Alcuni cibi alterano il movimento del feto: è vero?

03 ottobre, 2020
Ci sono alcuni cibi che influenzano il movimento del feto nell'utero? O si tratta solo di una credenza senza fondamento?

È vero quello che molte persone pensano, e cioè che i cibi alterano il movimento del feto? Ci sono dei piatti o degli alimenti che lo fanno agitare di più o di meno?

Il primo accusato di solito è il cioccolato, mentre al secondo posto vengono i dolci in generale, che potrebbero provocare una maggiore attività del bambino nell’utero. Ma cosa c’è di vero?

La maggior parte delle madri cerca di interagire con il proprio bambino quando si trova ancora nell’utero. Spesso si toccano la pancia per provare a sentirne i movimenti, oppure mettono della musica o accendono una luce per osservare una reazione. È possibile anche che siano i medici stessi a raccomandare di mangiare alcuni cibi per provocare più attività.

Nonostante queste “credenze”, è noto che il bambino si sposta più volte al giorno senza ricevere stimoli. Il movimento è un dato di fatto, perché è vivo e non è un essere immobile. Un bambino nell’utero può sbadigliare, flettere gli arti, torcersi o allungarsi.

Il feto si muove perché è sano e si sviluppa normalmente. Anche la respirazione, la deglutizione e la suzione generano alcuni movimenti. Tutte queste attività non sempre possono essere percepite dalla madre, ma sono perfettamente visibili attraverso un’ecografia.

Rapporto tra cibo e movimento del feto

Come abbiamo detto, il bambino si muove continuamente. Tuttavia, affinché la madre senta questo movimento, questo deve avvenire a contatto con la parete uterina. Infatti, la maggior parte dell’attività del feto non viene notata, nonostante con l’ecografia sia possibile vedere un feto attivo già a 8 settimane di gestazione.

Devono essere necessarie almeno 16 settimane per far sentire il movimento fetale all’esterno. Tuttavia, in alcuni casi il movimento è così improvviso e brusco che esercita una forte pressione sull’addome. Questa sensazione è generalmente correlata al cibo che mangia la madre.

I medici spiegano che ha a che fare con l’influenza del glucosio presente nel cibo, che in effetti è in grado di causare il movimento del feto durante la gravidanza. Ricordiamo inoltre che questo periodo così delicato potrebbe rendere la madre vulnerabile al diabete gestazionale.

Donna incinta che mangia cioccolato.

In 24 ore, la madre dovrebbe sentire il feto muoversi almeno 10 volte, ma è più frequente sentirlo tra 30 minuti e un’ora dopo che la madre ha mangiato. Tutti i pasti che facciamo possono essere trasformati in glucosio, che funge da stimolante per il feto. Questa sostanza raggiunge il bambino attraverso il cordone ombelicale.

I movimenti si verificano, nella maggior parte dei casi, quando vi è attività da parte della madre, rumori e suoni attraverso le vibrazioni nel suo grembo. Oppure di notte e dopo aver mangiato del cibo. Il glucosio appena processato arriva al feto e lo attiva.

Dunque è vero che alcuni cibi alterano il movimento del feto. In altre parole, il suo movimento regolare e normale diventa un po’ più intenso dopo che la madre mangia.

Per questo motivo, è possibile affermare che i cibi dolci provocano più attività a causa dell’aumento del glucosio, che influenza il metabolismo. Ma gli esperti affermano che qualsiasi cibo può stimolare il movimento del feto perché mette in azione l’attività gastrica.

Altri stimoli

Alcuni ginecologi affermano che il calo dei livelli di zucchero può indurre il bambino a muoversi di meno. Infatti, la dieta della madre è di solito associata ai movimenti del bambino nell’utero. Ma quando la quantità di glucosio aumenta nel sangue della madre, aumenta anche per il feto.

Tuttavia, vanno tenuti presenti anche altri fattori; ad esempio, è noto che anche i cibi freddi causano più attività. Inoltre, l’attività della madre influenza il bambino a muoversi di più o di meno.

Neonato con la mamma.

Altri stimoli legati al movimento del feto sono la luce, il rumore e le vibrazioni. Verso il termine della gravidanza, l’attività del bambino si fa sentire con più intensità, anche se avrà meno lo spazio per muoversi. I medici raccomandano di contare i calci per assicurarsi che tutto vada per il meglio. A questo proposito, se non notiamo abbastanza movimento, possiamo sempre stimolarlo attraverso il cibo.

La comunicazione del feto con l’esterno non è limitata come si possa pensare. Infatti, il feto riesce a sentire e percepire alcune emozioni della madre. È anche possibile che venga stimolato dalle vibrazioni e dai cambiamenti esterni.

Tuttavia, la connessione principale è quella che ha con le sostanze che gli arrivano attraverso il cordone ombelicale. Ecco perché i cibi stimolano il movimento del feto, ma anche il fumo delle sigarette o la caffeina. Per questo motivo è molto importante tenere sotto controllo ciò che si mangia durante la gravidanza.

  • Bradford, B. (2014). Maternal perception of fetal movements: a qualitative description. [Thesis] Victoria University of Wellington.
  • Bradford, Billie, and Robyn Maude. “Fetal response to maternal hunger and satiation – novel finding from a qualitative descriptive study of maternal perception of fetal movements.” BMC pregnancy and childbirth vol. 14 288. 26 Aug. 2014, doi:10.1186/1471-2393-14-288