Gianni Rodari: umorismo, fantasia e giochi di parole

11 agosto, 2020
In questo articolo vi parleremo dell'umorismo, della fantasia e dei giochi di parole presenti nelle storie di Gianni Rodari: un maestro dell'inventiva e dell'immaginazione.

Creatore di un genere letterario per bambini e maestro pieno di inventiva e immaginazione. Sempre a stretto contatto con il mondo dell’educazione e dell’infanzia. Si è battuto affinché l’immaginazione e la fantasia avessero il posto che meritano nel campo dell’educazione. Stiamo parlando di Gianni Rodari: un maestro dell’umorismo, della fantasia e dei giochi di parole.

Gianni Rodari: umorismo, fantasia e giochi di parole

A stretto contatto con il mondo dell’educazione e dell’infanzia, Gianni Rodari si è assunto il compito di cambiare la scuola e i suoi metodi di insegnamento. Ha cercato di dare un ruolo speciale all’immaginazione e alla creatività all’interno delle scuole.

Dopo il suo lavoro come insegnante ha scritto Grammatica della fantasia, il suo grande contributo alla pedagogia contemporanea. Con quest’opera ha trasmesso la sua idea rivoluzionaria e liberatrice della letteratura.

In questo articolo vi parleremo di alcuni dei suoi racconti. In molti di essi si può vedere che Rodari non esita a criticare la società moderna, che considera poco solidale e consumistica. Inoltre, i suoi racconti sono capaci di promuovere lo spirito critico dei più piccoli attraverso l’arguzia e l’umorismo.

Prime letture

Bambino sorridente che legge un libro in un parco.

Animali senza zoo (+ 3 anni)

È un’antologia di racconti pieni di umorismo e animali fantastici che hanno una vita e desideri propri. Elefanti equilibristi, tartarughe in bicicletta, volpi fotografe, orsi banditi e cavalli addestrati. Una sfilata di personaggi esilaranti. Il divertimento è garantito!

A comprare la città di Stoccolma di Gianni Rodari (+ 3 anni)

Al mercato di Gavirate capitano certi ometti che vendono di tutto, e più bravi di loro a vendere non si sa dove andarli a trovare. Un venerdì capitò un ometto che vendeva strane cose: il Monte Bianco, l’Oceano Indiano, i Mari della Luna, e aveva una magnifica parlantina, e dopo un’ora gli era rimasta solo la città di Stoccolma. La comprò un barbiere in cambio di un taglio di capelli con frizione.

Favole a rovescio (+ 4 anni)

Il nonno racconta alla nipote la storia di Cappuccetto Rosso, ma sbaglia continuamente. Forse a causa dell’ignoranza? “C’era una volta una bambina che si chiamava Cappuccetto Rosso. La bambina attraversò il bosco e incontrò una giraffa…”.

“Ma non è questa la storia”, dice la nipote. Allora, il nonno fa in modo che la nipote racconti come è andata effettivamente la storia. Favole a rovescio diventa una possibilità per migliorare le risorse espressive dei bambini.

Giacomo di cristallo (+ 5 anni)

Una volta, in una città lontana, venne al mondo un bambino trasparente. Attraverso le sue membra si poteva vedere come attraverso l’aria e l’acqua. Si vedeva il suo cuore battere, si vedevano i suoi pensieri guizzare come pesci colorati nella loro vasca.

[…] Purtroppo in quel paese salì al governo un feroce dittatore, e cominciò un periodo di prepotenze, ingiustizie e di miseria per il popolo. Chi osava protestare spariva senza lasciar traccia. […] Ma Giacomo non poteva tacere”. Sebbene non aprisse bocca, i suoi pensieri parlavano per lui: era trasparente e tutti potevano leggere attraverso la fronte i suoi pensieri sulle ingiustizie e la violenza del tiranno. Questa è una storia che ci parla della forza della verità.

Storie di Gianni Rodari per bambini e giovani

Bambino che legge un libro a casa.

Favole al telefono (+ 7 anni)

Favole al telefono è un libro composto da racconti pieni di fantasia, ma allo stesso tempo legati alla realtà. Storie spiritose, provocatorie, piene di umorismo, fantasia e giochi di parole.

C’era una volta il ragionier Bianchi, di Varese. Era rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l’Italia intera vendendo medicinali. Il sabato tornava a casa sua e lunedì mattina ripartiva.

