5 cose sulla maternità che non sono come mi sono state dette

La maternità viene spesso ritratta come un puro idillio, ma non lo è affatto. E bisogna parlarne con sincerità.
5 cose sulla maternità che non sono come mi sono state dette

Ultimo aggiornamento: 23 marzo, 2021

Quando non ero ancora madre e vedevo altre famiglie, ricordo che avevo un’immagine in qualche modo perfetta della maternità. Anche se sapevo che le famiglie non sono perfette, la realtà è che in testa avevo un’immagine un po’ idealizzata. Per questo motivo, ti dirò alcune cose sulla maternità che non sono come mi sono state dette.

Pensavo che l’istinto materno fosse più che sufficiente per far andare tutto bene. Credevo che una mamma sapesse sempre cosa fare e che le famiglie perfette esistessero davvero. E ne volevo una.

Mi piaceva studiare la maternità e la genitorialità tramite libri e siti internet. Ma quando ho fondato la mia famiglia mi sono resa conto che non tutto era bello come era scritto nei libri. E mi chiedevo se fosse la mia famiglia ad essere diversa e problematica, o se gli errori stavano in quei testi.

5 cose sulla maternità che non sono come mi sono state dette

Famiglia che crea intimità emotiva con i propri figli.

La famiglia perfetta non esiste, ma le imperfezioni sono ciò che ci rende unici

Il problema di aver immaginato una famiglia felice per così tanto tempo è che credi davvero che l’avrai. Pensi di poter avere quella famiglia senza difetti che hai sempre sognato e che dovrai solo fare la sua parte affinché l’ambiente circostante, quasi per magia, diventi idilliaco.

Niente è più lontano dalla realtà. Sebbene sia vero che sta a noi e agli altri membri della famiglia renderci la vita più o meno facile, le famiglie perfette semplicemente non esistono. Ma col tempo mi sono resa conto che quei difetti sono ciò che rende la mia famiglia perfetta.

Non tutti i giorni sono ok, non sempre sorridiamo, ma ogni giorno ci abbracciamo e ci diciamo che ci amiamo. Sono molte le cose che nessuno ti dice sulla maternità, o che sono diverse da come vengono dipinte, ma ricordati che l’amore è l’elemento più importante.

La gravidanza non è bella come viene descritta

In passato quando vedevo delle donne incinte, mi sembravano sempre radiose e sorridenti. Pensavo che avrei potuto continuare ad avere una vita normale e che semplicemente il mio corpo sarebbe cambiato per nove mesi e poi avrei partorito. Pensavo che fosse tutto meraviglioso, o almeno questo è quello che mi hanno detto tutti.

È vero che creare una vita dentro di sè è una delle esperienze più belle che ho vissuto, ma non significa che fosse tutto rose e fiori. Ho avuto due gravidanze e ognuna era diversa dall’altra, ma nessuna è stata facile.

Ho avuto forte bruciore di stomaco dal primo all’ultimo giorno di gravidanza, ritenzione di liquidi, lombalgia, sciatica, mal di testa, vertigini, vomito, nausea quotidiana, stress emotivo… Nella prima gravidanza ho avuto depressione postpartum e nella seconda ho attraversato una pericolosa preeclampsia postpartum.

Bisogna che si sappia che non tutte le donne hanno gravidanze meravigliose. C’è chi ha meno problemi, ma la stragrande maggioranza delle donne deve essere informata che la gravidanza non è sempre perfetta. In questo modo, possiamo essere consapevoli di ciò che può accadere per agire in tempo e non avere così tanta paura.

Il parto fa molto male!

Avevo sentito dire che con l’epidurale il travaglio avrebbe smesso di far male, che poteva durare più a lungo, ma che sarebbe stato molto più facile. In effetti, mi hanno raccontato bellissime storie di nascite idilliache e io volevo questo, ovviamente, quindi ho deciso di prendere l’epidurale. Sembrava una magia che avrebbe aiutato tutti noi ad avere un parto meraviglioso. Senza eccezioni.

Donna che soffre di un parto doloroso, una delle cose della maternità che non sono come si dice.

Nella prima gravidanza pensavo che mi avessero somministrato male l’epidurale, perché ne ho sentito pochissimo l’effetto. Nel secondo semplicemente non ne ha avuto nessuno. Avevano sbagliato? Alla fine del secondo parto, un medico mi ha detto che ci sono donne per le quali l’epidurale fa a malapena effetto e che io ero una di loro. Ovviamente il giorno dopo la mia gamba è stata addormentata per tutto il giorno.

Quindi ho avuto un parto doloroso con entrambi i miei figli. Molto doloroso. Pertanto, la bellissima immagine di me sorridente mentre guardavo i miei figli nascere attraverso uno specchio e tenevo la mano del mio partner è rimasta lì, nella mia mente. Perché la realtà era urla, dolore e tante lacrime (di felicità, ma anche di tanto dolore).

L’allattamento al seno non è sempre possibile

Ovviamente, avevo in programma anche di allattare al seno. Mi sono fatta aiutare da dei professionisti in modo che tutto andasse alla perfezione, ma non importa quanto lo desideri perché a volte non funziona. Il mio primo figlio ha iniziato a perdere peso dopo la nascita e ha iniziato a disidratarsi.

Ho dovuto integrare la sua alimentazione con latte artificiale e rapidamente, se non volevo che le cose si complicassero ulteriormente. Questo mi ha insegnato che ci sono semplicemente volte in cui se non puoi, non puoi. Ho pianto molto, ma la salute di mio figlio è più importante.

Combino l’allattamento al seno e il latte artificiale da sei mesi. Più tardi, è stato il mio bambino a non volere più seno. Ho avuto l’aiuto di ostetriche che mi hanno fatto capire e accettare che l’allattamento al seno è la cosa migliore, ma che non è sempre possibile.

Bambino che si allatta con il biberon perché l'allattamento al seno non è possibile, una delle cose che ha la maternità.

Essere genitori non è facile: cose sulla maternità che non sono come vengono dette

Crescere i figli non è facile, ma neanche educarli. In effetti, è estenuante. Ho capito che ci sono giorni che passano molto lentamente solo per la stanchezza che sento, ma che gli anni volano ei miei figli crescono molto velocemente.

È essenziale educare con pazienza, amore, rispetto, empatia, assertività, gratitudine, perseveranza… Ma non è sempre facile. Ci sono momenti di tensione, di esaurimento sia fisico che mentale, e quando tanto sforzo non ripaga rapidamente, può essere abbastanza frustrante.

Ma è importante essere coerenti nella genitorialità e nella disciplina positiva. Se c’è qualcosa che non può mancare in nessuna circostanza, sono l’amore e il rispetto.

Se ti senti come se non ce la facessi più, cerca aiuto, ma ricorda che il futuro dei tuoi figli e la loro felicità risiede nelle scelte che stai facendo oggi come genitori. Potresti non vedere risultati a breve termine, potresti non essere perfetta, potrebbero esserci giorni in cui perdi la pazienza…Ma non dovresti mai perdere il rispetto o l’amore nella tua famiglia. Perché c’è una sola famiglia e l’amore che provi per essa è il motore che ti muove ogni giorno.