La culla del bambino: ecco come dovrebbe essere

19 marzo, 2020
La culla del bambino è il luogo dove vostro figlio passerà buona parte dei suoi primi mesi di vita. Oggi vi diremo quali caratteristiche dovrebbe avere.
 

La culla del bambino deve essere sicura e comoda. I pediatri raccomandano che sia spaziosa, confortevole, omologata e stabile. Non importa se ha una forma retta o arrotondata, la cosa più importante è che sia sicura per il bambino.

Arredare la camera del bambino che sta per arrivare è molto eccitante. I genitori dedicano molta cura alla sua decorazione. Ma oltre ad acquistare una culla che rispetti le norme sulla sicurezza del bambino, è importante considerare molti altri aspetti.

Ad esempio, la culla dovrebbe essere posizionata in una zona della stanza lontano da fonti eccessive di calore o freddo, lontano dalle finestre e in un luogo che non sia esposto alle correnti d’aria. Inoltre, non bisogna collocarla sotto dei quadri, degli scaffali o delle librerie.

Ricordatevi che vicino alla culla non ci devono essere oggetti che potrebbero cadere sul bambino. I giocattoli devono essere tenuti fuori dalla culla del bambino. Inoltre, le vernici, i materiali o le decorazioni usate per la sua fabbricazione non devono essere tossiche.

La culla del bambino deve essere sicura

È molto importante che la culla abbia un’altezza interna di almeno 60 centimetri tra il punto più profondo e la ringhiera. Se ha le sbarre, la distanza tra loro deve essere compresa tra i 4,5 e i 6,6 centimetri. In questa maniera il bambino non potrà infilare la testa tra le sbarre e si eviterà che qualsiasi arto possa rimanere intrappolato.

bambino in piedi dentro la culla
 

La culla può avere due o più ruote, ma l’importante è che almeno due possano essere bloccate. Il materasso della culla può essere a molle, in lattice o in viscoelastico e il suo spessore dovrebbe variare tra gli 8 e i 15 centimetri.

Tra il materasso e i bordi della culla la distanza non deve superare i due centimetri per lato. Inoltre, il materasso deve essere duro (per impedire che il bambino ci affondi dentro), resistente e traspirante.

Le sue misure devono essere adeguate alle dimensioni della culla. Un materasso troppo piccolo può creare degli spazi in cui si possono incastrare le gambe o le braccia del bambino.

I pediatri raccomandano di mettere il materasso all’interno di una fodera con cerniera e di usare un coprimaterasso. Oggi esistono fodere e materassi antiacaro e materassi imbottiti ipoallergenici.

Fino ai due anni, si sconsiglia di utilizzare il cuscino a causa del rischio di soffocamento. Dopo quest’età si può usare il cuscino purché sia molto piatto.

Dove collocare la culla?

Non dovete mai posizionare vicino alla culla degli oggetti che possano caderci dentro. Per decorarla, non usate mai dei nastri perché potrebbero rappresentare un pericolo per il bambino. Inoltre, i giocattoli dovrebbero essere tenuti fuori dalla culla per evitare che il bambino si faccia male.

I genitori decideranno se il bambino dormirà in una stanza separata, nella stessa stanza con loro o, a volte, nello stesso letto dove dormono loro (cosleeping). Queste decisioni verranno prese facendo pratica durante i primi mesi di vita del bambino.

 
Donna incinta vicino alla culla

Quando il bambino è piccolo è importante che dorma vicino a mamma e papà in modo che i genitori possano prendersi cura di lui e intervenire tempestivamente se si sta affogando nella sua bava, nel vomito o se ha la febbre.

Se volete usare dei monitor per controllare i vostri bambini, vi consigliamo di utilizzare dei modelli wireless. Forse non tutti sanno che tra il 2004 e il 2010 la commissione di sicurezza degli Stati Uniti ha ricevuto sette segnalazioni di bambini che si erano strangolati con i cavi del monitor.

Vedrai il mio corpo diventare una culla per la nascita del figlio dei tuoi sogni”.

-Laura Victoria, poetessa, giornalista e diplomatica colombiana-

Un altro aspetto da prendere in considerazione è la biancheria da letto. Come abbiamo detto in precedenza, l’uso dei cuscini dovrebbe essere evitato prima dei due anni. Questo per scongiurare casi di soffocamento. L’ideale è far dormire il bambino su un materasso piatto e coprirlo con un lenzuolo e una coperta regolabili.

Quando mettete il bambino a dormire nella culla, evitate anche coperte e peluche troppo morbidi.

Oggi ci sono culle che favoriscono il contatto pelle a pelle con il bambino e altre che hanno un design che permette di convertirle in mobili per bambini (come una cassettiera o uno scrittoio) quando vostro figlio non ne avrà più bisogno.

 

Le culle moderne soddisfano anche gli standard di sicurezza internazionali. Questo è un aspetto che i genitori devono prendere in considerazione quando le utilizzeranno per far dormire il loro bambino. Inoltre è importante osservare il modo con cui il bambino dorme all’interno della culla.

Se il bambino è piccolo, gli esperti raccomandano di posizionarlo sulla schiena, sia quando dorme la notte sia quando fa un riposino. Inoltre, se ha un’età inferiore ad un anno, consigliano di farlo dormire a pancia in su.