Ma prima che partisse la sua bambina gli diceva: “Mi raccomando papà, tutte le sere una storia.”. Così ogni sera, dovunque si trovasse, alle nove in punto il ragionier Bianchi chiamava al telefono Varese e raccontava una storia alla sua bambina.”.

Gianni Rodari dalla A alla Z (+ 8 anni)

È una bellissima raccolta di versi brevi e storielle che fa riflettere, ridere e imparare. Gianni Rodari ci dimostra che i racconti costruiscono il mondo e che la scrittura non è priva di gioco e fantasia.

Perché il ponte è crollato dove hanno messo cemento “amato” invece di cemento armato? Perché la Torre di Pisa è inclinata? Sarà perché gli architetti l’hanno costruita in equilibrio? “Gli errori sono necessari, utili come il pane e spesso anche belli.”.

Gli affari del signor Gatto (+ 8 anni)

Può esserci qualcosa di più succulento di un topo in scatola? È quello che il signor Gatto intende vendere nel suo negozio di alimentari. Un affare eccellente secondo il proprietario. Ma i topi non sono della stessa opinione.

Il gioco dei quattro cantoni (+ 9 anni)

Sono delle storie surreali, senza un apparente significato, piene di umorismo e giochi di parole in cui l’autore mette in discussione molte delle abitudini della nostra società. “La mucca di Vipiteno” che mangia l’arcobaleno, “Il giovane di Verona” che voleva sposare una gallina rossa, “Il pensionato” che eliminando i diabolici giocattoli moderni libera il mondo dai pericoli.

Gip nel televisore e altre storie in orbita di Gianni Rodari(+ 9 anni)

È una raccolta di storie, traboccanti di fantasia e umorismo, su un ragazzo che ha una forte attrazione per la televisione. La “televisioneite” di Gip fa sì che una forza sconosciuta lo trasporti dentro la televisione. In seguito, il protagonista apparirà in diversi programmi in vari paesi del mondo.

Gelsomino nel paese dei bugiardi (+ 10 anni)

Un ragazzo di nome Gelsomino e i suoi amici affronteranno re Giacomone, signore del paese dei bugiardi. Il suo reame si basa sulla menzogna e il terrore. Dire la verità è un crimine e mentire è obbligatorio per legge. Chi dice la verità, verrà multato. Ma Gelsomino ha una voce così potente che può distruggere interi castelli.

Nonno seduto su una panchina che legge un libro di Gianni Rodari ai nipoti.

Tante storie per giocare (+ 10 anni)

Attraverso questo libro Gianni Rodari vuole insegnare ai bambini a riflettere con la propria testa sui problemi della società e sulle difficoltà che le persone devono affrontare. Tante storie per giocare è composto da venti racconti, ognuno con tre finali diversi. Il lettore legge, osserva, pensa e, se non trova fine che gli piace, può inventarla, scriverla o disegnarla da solo. Il divertimento è assicurato!

Gianni Rodari: Il libro degli errori (+ 10 anni)

Attraverso le filastrocche e i racconti brevi del professor Grammaticus, Rodari ci mostra ironicamente che il mondo è pieno di errori ortografici, grammaticali e di molti altri tipi.

C’era una volta un giovane che sognava di diventare un grande inventore. Studiò giorno e notte per diversi anni e alla fine scrisse un suo diario personale: “Ho già studiato abbastanza. Sono un IMBESTIGATORE e dimostrerò il mio grande valore.””.

Novelle fatte a macchina (+ 12 anni)

Questo libro ci presenta 26 storie diverse con vari argomenti. La fantasia traboccante e il senso dell’umorismo intrattengono i giovani lettori attraverso una critica ironica della società consumistica.

Un “sapiente coccodrillo” si presenta negli studi televisivi per partecipare a Rischiatutto. I gemelli Marco e Mirko scrivono un saggio sul diavolo, “Il pescatore di ponte Garibaldi” è arrabbiato perché i pesci non abboccano ai suoi ami. Anche questo libro è una critica ironica alla società dei consumi.

La grammatica della fantasia

Per finire, vi presentiamo uno dei libri più emblematici di Gianni Rodari: La grammatica della fantasia. È rivolto ai genitori, agli educatori e a chiunque creda che l’immaginazione debba avere un posto nell’insegnamento. Il libro ci spiega come inventare storie per bambini e aiuta questi ultimi ad inventarle da soli. Ci presenta quarantacinque tecniche che ci insegnano l’arte della narrazione.

Non possiamo che ringraziare Gianni Rodari per il dono che ci ha fatto con i suoi libri e il suo lavoro.