Le malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci

13 Novembre 2019
I bambini possono superare le malattie più comuni grazie alle loro difese immunitarie e nella maggior parte dei casi gli antibiotici non sono necessari. 

I bambini sono esposti a diversi tipi di malattie. Quando si ammalano, molti genitori spesso pensano che i farmaci siano la soluzione. Tuttavia, ci sono alcune malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci, ma che possono essere superate quando le difese immunitarie e gli anticorpi svolgono il loro lavoro.

I bambini possono superare le malattie più comuni grazie alle loro difese immunitarie e nella maggior parte dei casi gli antibiotici non sono necessari. Infatti, non tutti i farmaci curano queste malattie ma alleviano solo il disagio causato durante la fase di convalescenza. Vediamo insieme le malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci.

Malattie dei bambini che non hanno bisogno di farmaci

La maggior parte dei disturbi causati da virus che colpiscono i bambini di solito guariscono da soli, in pochi giorni. Inoltre, ci sono molte infezioni batteriche che non richiedono un trattamento antibiotico, una di queste è l’influenza.

L’influenza è una malattia più grave del raffreddore che si manifesta con febbre alta, tosse secca e malessere generale. L’influenza è causata da un virus, di cui esistono molte varietà che cambiano da un anno all’altro.

Esiste un vaccino antinfluenzale, ma ogni anno è diverso e quello dell’anno precedente non è più utile, perché il virus cambia. Tuttavia, se il bambino soffre di una malattia cronica come l’asma, è consigliabile fare un vaccino contro l’influenza.

Antibiotici per bambini
Come curare l’influenza e il raffreddore?

Tenete presente che il vaccino antinfluenzale non previene il raffreddore: sono due malattie diverse. In questo caso, gli antibiotici sono inutili per il raffreddore a meno che non si sia verificata una complicazione batterica, come la polmonite. I farmaci servono solo ad alleviare i sintomi, ad esempio abbassano la febbre e leniscono il dolore, ma non accorciano la durata della malattia. Sono le difese immunitarie del bambino a superare il processo.

Il raffreddore comune, a differenza dell’influenza, presenta sintomi come muco, tosse e talvolta febbre. Il muco di solito inizialmente è acquoso, quindi bianco, giallo, verde e denso, verde e secco, e a questo punto il bambino è guarito.

Questa malattia è causata da un virus. Esistono centinaia di virus diversi che possono causare il raffreddore, quindi non è possibile effettuare un vaccino. Gli antibiotici non aiutano a guarire un raffreddore. L’abuso di antibiotici, a parte gli effetti collaterali e le spese inutili, produce resistenza ai microbi e a volte non ha effetto.

Se vostro figlio ha la febbre, potete dargli un antipiretico. Se la tosse è molto intensa e non lo lascia, uno sciroppo contro la tosse. Ma se i sintomi sono sopportabili, lasciatelo tossire per espellere il muco. In ogni caso, i decongestionanti nasali o i vasocostrittori non sono raccomandati nei bambini di età inferiore ai dodici anni.

Malattie nei neonati

Gli espettoranti vengono usati per aumentare la tosse e il muco; i mucolitici rendono il muco più liquido; gli antistaminici usati per le allergie non hanno alcun effetto degno di nota. Lo stesso si può dire della vitamina C e dei prodotti naturali e alternativi. Se il bambino dopo un po’ si sente meglio non è stato per i farmaci che ha preso, ma per puro caso.

Le malattie che si curano da sole

L’otite acuta può essere causata da virus o batteri. Per decenni, questo disturbo è stato trattato con gli antibiotici. I medici diagnosticano l’otite molto spesso: quando il bambino ha la febbre e non ci sono sintomi visibili, è facile convincersi che il timpano sia un po’ infiammato.

Numerosi studi scientifici sostengono che il trattamento dell’otite è praticamente inutile, poiché non guarisce la malattia, non allevia il dolore e non migliora la capacità uditiva. Il trattamento è giustificato nei bambini di età inferiore a due anni con febbre alta, nei bambini con cattive condizioni generali, con otite bilaterale o con malattia prolungata.

La faringite consiste in un’infiammazione della gola. Il sintomo principale è il dolore che si prova con al deglutire. In molti casi è causato da un virus e gli antibiotici sono completamente inutili. In altri casi è causato da un batterio, lo streptococco e quindi è consuetudine somministrare penicillina per evitare una rara ma grave complicazione come la febbre reumatica.

I batteri dello streptococco di solito causano la febbre a più di 38.5 ° C, ma non c’è tosse o muco. Invece, il mal di gola che è accompagnato da tosse e muco, senza febbre o con solo pochi decimi, è quasi certamente causato da un virus. La penicillina non viene somministrata per curare l’angina, ma per prevenire la febbre reumatica. Le angine, ad esempio, non si curano grazie all’assunzione di antibiotici.