Displasia dell'anca nei bambini: cos'è e come si corregge?

La displasia dell'anca è una delle condizioni più comuni nel neonato. Vi raccontiamo le sue caratteristiche, quali studi richiede e come viene trattata.
Displasia dell'anca nei bambini: cos'è e come si corregge?

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2021

La displasia dell’anca colpisce un gran numero di bambini in tutto il mondo. Tuttavia, la causa esatta che la genera non è ancora nota. Attualmente è anche definita displasia evolutiva dell’anca, poiché si manifesta nella fase intrauterina o nei momenti prossimi alla nascita.

È fondamentale che la diagnosi sia precoce, per favorire la prognosi del bambino che ne soffre. Nei casi in cui il trattamento non viene applicato, il quadro può essere complicato da una lussazione o sublussazione dell’anca del neonato.

Cos’è la displasia evolutiva dell’anca?

La displasia evolutiva dell’anca (CDD) è una delle patologie più comuni nei neonati e può manifestarsi tra l’11° settimana di gestazione e i due anni di età. 

I bambini che la presentano hanno una sproporzione tra le dimensioni della testa del femore e l’acetabolo. Questa è la superficie su cui il femore si articola con l’anca. Pertanto, l’alterazione che porta alla CDD può essere localizzata nella testa del femore, nella cavità acetabolare o in entrambe.

Questa condizione è più comune nelle gravidanze multiple, specialmente nella prima gravidanza. Di solito si verifica sul lato sinistro e la sua intensità è variabile: dalla lieve instabilità articolare alla completa lussazione dell’anca. 

ecografia addominale gravidanza scansione fetale gemelli due bambini

Sebbene non si sappia esattamente cosa la causi, sono stati identificati alcuni fattori di rischio.

Presentazione pelvica

La posizione podalica del bambino durante il terzo trimestre di gravidanza è un fattore di rischio per la displasia dell’anca. Inoltre, si presume che questa presentazione del bambino condizioni il meccanismo del parto, il che aggiunge un altro fattore predisponente.

Oligoidramnios

Quelle condizioni che causano una perdita parziale di liquido amniotico potrebbero essere correlate alla displasia dell’anca nei neonati. Allo stesso modo, alcuni fattori ormonali materni ed ereditari potrebbero favorire entrambe le condizioni.

Fibromi uterini materni

Occupando uno spazio all’interno dell’utero, i fibromi limitano la mobilità fetale alla fine della gravidanza e questo ha effetti dannosi sullo sviluppo dell’anca. 

Feti femminili

Le femminucce hanno maggiori probabilità di presentare la displasia dell’anca rispetto ai maschietti. Soprattutto quelli di etnia caucasica, in modo particolare se un altro membro della famiglia ha sofferto della malattia. 

Anatomia materna

Il bacino stretto può condizionare la comparsa di questa alterazione nel feto, poiché limita la mobilità del feto all’interno dell’utero.

Gestione impropria del bambino

Entrambe le tecniche di abbigliamento inadeguate, come l’uso di zaini non ergonomici per trasportare il bambino, possono portare alla displasia dell’anca nel neonato.

Come viene diagnosticata la displasia evolutiva dell’anca?

La diagnosi di CDD viene effettuata attraverso un esame clinico ed è completata da alcuni studi di imaging.

Attraverso l’osservazione, il pediatra valuta se c’è una limitazione nell’apertura delle gambe del bambino. Inoltre, può identificare qualsiasi asimmetria nella lunghezza o nell’aspetto delle cosce e dei glutei di entrambi gli arti inferiori.

L’articolazione dell’anca è stabile quando la testa del femore e l’acetabolo sono correttamente formati e fisiologicamente allineati.

Quindi, integra le informazioni con la palpazione e l’esecuzione di due manovre fondamentali:

  • La manovra di Barlow viene utilizzata per controllare la posizione della testa femorale.
  • La Manovra Ortolani viene applicata per rilevare una possibile lussazione dell’anca.

Studi complementari sono richiesti quando c’è un sospetto clinico di questa condizione. La sua indicazione di routine, nell’ambito delle strategie di screening, è controversa ed è limitata a quei casi in cui sono presenti più fattori di rischio.

