in colpa per il lavoro. La società è ciò che mi fa sentire così, perché mi costringe a lavorare come se non avessi figli e devo essere madre come se non dovessi lavorare. Questa è la sensazione che provo ogni volta che vado al lavoro, soprattutto quando lascio a casa i miei figli piccoli.

Ti sei sentito identificato con questo? Beh, devo ammettere come madre che da quando ho avuto il mio primo figlio tra le braccia, le emozioni mi hanno inondato come una ruota panoramica. Molte di queste emozioni sono positive, ma ce ne sono anche altre negative. Come quando mi sento in colpa. Mi sento in colpa per molte cose, come il numero di ore che dedico al lavoro quando ce l’ho o quando non ce l’ho e poi non ci sono soldi per riportarmi a casa.

Ci sono giorni in cui sento di poter gestire tutto e gli altri, in cui tutto può gestire me. Non ci sono vie di mezzo.

Per questo motivo ho deciso di porre fine a questo senso di colpa per il lavoro, perché più che in colpa dovrei sentirmi bene e felice. Grazie a questo sforzo, posso garantire che ai miei figli non manchi mai nulla. Soprattutto, l’importante è non trasformare il senso di colpa o la voglia di liberarsene in pressione.

Basta sentirsi in colpa per il lavoro

Mi sento in colpa perche lavoro.

Se sei una madre ti sarai sentita come me molte volte. Quando devi uscire di casa, lo fai con la certezza che i tuoi figli hanno bisogno di te o che semplicemente vogliono passare del tempo con te.

Se ti sei sentito così, non sei solo. Non sei né la prima né l’ultima donna a sperimentarlo, ma ciò che conta è prenderne coscienza per smettere di sentirsi male. E soprattutto essere una brava madre e una brava lavoratrice, che segue i propri ritmi e non pretende più di quanto può dare.

È una cosa che succede a tante mamme, ma anche a tanti papà. E se comprendiamo la dimensione culturale di questa colpa, possiamo inconsciamente cominciare a liberarcene. Perché non è davvero colpa mia o tua, è la società in cui viviamo tutti.

Mi sento in colpa, ma non serve a niente

Un giorno ho frenato la mia ruota panoramica emotiva e ci ho pensato seriamente: a che serve sentirmi in colpa per il lavoro? Aiuta davvero me o la mia famiglia in qualche modo? No! Piuttosto l’esatto contrario. E poiché non ci aiuta, allora perché sprecare energia su quella sensazione dannosa?

Non vale la pena sentirsi in colpa e quindi ho scelto di essere proattivo nella mia vita e di fare le cose per e per i miei figli. Uno di questi è lavorare.

Per questo motivo, se sei una madre o un padre e ti senti in colpa perché devi lavorare, è conveniente che tu smetta di sentirti così. Bene, i tuoi figli hanno bisogno di vedere un modello forte, che lotta per il bene della famiglia e che, oltre a tutto, sa essere un padre o una madre meravigliosa in casa.

Perché sì, sarai più stanco, ma il sorriso dei tuoi piccoli ti darà la forza e il motore per continuare. E quando si tratta di tempo in famiglia, dovresti sempre tenere a mente che ciò che conta davvero per i tuoi figli è il tempo di qualità, piuttosto che la quantità riluttante.

Il senso di colpa non ti aiuta a fare le cose meglio, ma viceversa. Per essere responsabile della tua vita, della tua famiglia e del tuo lavoro, non devi sentirti in colpa. Non bloccarti emotivamente e vedrai che solo così otterrai risultati migliori in tutte le aree della tua vita.

Non mi sentirò più in colpa per aver lavorato, perché funziona per me

Mi sento in colpa.

Quando ho capito che sentirmi in colpa non mi serviva, ho avuto un clic nella testa che mi ha fatto reagire.

Ho capito che non vale la pena frustarmi per qualcosa che devo davvero fare. Non posso prendere cura delle cose che non posso controllare, come la società, ma posso prendermi cura di me e prendersi cura della mia famiglia.

Quanto a quest’ultimo, non implica solo essere a casa e fare le cose con i miei figli, ma anche andare a lavorare ogni giorno per garantire loro un buon tempo. Quindi, non devo sentirmi in colpa per il lavoro. Perché per mantenere una famiglia servono soldi e i soldi si ottengono attraverso un lavoro. Non c’è più. Allora… addio sensi di colpa!

Potrebbe interessarti ...
Il senso di colpa nei bambini: attenzione!
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il senso di colpa nei bambini: attenzione!

Non sono pochi i genitori che usano il senso di colpa dei bambini come metodo educativo. Qui vi spieghiamo perché bisogna stare molto attenti a far...



  • Rosas, M (2012). Mamás que trabajan, cuidado con la culpa. Editorial Ink. México.