Buone abitudini per un sonno salutare da 0 a 3 mesi

Il benessere di vostro figlio non dipende solo dalla protezione, dall'allattamento e dalla pulizia, ma anche dalle buone abitudini riguardanti il sonno, che gli garantiscono un riposo sereno.
Buone abitudini per un sonno salutare da 0 a 3 mesi
María Alejandra Castro Arbeláez

Revisionato e approvato da la psicologa María Alejandra Castro Arbeláez.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Le abitudini di sonno salutare per un bambino di età da 0 a 3 mesi sono quelle che vanno inculcate nel neonato al fine di garantire i suoi ritmi di riposo e recupero. Tali abitudini non comprendono soltanto le ore in cui il piccolo dorme, ma anche i rituali che i genitori dovranno mettere in pratica prima e durante il sonno.

Le ore di sonno del bebè

Anche se in genere un neonato dorme più di 15 ore al giorno, il suo sonno è disordinato ed è distribuito lungo tutta la giornata, con periodi che vanno da mezz’ora fino a quattro ore.

Ci sono bambini che confondono il giorno con la notte perché dormono durante il giorno e passano le notti svegli. Naturalmente, con il passare delle settimane, il loro ciclo di sonno si amplia durante gli orari diurni e si accorcia in quelli notturni.

neonato-dormire

Alcune persone credono che per far riposare bene un bambino, occorra farlo stancare.

Sebbene ciò non sarà necessario nelle prime settimane, dal momento che i piccoli seguiranno i ritmi che avevano quando erano ancora nel ventre materno, col passare delle settimane può essere necessario aumentare le ore di attività diurne, per far sì che il piccolo dorma più a lungo durante la notte.

Anche se è ovvio che un bambino di età da 0 a 3 mesi non è in grado di imparare a seguire una routine, è importante abituarlo e educare il suo sonno partendo proprio da questo punto.

Il sonno salutare da 0 a 3 mesi

Per aiutare il vostro bebé a dormire meglio, noi di Siamo Mamme vi proponiamo alcune buone abitudini da insegnargli.

Stabilire una routine per dormire

Quando è il momento di andare a letto, mettetegli sempre determinati abiti, cantategli la stessa canzone, spegnete la luce e dategli la buonanotte. Il piccolo non capirà cosa state dicendo ma a poco a poco assocerà quella frase al momento della ninna.

Durante il giorno, fategli ascoltare della musica oppure fatelo dormire con le persiane aperte, in modo che entri la luce e ditegli “è ora di dormire”.

Non alterate mai l’orario del sonno

Il bambino deve dormire sempre agli orari abituali. Anche se può non sembrarvi stanco, se è ora di andare a letto è necessario mettere in pratica la routine stabilita in maniera coerente.

Mettetelo a dormire sempre nello stesso posto

Se durante il giorno preferite metterlo a dormire in una culla portatile e di notte nel suo lettino, va benissimo. Ad ogni modo, è importante stabilire una differenza tra il sonno notturno e quello diurno.

bambina-sonno

Non mettetelo mai a dormire nel vostr o letto

Quando il piccolo dorme con i genitori, è esposto a molti pericoli. In più, il fatto di averlo sempre a dormire tra di voi, può pregiudicare il rapporto di coppia con il vostro partner.

Evitate di farlo addormentare tra le vostre braccia

Anche se è straordinariamente piacevole tenere tra le braccia un bambino che dorme, si tratta di un’abitudine poco salubre.

Mettetelo a dormire nella sua culla e cantategli una dolce ninna nanna, uscendo poi dalla stanza prima che dorma del tutto. In questo modo, gli insegnerai a dormire tutta la notte e in autonomia.

Non aspettate che il piccolo sia esausto per metterlo a dormire

Quando un bebè è eccessivamente stanco, può alterarsi e piangere in modo inconsolabile. Questo di certo non concilierà il suo sonno e influirà in modo negativo sul suo riposo.

Differenza tra il giorno e la notte

Durante il giorno mettetelo a dormire in una stanza e in una culla diversa e fate in modo che vi sia un po’ di luce. Non evitate i rumori mattutini e tipici della quotidianità.

Durante la notte, invece, fate tutto il contrario: non accendete le luci e non fate rumore. Parlategli poco, non ridete e non stimolatelo troppo.

Ricordate che ci sono cose che si imparano soltanto quando si è genitori. Individuare e stabilire le corrette abitudini di sonno del vostro piccolo è una di queste.



  • Bilbao, Á. (2017). Todos a la cama: Cómo ayudar a tu bebé a dormir con amor y confianza. Plataforma.
  • Jové, R. (2006). Dormir sin lágrimas: dejarle llorar no es la solución. La esfera de los libros.
  • Kimelman, M., & González, L. (2013). Psicopatología del bebé. Psiquiatría del Niño y del Adolescente, 2, 337-432. http://www.psiquiatriasur.med.uchile.cl/documentos/PSICOPATOLOGIA%20DEL%20BEBE.pdf
  • Ugarte Libano, R. (2011). El sueño en el primer año de vida:¿ Cómo lo enfocamos?: Presentación. Pediatría Atención Primaria, 13, 91-93. http://scielo.isciii.es/pdf/pap/v13s20/seminario01.pdf
  • Zamora, T., Pin, G., & Dueñas, L. (2014). El Papel de la matrona en la higiene del sueño del futuro bebé. Introducción al sueño y claves principales en la prevención de riesgos durante el sueño del bebé. Matronas Profesion, 2014, vol. 15, num. 1, p. 28-31. https://core.ac.uk/download/pdf/71047784.pdf

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.