Non vedo l’ora di tenerti tra le braccia, piccolo mio

30 Aprile 2018

Attendere nove mesi, più di 36 settimane in ansia. Aspettare un’eternità prima di poter vedere il tuo visino. Piccolo mio, non vedo l’ora di tenerti tra le braccia. Sogno questo magico istante dal giorno in cui il test risultò “positivo”.

Non vedo l’ora di tenerti stretto al mio petto e sentire il calore del tuo amore. Ritrovare la nostra connessione tra pianti e paure. Non vedo l’ora di sentire il tuo odore, un odore che riempirà le mie giornate.

Aspetto che arrivi questo giorno con ansia, con tutto il mio cuore. Ho bisogno di vederti, sapere che stai bene, che sei sano e forte. Lavorerò ogni giorno per renderti felice, per il resto dei miei giorni.

Attendo con ansia di averti al mio fianco in ogni istante, mio piccolo e fedele compagno. Darai vita ai paesaggi grigi e musica ai giorni più estenuanti. Mi regalerai bellezza e armonia, ed io in cambio ti offrirò pace e allegria.

Non vedo l’ora di tenerti tra le braccia per conoscerti davvero

Tenerti tra le braccia, finalmente

Aspetto ansiosamente di tenerti tra le braccia, vicino a me, per poterti finalmente conoscere davvero. Vorrei poterti abbracciare e riempire di baci. Ripeterti fino allo sfinimento quanto ti ho aspettato e dimostrarti in ogni momento quanto ti amo. Non vedo l’ora di sentirti stringere le mie dita nelle tue piccole manine.

Rivedrò in te l’innocenza persa, sarai il mio piccolo angelo venuto sulla terra per insegnarmi a vivere. Mi donerai la possibilità di ritrovare la mia infanzia, la purezza dell’anima. Mi farai sentire la protettrice di un tesoro indifeso.

Al solo pensarci piango già dall’emozione. Sarò estasiata dal tuo sguardo che mi comunicherà tutto senza dire una parola. Stremata dalla fatica di calmare i tuoi pianti, di soddisfare ogni tua necessità. Sarò la madre migliore che possa esserci.

Non vedo l’ora di sentirmi perfetta per te, alimentarti con il frutto del mio seno. Vedere il tuo primo sorriso. Essere incaricata di darti la vita e dargli forma è un’onore. Vedrò la tua personalità formarsi e insieme getteremo le basi per il tuo futuro.

Non vedo l’ora di vederti per godere ogni attimo della morbidezza della tua pelle. Per innamorarmi ogni giorno al solo vedere le tue guancette rotonde. Per parlarti e cantare tutto il tempo, raccontarti tutto dell’emozione di averti. Semplicemente, non vedo l’ora che tu riempia le mie giornate con tutto il tuo amore.

Non vedo l’ora di vederti crescere

Non vedo l’ora di vederti diventare sano e forte. Di sentire i tuoi primi gorgoglii ed ascoltare le tue prime parole. Già immagino la prima volta che ti sentirò pronunciare “mamma” o “ti voglio bene”. Sogno di sentirti intonare melodie dolci.

Ascoltare la tenerezza della tua vocina, ridere di tutte le cose buffe che farai. Nutrirti con le prime pappette, farti provare diversi sapori e cominciare finalmente a conoscerti. Sapere quello che ti piace di più e rafforzare così il nostro vincolo.

Finché sarai troppo grande per stare ancora tra le mie braccia. E sostituirai il tuo posto prediletto con i primi ed instabili passetti. Quando inizierai a crescere a vista d’occhio e dovremo fare una maratona per comprarti scarpette e vestiti.

Aspettando di tenerti tra le braccia

Finché arriverà il momento in cui abbandonerai il pannolino e comincerai ad avere una tua autonomia e indipendenza. Sarà doloroso ma gratificante vedere che ti allontani da me per andare a scuola, fare merenda e disegnare insieme agli altri bambini.

Arrivando così ai tuoi primi doveri ed alla notizia più temuta dalle mamme: il primo grande amore. Tutto quello che desidero è vivere ogni esperienza insieme a te, condividendo ogni successo, ogni opportunità.

Figlio mio, fai in fretta! Non sto più nella pelle per tenerti tra le braccia. Solo così potremmo cominciare a ascrivere insieme la nostra avventura. Solo così cominceremo a riempire le pagine del nostro libro, attraverso la tua venuta al mondo.

 

  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos