5 segni che vostro figlio è infelice

Il disagio fisico o le difficoltà di riposo che persistono nel tempo possono essere un segno che vostro figlio è infelice. Scoprite di più in questo articolo.
5 segni che vostro figlio è infelice

Ultimo aggiornamento: 27 settembre, 2021

Raggiungere la felicità è più facile di quanto sembri. Sebbene la maggior parte delle volte pensiamo che dovremmo dimostrarlo attraverso comportamenti esagerati, non deve essere così. Questa sensazione, infatti, può assumere molte forme e ognuno la vive a modo suo: per alcuni è sinonimo di tranquillità, mentre per altri implica euforia. Tuttavia, quando una persona non sta abbastanza bene, i segni che mostra sono in qualche modo più chiari. Se pensate che vostro figlio sia infelice, date un’occhiata a questi segni per averne la certezza.

Come capire se vostro figlio è infelice

Per sapere come sta vostro figlio, la cosa principale è osservare il suo comportamento e cercare di rilevare qualsiasi cambiamento dal suo stato abituale.

Ecco alcuni dei segni che dovreste prendere in considerazione quando analizzate il loro comportamento.

1. Non gli piace più quello che gli piaceva prima

Se è vero che gli interessi dei bambini variano nel corso della vita, è importante notare lo spirito con cui svolgono determinate attività quotidiane. Un cambiamento nel modo in cui affrontano le cose, come apatia o svogliatezza, può indicare che sta accadendo loro qualcosa.

Nessuno conosce vostro figlio o vostra figlia meglio di voi, quindi fidatevi del vostro istinto materno.

2. Non ha interesse a giocare

Soprattutto nel caso dei bambini piccoli, il gioco è il loro principale mezzo di espressione e comunicazione, anche quando hanno bisogno di sviluppare esperienze spiacevoli.

bambino nene apatico apatia disinteresse anedonia tristezza salute emotiva bambino

Un bambino che perde interesse nel gioco, anche da solo, deve sempre dare l’allarme.

3. Vostro figlio è infelice se ha problemi di insonnia e sta sempre male

Al di là delle cause organiche, le difficoltà del sonno (insonnia) possono manifestarsi quando il bambino ha un problema emotivo. Allo stesso modo, quando mostra una perdita di interesse per il cibo, non gli piace tutto ciò che mangia, si lamenta molto spesso di mal di testa o mostra altri segni di disagio fisico.

4. È irritabile e si lamenta continuamente

Tutti possiamo avere i nostri alti e bassi emotivi di tanto in tanto, ma questi dovrebbero avvisarci se il bambino li presenta frequentemente o se i suoi episodi di rabbia, ira o angoscia sono molto marcati.

Quando un bambino si sente infelice, di solito è arrabbiato con il mondo e critica tutto ciò che ruota intorno a lui.

5. Non sorride più o niente lo rende felice

Soprattutto quando l’ambiente è sano e ha un buon sostegno, il bambino è felice, ride e si gode molti momenti.

In genere i piccoli non percepiscono bene certe difficoltà della vita quotidiana ed è per questo che emanano gioia ovunque vadano. D’altra parte, quando si sentono infelici, questa situazione viene drasticamente capovolta e diventano soli, egocentrici e smettono di sorridere.

Cosa fare se vostro figlio è infelice

Prima di tutto, la cosa più importante è raggiungerlo e cercare di parlargli in un clima di fiducia ed empatia. Potrebbe non volervelo dire subito, ma prendendo coscienza della vostra preoccupazione, sarà in grado di farlo quando si sentirà pronto.

La gestione delle emozioni è anche un importante apprendimento della genitorialità. Perché spesso si pone troppa enfasi sulla conoscenza accademica e poca importanza viene data all’educazione emotiva. Per questo è importante insegnare ai bambini a riconoscere le proprie emozioni e permettere loro di esprimerle senza paura o vergogna. Inoltre, ciò consentirà loro di sviluppare empatia e decodificare i sentimenti degli altri.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è rivedere il proprio comportamento, poiché stili genitoriali autoritari, eccessivamente esigenti o perfezionisti portano i bambini a sentirsi sotto pressione e a non sapere come divertirsi.

Infine, al di là di queste raccomandazioni, è bene tenere presente che ci sono casi gravi che meritano un intervento professionale. A volte la tristezza e lo scoraggiamento sono cronici e causano un significativo deterioramento della qualità della vita di quella persona. La depressione ne è un esempio e richiede un approccio psicologico specifico.

vostro figlio è infelice

Ad essere felici, si impara!

La felicità è uno stato mentale che si raggiunge quando smettiamo di mettere le aspettative nel posto sbagliato e impariamo a connettere i nostri desideri con le nostre azioni.

Per questo ad essere felici si impara e ci si esercita giorno per giorno, nei piccoli gesti quotidiani che di solito non apprezziamo.

Molti bambini scambiano la felicità per andare in vacanza al mare, indossare l’orologio alla moda o prendere il voto migliore a scuola. Tuttavia, la felicità può essere una passeggiata con la nonna, uno scivolo con un’amica o uno spuntino caldo all’aperto.

È anche importante notare che la felicità non deve essere permanente, poiché la vita è un’altalena di emozioni e ogni giorno è diverso dall’altro. Si prevede che ci siano giornate più grigie di altre, perché queste ci aiutano a crescere, a migliorarci e a cambiare ciò che non ci piace o ci fa stare male.

Ricordate che imparare a riconoscere ed esprimere le emozioni è fondamentale per la salute dei nostri figli e i genitori hanno un ruolo molto importante nel loro insegnamento.

Potrebbe interessarti ...
L’albero delle emozioni: cosa dovreste sapere
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
L’albero delle emozioni: cosa dovreste sapere

Scoprite in questo articolo cos'è un albero delle emozioni e come può aiutarvi per supportare i vostri figli nella loro crescita emotiva.