5 casi in cui è necessario indurre il parto

6 Settembre 2019
Indurre il parto spesso è una scelta personale, tuttavia i medici affermano che dovrebbe essere una decisione esclusivamente medica. Ecco i 5 casi in cui bisogna farlo.

Indurre il parto è un processo delicato che prevede un intervento volto a far nascere il bambino artificialmente. Si possono individuare 5 casi in cui è necessario indurre il parto, ma in genere ciò che si desidera è che il processo abbia inizio senza aspettare che avvenga naturalmente.

Nella maggior parte dei casi l’induzione viene eseguita per motivi medici. Tuttavia, a volte si tratta di una scelta personale o di altro tipo. Negli ultimi anni, è diventata popolare l’induzione elettiva, quella prevista per comodità. Alcuni genitori devono adattarsi a degli orari di lavoro specifici o semplicemente vogliono controllare la data del parto.

Nonostante l’attuale inclinazione verso questo processo per motivi personali, i medici non lo raccomandano. L’American College of Obstetricians and Gynecologists afferma che indurre il parto dovrebbe essere una decisione esclusivamente medica. Cioè, raccomandata solo nel caso in cui ci sia a rischio che il bambino rimanga più a lungo nell’utero. Vediamo insieme 5 casi in cui è necessario indurre il parto.

5 casi in cui è necessario indurre il parto

Indurre il parto

Tutte le gravidanze sono diverse, quindi è difficile prevedere un risultato specifico. Sebbene la gravidanza stia andando bene, potrebbe essere necessario indurre il parto. Tuttavia, ci sono dei casi specifici in cui è necessario indurre il parto. I medici prendono in considerazione di indurre il parto quando si verificano le seguenti situazioni:

  • Nel caso in cui la madre presenti particolari complicazioni di salute. Ad esempio, se vengono diagnosticate emorragie frequenti, preeclampsia, malattie cardiache, ipertensione o diabete gestazionale. In questi casi, è probabile che le suddette condizioni minaccino la salute del bambino. Resta inteso che questi disturbi tendono ad essere controllati nella maggior parte dei casi.
  • È preferibile indurre il parto quando si determina che il bambino riceve poco ossigeno. È necessario intervenire anche se viene rilevato il rischio che il bambino non riceva abbastanza nutrienti.
  • Se nonostante il sacco amniotico si è rotto, la madre non ha ancora iniziato il travaglio da 24 a 48 ore.
  • Il contributo dei nutrienti al feto è stato compromesso perché la gravidanza dura più di 42 settimane.
  • Quando è stata diagnosticata la corioamniosite, si tratta di un’infezione all’interno dell’utero.

Non sai davvero cos’è l’amore finché non guardi il tuo neonato negli occhi.

-Anonimo-

Le procedure per indurre il parto

Esistono diverse procedure mediche per indurre il parto. Questa pratica può avvenire attraverso interventi meccanici o con l’uso di farmaci. Vediamo insieme quali sono le procedure per indurre il parto e quali rischi rappresentano.

Induzione del parto con i farmaci

I principali farmaci usati per indurre il parto sono le prostaglandine e l’ossitocina, usati come ormoni sintetici. Il primo viene introdotto attraverso la vagina sotto forma di supposte. Viene posto di notte in modo che l’utero inizi il travaglio al mattino.

D’altra parte, l’uso dell’ossitocina è posto sotto forma di pirocina e sintocinone per via endovenosa. Questo farmaco provoca le contrazioni, ma il rischio di applicarlo è che acceleri eccessivamente il travaglio. Questo tipo di induzione è molto dolorosa ed impedisce alla madre di controllare l’intensità delle contrazioni.

Neonato indurre il parto

Rottura artificiale delle membrane

La rottura artificiale delle membrane è un altro metodo per indurre il parto. I medici possono eseguirla artificialmente in modo che il corpo inizi a produrre prostaglandine. L’aumento di questo ormone aumenta le contrazioni che provocano il parto.

Per eseguire questa procedura, il medico inserisce un gancio di plastica sterilizzato per strofinare la membrana. Questo fa muovere il bambino sottosopra, generando contrazioni. La madre sentirà come se si sia rotta naturalmente.

Questo meccanismo presenta alcuni vantaggi: ad esempio è veloce e consente di esaminare immediatamente le condizioni del liquido amniotico. Tuttavia, comporta rischi, come quello che il bambino non si giri una volta che la borsa si è rotta. Possono verificarsi anche slittamento e il cordone ombelicale può aggrovigliarsi. Inoltre, c’è un alto rischio di infezione a causa del tempo che intercorre tra la rottura e l’espulsione in quanto tale.

Stimolazione naturale

Esiste un meccanismo che di solito è efficace nell’indurre il travaglio ed è naturale. I medici indicano che se i capezzoli della madre vengono stimolati, manualmente o attraverso un estrattore, questo stimolo provoca la produzione dell’ormone ossitocico, che dà origine alle contrazioni.