Tutto quello che c'è da sapere sull'allattamento al seno prima del parto

Conoscere i fatti di base sull'allattamento al seno prima del parto è fondamentale. Qui ti diremo tutto ciò che devi sapere per arrivare ben preparato per il grande giorno.
Tutto quello che c'è da sapere sull'allattamento al seno prima del parto

Ultimo aggiornamento: 24 luglio, 2022

Non abbiamo dubbi sul fatto che l’allattamento al seno sia l’alimento migliore per il bambino. Si tratta però di un processo che, seppur naturale, genera nelle madri preoccupazioni e un po’ di paura anche prima del parto.

Quando lo offro? Potrò farlo? Farà male? Sono questi i principali dubbi che invadono le donne in gravidanza che affrontano il parto. Pertanto, di seguito chiariremo alcune domande frequenti e su questioni chiave. Non perdetelo!

Allattamento al seno o latte artificiale?

Non c’è cibo più perfetto per il bambino dell’allattamento al seno. Il latte materno contiene la composizione appropriata di grassi, carboidrati, proteine, vitamine e minerali per ogni fase della crescita del bambino. Deve essere esclusivo fino a 6 mesi, cioè senza aggiunta di acqua o altri alimenti, come latte artificiale, infusi o succhi.

C’è invece il latte artificiale, la cui base è il latte vaccino ma con modifiche nei suoi componenti per assomigliare al latte materno. Tuttavia, non è identico e manca delle componenti biologiche della madre umana.

I benefici dell’allattamento al seno sono incalcolabili, sia per la salute del bambino che per quella della madre e anche per l’instaurarsi del legame affettivo tra i due. Tuttavia, non dobbiamo trascurare il fatto che, in molti casi, il latte artificiale è un’opzione necessaria. Soprattutto quando la madre non può allattare al seno per qualche motivo, come una malattia.

Potrò allattare?

È la domanda che più invade le donne in gravidanza e la risposta è sì, tutte le donne hanno la capacità di allattare i propri bambini. Tutto il corpo e le ghiandole mammarie sono preparati fin dall’inizio della gravidanza per garantire il cibo del bambino.

All’inizio dovete essere costanti per assicurarti che l’allattamento al seno prenda piede e da qui il successo sarà più facile da raggiungere.

Pertanto, vi raccomandiamo di ignorare le esperienze degli altri. Molte volte non c’è abbastanza conoscenza o supporto per ottenere un allattamento al seno di successo.

Madre e bambino che fanno pelle a pelle.
L’allattamento al seno dovrebbe essere promosso fin dal primo minuto di vita e ciò si ottiene attraverso il contatto pelle a pelle in sala parto o il prima possibile se il parto è avvenuto con taglio cesareo.

Quando iniziare con l’allattamento del bambino?

Dovreste iniziare ad allattare il bambino dalla prima ora dopo la nascita. Dopo il parto, si cerca il contatto pelle a pelle il prima possibile. Il bambino dovrebbe essere incoraggiato ad attaccarsi istintivamente e iniziare a succhiare ritmicamente.

Prima di tutto, dovreste godervi questa ora magica con il vostro bambino sopra di voi. In quel momento, mentre sta avvenendo il parto, è probabile che il piccolo cominci a gattonare fino a raggiungere il vostr petto.

Nel caso in cui il bambino venga partorito con taglio cesareo, dopo l’operazione è necessario avviare immediatamente l’allattamento. Prima di tutto, trovate una posizione di allattamento che sia comoda per voi e che non causi dolore addominale.

La frequenza delle poppate nel neonato

Durante la prima settimana questo può variare da un bambino all’altro, tuttavia, si raccomanda di stabilire l’allattamento al seno secondo la domanda libera (ogni volta che il bambino ne ha bisogno). Ora, quando arriva il latte, che avviene tra il secondo e il quarto giorno, è normale che il piccolo si allatti tra le 8 e le 12 volte al giorno.

In relazione alla durata di ogni scatto, è un aspetto che varia anche a seconda dei casi. Le poppate di solito durano dai 15 ai 45 minuti, mentre il bambino si abitua a succhiare in modo efficiente.

Come capire se il bambino ha fame?

