Sacroileite in gravidanza: sintomi e trattamento

Se siete incinte e sentite dolore nella parte bassa della schiena, questo articolo potrebbe esservi molto utile.
Sacroileite in gravidanza: sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 14 aprile, 2022

La lombalgia è molto comune tra le donne in gravidanza, soprattutto verso la fine del secondo trimestre. A volte, questo dolore può essere la manifestazione di una sacroileite della gravidanza, poiché lo stato ormonale e i cambiamenti biomeccanici aumentano la mobilità articolare del bacino.

È importante sapere che è prevedibile dolore lombare man mano che il bambino cresce. Tuttavia, il dolore sacrale durante la gravidanza richiede una valutazione professionale per determinare i passaggi successivi.

Cos’è la sacroileite in gravidanza?

La sacroileite è l’infiammazione dell’articolazione dell’osso iliaco con il sacro, che può verificarsi su uno o entrambi i lati. Come ogni processo infiammatorio articolare, è accompagnato da dolore solitamente molto acuto e specifico.

Durante la fase finale della gravidanza è abbastanza frequente il mal di schiena, così come la sensazione di gambe stanche o fastidio nella zona dell’osso sacro. Anche così, è importante sapere quali sono i sintomi attesi della sacroileite per intervenire in tempo quando compaiono.

Dolore pelvico a raggi X infiammazione sacroiliaca

I sintomi della sacroileite

La diagnosi di sacroileite è clinica. Cioè, bastano pochi dati dell’incontro con la paziente e un esame clinico dettagliato per determinarlo. Gli studi di imaging non sono essenziali in questa condizione.

Uno dei punti fondamentali della consultazione è differenziare il dolore sacrale dalla lombalgia, poiché l’approccio è diverso.

Vi invitiamo a conoscere i sintomi più frequenti della sacroileite in gravidanza riportati qui di seguito:

  • Dolore locale: è un dolore profondo all’osso sacro, in particolare nella zona articolare infiammata;
  • Lombalgia: non è sempre presente e quando si manifesta viene scambiata per dolore di origine vertebrale;
  • Falso dolore sciatico: a volte la contrattura dei muscoli che circondano il nervo sciatico lo comprime e produce una sintomatologia simile al dolore sciatico;
  • Radiazione del dolore: il dolore da infiammazione articolare può irradiarsi ai glutei o alle gambe, dal lato interessato se è unilaterale, o da entrambi i lati se l’infiammazione è bilaterale;
  • Dolore notturno: può anche svegliare la madre durante la notte, il che influisce sul suo riposo e sulla qualità della vita;
  • Movimenti dolorosi specifici: il dolore si manifesta più chiaramente dopo aver passato molto tempo in piedi, quando si cerca di salire le scale o quando si fa il movimento per sedersi;
  • Contrazioni muscolari: i muscoli piramidali si trovano in un piano più profondo rispetto ai glutei e sono quelli che vengono maggiormente sollecitati in questa condizione.

I sintomi della sacroileite sono solitamente costanti e possono intensificarsi nel tempo, quindi deve essere individuata precocemente e trattata.

Perché si verifica la sacroileite in gravidanza?

Le articolazioni sacro-iliache sono progettate per sostenere e trasferire il peso del corpo, quindi la loro funzione principale non è il movimento.

Durante la gravidanza, le articolazioni pelviche acquisiscono mobilità grazie ai cambiamenti ormonali (come un aumento della relaxina) e al peso del bambino all’interno dell’addome. Questa mobilità è necessaria per consentire al bambino di passare attraverso il canale del parto.

Inoltre, l’aumento del peso materno, le alterazioni dell’andatura e, eventualmente, la ritenzione di liquidi favoriscono ulteriormente l’insorgenza della saroileite in gravidanza.

sacroileite in gravidanza

Trattamento della sacroileite

Il trattamento in gravidanza è conservativo e si fa attraverso la fisioterapia. L’obiettivo principale di questo approccio è ridurre il disagio della madre e migliorare la sua qualità di vita.

Si svolge attraverso tecniche che aiutano a ridurre il dolore locale, migliorando la mobilità e la consapevolezza del corpo della donna incinta.

Una volta che il disagio muscolare si attenua, il trattamento progredisce per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico. Allo stesso modo, cerca di migliorare la meccanica del movimento della donna incinta per evitare che il quadro doloroso riappaia.

È importante notare che la sacroileite può manifestarsi sia in gravidanza che nel puerperio, poiché durante le settimane successive al parto il corpo materno subisce nuovamente numerose modificazioni. In questa fase possono verificarsi anche squilibri dell’andatura, cambiamenti ormonali e biomeccanici, in grado di predisporre queste articolazioni all’infiammazione.

Potrebbe interessarti ...
Scopri i benefici della fisioterapia ostetrica
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Scopri i benefici della fisioterapia ostetrica

La fisioterapia ostetrica è una branca della salute che contribuisce al benessere della madre e del bambino durante la gravidanza. Scopri di cosa s...



  • Cohen SP, Chen Y, Neufeld NJ. Dolor articular sacroilíaco: una revisión integral de la epidemiología, el diagnóstico y el tratamiento. Experto Rev Neurother. 2013 Jan;13(1):99-116. doi: 10.1586/ern.12.148. PMID: 23253394.
  • Lacassie, Q. Héctor. Dolor y embarazo. Revista Médica Clínica Las Condes 25.4 (2014): 641-650.
  • Blanco, Enrique, et al. Dolor sacroilíaco: Revisión actualizada del enfrentamiento diagnóstico. Revista Chilena de Ortopedia y Traumatología (2021).
  • Venegas, Mónica, et al. Dolor lumbopélvico asociado a discapacidad durante el tercer trimestre de embarazo y su evolución posterior al parto. Revista chilena de obstetricia y ginecología 83.6 (2018): 567-585.