Come deve essere l’alimentazione del neonato?

28 Novembre 2019
Quando i bambini sono nella pancia della mamma ricevono tutti i nutrienti di base per ottenere una crescita sana. Tuttavia, una volta nati, la loro dieta deve cambiare per coprire le esigenze nutrizionali richieste dal corpo.

Una volta che avrete il vostro bambino tra le braccia, dovrete scegliere il modo in cui volete dargli da mangiare. Si tratta, senza dubbio, di una decisione importante. Vediamo insieme come deve essere l’alimentazione del neonato.

L’alimentazione del neonato è una delle questioni più importanti di cui i genitori devono discutere. Quando i bambini sono nella pancia della mamma ricevono tutti i nutrienti di base per ottenere una crescita sana.

Tuttavia, una volta nati, la loro dieta deve cambiare per coprire le esigenze nutrizionali richieste dal corpo. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, la migliore fonte di cibo per un neonato è il latte materno, perché ha tutto ciò di cui un neonato ha bisogno. Chiedete al pediatra un consiglio su come dovreste allattare il vostro bambino.

Il latte materno è così potente che man mano che il bambino cresce, il latte cambia le sue proprietà per soddisfare le esigenze in base all’età del bambino. Durante l’allattamento al seno, vi renderete conto che la natura è perfetta e, quindi, il vostro corpo risponderà esattamente a ciò che richiede il corpo del vostro bambino.

Tuttavia, alcune mamme non hanno l’opportunità di allattare i loro piccoli e devono optare per il biberon. I migliori latte in polvere cercano di imitare in modo abbastanza accurato le caratteristiche del latte materno, al fine di garantire uno sviluppo sano del bambino. Vediamo insieme l’alimentazione del neonato.

Alimentazione del neonato: latte materno o artificiale?

Neonato con cappello buffo in testa

Molti esperti insistono sul fatto che il latte materno sia il miglior cibo per i neonati che sono appena arrivati al mondo. Ma, come abbiamo detto prima, non tutti i bambini hanno il privilegio di essere nutriti in questo modo.

In questo contesto, è normale porsi alcune domande, come ad esempio: “Il mio bambino diventerà forte se non lo allatto io?” ; “Il latte artificiale garantisce un buon sviluppo?” ;  “C’è differenza tra i bambini nutriti con latte materno e quelli nutriti con il latte artificiale?”.

Date così tante possibilità, è meglio consultare il proprio pediatra di fiducia e chiedere assistenza. Nel frattempo, vogliamo presentare le differenze tra i due metodi, per aiutarvi a risolvere alcuni dubbi:

A proposito dell’allattamento al seno:

Ha molteplici benefici per il bambino, poiché i fattori immunitari e bio attivi formano una barriera che lo protegge da migliaia di infezioni. Il latte materno consente anche il giusto sviluppo emotivo e fisico per una vita sana.

Se non potete offrirlo direttamente dal petto per motivi che non potete controllare, sappiate che potete conservare il latte materno. Conservando questa sostanza in determinate condizioni, potete star certi che non perderà le sue proprietà fino a 48 ore dopo.

Ogni madre è libera di scegliere il metodo di alimentazione più appropriato per il suo piccolo. Se avete deciso di voler alimentare vostro figlio solo ed esclusivamente con il latte materno, vi consigliamo di chiedere consiglio a uno specialista nel settore. Questi vi farà sentire più sicuri della scelta, inoltre risolverà dubbi sulla quantità di latte di cui vostro figlio ha bisogno e sarete in grado di conoscere le posizioni di allattamento più comode.

A proposito del latte artificiale:

I vari tipi di latte in polvere sono il risultato di oltre un secolo di ardue ricerche per trovare un sostituto appropriato che serva per la buona alimentazione del neonato. Il principale vantaggio è quello di preservare la salute del neonato quando non riesce a ricevere l’allattamento naturale al seno.

Lo svantaggio principale è che, sebbene si cerchi di riprodurre la stessa qualità nutrizionale del latte materno, non possiede le stesse sostanze immunologiche, né quegli ormoni che stimolano la crescita. Inoltre, richiede uno sforzo maggiore da parte dei genitori, perché è necessario mantenere l’igiene delle bottiglie, portare il cibo ovunque vadano, ecc.

L’alimentazione del neonato è una decisione personale

Neonato con cuffietta

Ogni madre conosce molto bene le sue possibilità, quindi non ci sono regole per definire come dovrebbe essere l’alimentazione del neonato. Ogni madre deve essere libera di stabilire ciò che pensa sia meglio per il proprio bambino, purché segua le raccomandazioni del medico specialista.

A poco a poco, siamo sicuri che sarete in grado di scoprire ed adottare altre opzioni nell’alimentazione complementare, che inizia dopo i sei mesi. Seguite il vostro istinto e concentratevi sul desiderio di vedere vostro figlio crescere sano e forte: solo in questo modo riuscirete a sapere cosa fare.