Brufoli sui glutei del bambino: cause e trattamento

La pelle dei bambini è molto delicata e la comparsa di brufoli nella zona dei glutei è piuttosto comune. Vi diciamo tutto quello che c'è da sapere per prendersene cura al meglio.
Brufoli sui glutei del bambino: cause e trattamento
Sandra Golfetto Miskiewicz

Scritto e verificato la dottoressa Sandra Golfetto Miskiewicz.

Ultimo aggiornamento: 27 giugno, 2024

Una delle grandi preoccupazioni delle madri sono le eruzioni cutanee sulla pelle dei loro bambini, soprattutto quando compaiono nella zona del pannolino. Ma i brufoli sui glutei del bambino sono una delle patologie più frequenti dei primi mesi di vita e una delle cause più comuni di consultazione con il pediatra.

La pelle è l’organo più esteso del corpo umano e funge da barriera protettiva contro l’ambiente. Tuttavia, nei bambini più piccoli è un tessuto più sottile e fragile, che lo rende più vulnerabile alle aggressioni esterne, come l’umidità o l’acidità delle urine.

Continua a leggere e scopri di più su questo argomento e su come preservare il delicato derma del tuo piccolo.

Perché compaiono i brufoli sui glutei del bambino?

Come abbiamo detto, la pelle dei bambini è estremamente sensibile alle aggressioni dell’ambiente. Per questo motivo sono molteplici le cause per la comparsa di quei brufoli rossi che compaiono sui glutei. In generale, questi sono accompagnati da alcuni altri segni o sintomi, che aiutano il pediatra a determinare la causa e quindi offrire il trattamento più appropriato. Vuoi conoscere le cause più frequenti? Quindi non smettere di leggere.

Punture di insetto

Le punture di insetti sono solitamente lesioni isolate, a forma di pomfo, rossastre e molto pruriginose. In genere, quando si tratta di zanzare o api, compaiono in zone di pelle esposta, ma nel caso delle pulci possono comparire in zone coperte dai vestiti o sotto il pannolino. Nel caso di quest’ultimo, possono comparire più insieme (separati da pochi centimetri) e colpire contemporaneamente più membri della famiglia.

Dermatite da pannolino

L’eruzione da pannolino è una reazione infiammatoria della pelle al contatto con sostanze irritanti locali. Ad esempio il caldo, l’umidità, l’acido dell’urina e lo sfregamento del pannolino sintetico. Nella sua fase iniziale, di solito si manifesta come piccoli brufoli rossastri, non confluenti su pelle rossa o secca, leggermente squamosa. Generalmente non colpisce le pieghe inguinali, ma compare piuttosto nelle zone che entrano in contatto diretto con le feci, l’urina o la plastica del pannolino.

L’eruzione da pannolino di solito compare dal contatto diretto con il calore, l’umidità o la plastica del pannolino, nonché dall’acidità delle urine o delle feci.

Infezioni batteriche

Una delle infezioni batteriche più comuni nella follicolite. È l’infiammazione di un follicolo pilifero, che è il sacco che circonda la base dei capelli all’interno della pelle. Quando un germe entra al suo interno, si infetta e si infiamma. In questo modo la pelle si solleva, diventa rossa, calda e dolente al tatto e in alcuni casi, attraverso un foro, fuoriesce del pus.

Infezioni virali

Alcune infezioni virali colpiscono spesso la pelle dei bambini e sono altamente contagiose. Alcuni esempi sono i seguenti:

  • Varicella: è una malattia causata dal virus dell’herpes zoster. Di solito si presenta con febbre, malessere e lievi sintomi respiratori. Dopo 24-48 ore compaiono lesioni cutanee maculopapulose, che nei giorni successivi si trasformano in vescicole. Appaiono prima sul viso e sul tronco, quindi sulle estremità e sulla zona dei glutei.
  • Herpes genitale: è prodotto dall’infezione del virus herpes simplex di tipo 2 e si manifesta come vescicole confluenti che si rompono facilmente quando vengono toccate. Questo apre la strada alle superinfezioni da parte dei batteri della flora cutanea e permette la formazione di brufoli.
  • Monkeypox: questa infezione è meno comune nei bambini e inizia come brufoli o vesciche dolorose fino a 3 settimane dopo il contatto con una persona infetta. L’area genitale è solitamente la più comune, ma possono comparire anche su mani, piedi, petto, viso o bocca.

Dermatite seborroica

Conosciuta anche come crosta lattea, è prodotta dalla crescita eccessiva di un fungo che fa parte del microbiota cutaneo, chiamato Malassezia furfur . Si ritiene che l’influenza degli ormoni materni che passano al bambino attraverso la placenta prima della nascita possa favorire l’aumento della produzione di sebo nelle ghiandole sebacee e condizionare la comparsa di questa patologia.

La dermatite seborroica di solito colpisce il cuoio capelluto, ma può diffondersi anche ad altre zone del corpo, compresa la zona del pannolino e le ascelle. Compaiono tra la seconda e la decima settimana di vita e sono stati associati allo sviluppo futuro della dermatite atopica.

brufoli sui glutei
Che la comparsa di brufoli sui glutei si diffonda poi ad altre parti del corpo è un segnale di allarme, per questo è necessario rivolgersi quanto prima ad un medico per una valutazione.

Segnali di avvertimento

Se il bambino presenta i seguenti segni nel contesto di un’eruzione cutanea in qualsiasi parte del corpo, si consiglia di consultare il pediatra il prima possibile:

  • Cattivo stato generale.
  • Febbre.
  • Perdita di peso.
  • perdita di appetito
  • Sonnolenza o difficoltà a rimanere svegli.
  • Estensione generalizzata dell’eruzione sulla pelle o mancanza di miglioramento spontaneo.

Come vengono trattati i brufoli sui glutei del bambino?

Il trattamento di questa condizione dipenderà dalla causa e dalle particolarità del caso. In generale si tratta di un’irritazione locale, quindi sarà necessario mantenere la pelle del bambino umida e isolata dal contatto con agenti irritanti, come la plastica del pannolino, l’urina e le feci.

Come prima misura, è necessario garantire frequenti cambi di pannolino, soprattutto in periodi di caldo e umidità elevati. Inoltre, è importante evitare la pulizia con agenti nocivi, come asciugamani bagnati con alcool o saponi profumati. Una volta rimosso lo sporco, è conveniente applicare sulla pelle dei glutei una soluzione oleosa (come oli, paste o olio calcareo) in modo che funzioni come idrorepellente.

Quando vengono aggiunte ferite cutanee infette, come follicolite o infezioni fungine, possono essere aggiunti antibiotici o antimicotici locali o orali, a seconda dei casi. La maggior parte delle infezioni virali si risolve da sola in un periodo da 7 a 10 giorni, anche se in casi specifici, come l’herpes genitale, può essere utilizzato l’aciclovir.

Prevenire la comparsa di brufoli sui glutei del bambino è possibile!

Se vengono prese alcune misure di cura, è possibile prevenire la comparsa di brufoli sui glutei del bambino. Per questo, dovrebbero essere scelti pannolini altamente assorbenti e cambiati frequentemente. Inoltre, è importante mantenere la zona pulita con bagni quotidiani e pulire delicatamente la zona genitale con sostanze delicate e neutre. Inoltre, l’uso di creme a base di ossido di zinco è positivo per proteggere la pelle del bambino e creare una barriera contro l’urina e le feci. Infine, è fondamentale che la persona che cambia il pannolino si lavi le mani prima e dopo averlo indossato.

Non dimenticare, se hai domande sulla cura del bambino, non dimenticare di consultare il tuo medico di famiglia.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.