È necessario valutare se il bambino presenta alcune delle seguenti manifestazioni che suggeriscono la fame:

  • Gira la testa dal lato in cui ha contatto con la madre.
  • Tira fuori la lingua.
  • Si lecca le labbra.
  • È a disagio quando dorme.
  • Emette versi.
  • Apre gli occhi.
  • Mette le mani in bocca.
  • Piange e non si calma né singhiozza.

Bisogna evitare che il bambino pianga per fame, perché quando si irrita sarà più difficile allattare. Ai primi sintomi sopra descritti, offrite il seno. Col tempo vi abituerete a queste manifestazioni e saprete quando intervenire.

Come capire se il bambino si attacca correttamente al seno?

Il successo dell’allattamento dipende da un buon attaccamento al seno. Per questo è necessario dirigere il capezzolo verso il palato del bambino, alla ricerca di una presa completa ed ermetica sull’areola.

Idealmente, mentre sei nel centro sanitario, l’ostetrica o il consulente per l’allattamento controlla che tutto vada bene con la posizione. E se non lo è, posso insegnarvi la tecnica giusta, che è quella che non causa disagio o fastidio. Ricordate che un attacco scadente provoca dolore e danni al capezzolo, oltre a interferire con l’alimentazione del neonato.

Allattamento al seno prima del parto: fa male?

L’allattamento al seno non dovrebbe causare dolore. I primi giorni di allattamento al seno potreste provare qualche disagio, poiché il tessuto prova una nuova sensazione. Quando il dolore diventa da moderato a grave o ci sono crepe nei capezzoli, questo è il prodotto di uno scarso attaccamento del bambino al seno e non deve essere considerato una situazione normale.

Se questo vi accade, parlatene con il vostro consulente per l’allattamento il prima possibile per trovare la giusta soluzione ed evitare lo svezzamento precoce.

Quali sono i segni che il latte è abbastanza?

La chiave per avere abbastanza latte e soddisfare la domanda del bambino è allattare al seno a richiesta, perché più il bambino succhia, più cibo produrrete.

Per scoprire se il bambino si sta riempiendo, potete farvi guidare dai segni della fame del bambino: se si sente irritabile, piange continuamente, chiede sempre il seno.

Un altro modo è farsi guidare dal numero di pannolini sporchi al giorno. Fino a quando non arriva il latte, il bambino può bagnare 1 o 2 pannolini al giorno, ma dopo il quinto giorno dovrebbe avere da 6 a 8 pannolini bagnati. Per quanto riguarda le feci, di solito sporcano uno o due pannolini al giorno, o anche di più.

neonato tra le braccia di mamma e papà
I segni di fame e sazietà vengono solitamente decifrati con il passare dei giorni, poiché sia il bambino che la madre devono conoscersi giorno dopo giorno. Per questo motivo, nelle prime fasi si consiglia di offrire il seno su richiesta.

Quando è conveniente offrire biberon o ciucci?

Quando si cerca di stabilire l’allattamento al seno nel neonato, è meglio non offrire biberon o ciucci fino a quando non è ben stabilito (circa 3-4 settimane dopo la nascita). Questa linea guida si basa sulle raccomandazioni del Comitato per l’allattamento al seno dell’AEP.

Questo ha una spiegazione ed è che i bambini sono sensibili alle differenze tra i capezzoli e il capezzolo della madre, quindi un uso precoce può rendere difficile l’apprendimento dell’aspirazione efficace. A questo punto è importante il parere del pediatra, che vi dirà i pro ei contro dell’impiego nei primi giorni dopo il parto.

Prima del parto, è importante conoscere l’allattamento al seno

Il tema dell’allattamento al seno è piuttosto ampio e per questo è meglio che approfittiate degli ultimi mesi di gravidanza per chiarire le vostre preoccupazioni con l’ostetrica o con lo specialista dell’allattamento.

È conveniente fare un elenco di domande e discuterne con i professionisti. In questo modo saprete come comportarvi nel momento in cui avrete il vostro bambino tra le braccia.

Innanzitutto, tenete presente che l’atto dell’allattamento al seno è qualcosa di naturale e istintivo, quindi sarà sicuramente più facile di quanto immaginate.

Potrebbe interessarti ...
Capezzoli doloranti durante l’allattamento: ecco alcuni consigli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Capezzoli doloranti durante l’allattamento: ecco alcuni consigli

I capezzoli doloranti sono una condizione che si verifica spesso nelle neo mamme. Oggi vi daremo alcuni consigli per attenuarle il dolore.