Latticini non pastorizzati: quali sono i rischi in gravidanza?

Vi mostreremo i motivi per cui dovreste evitare di consumare latticini non pastorizzati durante la gravidanza. Anche se sono fatti in casa, possono essere pericolosi per feto.
Latticini non pastorizzati: quali sono i rischi in gravidanza?

Ultimo aggiornamento: 14 maggio, 2022

Il consumo di latticini non pastorizzati durante la gravidanza è un comportamento alimentare ad alto rischio, poiché questi alimenti potrebbero contenere microrganismi potenzialmente dannosi per la salute della madre e del feto. È vero che nel caso di persone sane e che hanno buone abitudini alimentari le intossicazioni sono rare, ma durante la gravidanza è meglio evitarle il più possibile.

Innanzitutto, dobbiamo evidenziare la necessità di rafforzare le abitudini igieniche quando si prepara o si consuma il cibo in questa fase. Le donne in gravidanza sono considerate gruppi a rischio, quindi dovranno prestare particolare attenzione al consumo di alimenti di origine animale.

I rischi dei latticini non pastorizzati in gravidanza

latte fresco formaggio yogurt burro crema
I latticini sono un’ottima fonte di proteine, grassi e calcio. Ma bisogna evitare quelli freschi non pastorizzati, per non contrarre batteri potenzialmente dannosi per la vostra salute e quella del bambino.

Come dicevamo, i latticini non pastorizzati possono contenere batteri nocivi, come Listeria monocytogenes. Questo microrganismo è in grado di causare seri problemi al feto e persino di favorire l’aborto spontaneo. Quando non si verifica questa condizione, può comunque aumentare il rischio che il bambino abbia conseguenze in futuro, come confermato da uno studio pubblicato negli Archives of Gynecology and Obstetrics.

Infatti, le infezioni intestinali causate da cibo contaminato possono portare alla necessità di prescrivere alla madre un trattamento antibiotico. Per questo durante la gravidanza sarebbe meglio optare per la prevenzione ed evitare il consumo di latte crudo e di tutti i prodotti da esso derivati. Alcuni formaggi dovranno essere soggetti a restrizioni, come i formaggi erborinati e freschi e lo yogurt fatto in casa.

La buona notizia è che gli attuali meccanismi di pastorizzazione sono in grado di eliminare questa classe di agenti patogeni e garantire la salubrità del latte alle donne in gravidanza. Normalmente, questo tipo di batteri non sopravvive ai trattamenti termici applicati in questi processi.

Cosa fare in caso di contaminazione da consumo di latte non pastorizzato?

Può succedere che durante la gravidanza venga accidentalmente consumato latte non pastorizzato o un prodotto derivato. In tal caso, sarà fondamentale andare dal medico il prima possibile, al minimo sintomo gastrointestinale. Lo specialista può prescrivere alcuni farmaci come misura preventiva, al fine di limitare il passaggio di batteri attraverso la placenta.

In ogni caso, va notato che la Listeria non si trova solo nel latte crudo, ma può essere presente anche in altri alimenti contaminati, come le verdure. Lo conferma una ricerca pubblicata sul Journal of National Medical Association. Per questo motivo sarà sempre necessario mantenere una serie di pratiche igieniche adeguate nella preparazione degli alimenti.

È fondamentale lavare accuratamente il cibo che verrà consumato, così come gli utensili con cui verrà maneggiato. In seguito, l’ideale è cuocere bene i cibi, soprattutto quelli di origine animale.

Nel caso di mangiare fuori casa, sono da evitare le preparazioni a base di carne o pesce crudo, come il sushi.

latte di mucca ordinato campo di brocca di vetro di mucche biologiche
Non bere latte vaccino o suoi derivati che non abbiano subito gli opportuni processi di pastorizzazione. Inoltre, che sono stati conservati senza rompere la loro catena del freddo.

Gli esperti raccomandano di evitare latte e latticini non pastorizzati durante la gravidanza

Come già detto, è fondamentale evitare il consumo di latte non pastorizzato e latticini che se ne ricavano durante la gravidanza. Altrimenti, correrai un rischio alto ed evitabile.

Inoltre, è sempre consigliabile adottare buone pratiche igieniche nella manipolazione o nella cottura degli alimenti, per scommettere sulla prevenzione piuttosto che sulla cura. Tenete presente che questo tipo di rischio è condizionato da errori al momento della preparazione dei preparati.

Infine, ricordate che è necessario limitare alcuni alimenti durante la gravidanza per non mettere in pericolo la salute del feto. Ciò non comporterà un deficit nutrizionale, poiché la dieta può mantenere un’adeguata varietà. Bisogna solo fare attenzione ai prodotti animali crudi e agli insaccati, poiché sono i serbatoi dei principali patogeni.

Potrebbe interessarti ...
Alimenti che comportano un elevato rischio di soffocamento
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Alimenti che comportano un elevato rischio di soffocamento

Alcuni specifici alimenti comportano un elevato rischio di soffocamento, quindi non dovrebbero essere offerti ai bambini piccoli. Quali sono?



  • Madjunkov, M., Chaudhry, S., & Ito, S. (2017). Listeriosis during pregnancy. Archives of gynecology and obstetrics296(2), 143–152. Disponible en: https://doi.org/10.1007/s00404-017-4401-1
  • Serventi, L., Curi, B., Johns, R., Silva, J., Bainbridge, R., & Gaither, K. (2020). Pregnancy Complicated by Listeria Monocytogenes: A Case Report and Review of the Literature. Journal of the National Medical Association112(4), 428–432. Disponible en: https://doi.org/10.1016/j.jnma.2020.05.002