  • L’ecografia dell’anca è la tecnica più utilizzata nelle prime 6 settimane di vita, perché non emette radiazioni ed è una metodica non invasiva per il bambino.
  • Dopo i 4 mesi di età, la radiografia convenzionale dell’anca diventa la tecnica prescelta.
  • La tomografia computerizzata viene utilizzata per i casi più gravi o quando ci sono dubbi con i metodi precedenti.

Come viene corretta la displasia dell’anca nei bambini?

La diagnosi precoce della CDD è essenziale per la prognosi della malattia, poiché il trattamento conservativo è efficace solo se effettuato entro i primi 6 mesi di vita.

È noto che più a lungo l’anca rimane spostata, maggiore sarà l’usura dell’articolazione. Inoltre, le possibilità che il bambino possa ritrovare lo stato naturale delle proprie ossa saranno limitate.

L’obiettivo principale del trattamento è garantire il corretto allineamento e stabilizzazione dell’articolazione. In questo modo lo sviluppo può continuare il suo corso naturale senza lasciare sequele.

La corretta posizione delle ossa e dei muscoli dell’anca permette al sangue di raggiungere correttamente tutte le strutture e i tessuti per svilupparsi adeguatamente.

Trattamento conservativo (non chirurgico)

Fino a 6 mesi di età, è l’opzione preferita. Consiste nell’uso di un’imbracatura o di una stecca per mantenere l’anca nella sua posizione corretta.

All’inizio l’immobilizzazione viene utilizzata in modo permanente; con il passare delle settimane, se l’evoluzione del bambino è soddisfacente, i tempi di utilizzo si riducono.

Trattamento chirurgico

Se non si registrano miglioramenti dopo 6 mesi di trattamento conservativo o la diagnosi è stata fatta in ritardo, l’opzione chirurgica è la più appropriata.

Fino a 18 mesi l’allineamento chirurgico può essere eseguito senza tagliare la pelle. Trascorso tale periodo di tempo, sarà necessario operare l’anca mediante chirurgia a cielo aperto.

Il ruolo della fisioterapia pediatrica nella displasia dell’anca

rilevamento diagnosi displasia sviluppo anca neonato neonato congenito medico pediatra

In tutti i trattamenti per la displasia dell’anca, la fisioterapia pediatrica offre molteplici vantaggi. Da un lato, cerca di migliorare la nozione del bambino sul proprio corpo. D’altra parte, aiuta con la gestione del dolore e migliora la funzionalità generale del bambino.

Se eseguita prima e durante il trattamento non chirurgico, la terapia fisica aiuta a migliorare la mobilità. Il lavoro fisico favorisce l’ossigenazione dei tessuti e aiuta a mantenere il tono muscolare.

Se eseguita solo prima dell’intervento, aiuta a mantenere il tono muscolare e preservare la mobilità articolare.

Dopo l’intervento chirurgico, il trattamento fisioterapico è essenziale per ritrovare mobilità e forza nell’articolazione. Inoltre, nel caso in cui il bambino stia già camminando, lo aiuta a ristabilire il corretto modo di camminare.

L’importanza della diagnosi precoce della malattia

Dobbiamo sottolineare l’importanza della diagnosi precoce delle malattie infantili, attraverso controlli medici di routine. Attraverso semplici valutazioni si possono rilevare diverse alterazioni dello sviluppo motorio, come la displasia dell’anca nei neonati.

Potrebbe interessarti ...
Sviluppo del feto: fasi e fattori che influiscono
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Sviluppo del feto: fasi e fattori che influiscono

In questo articolo vi spieghiamo tutto ciò che c'è da sapere sullo sviluppo del feto, sulle sue diverse fasi e sui fattori che lo influenzano.



  • Martínez Aguilar, Antonio José, et al. Factores de riesgo perinatales y materno fetales predictivos en el diagnóstico de displasia de cadera del recién nacido. Revista de la Sociedad Andaluza de Traumatología y Ortopedia 36.1 (2019): 35-42. Disponible en: https://dialnet.unirioja.es/servlet/articulo?codigo=7390657
  • Villalobos, Laura Torres, Nicolás Padilla Raygoza, and Vicente Beltrán Campos. TRANSMISIÓN DEL SONIDO PARA EL DIAGNÓSTICO DE DISPLASIA DE CADERA: UNA REVISIÓN. JÓVENES EN LA CIENCIA 4.1 (2018): 542-545.
  • Hernández-Campos, Jorge Armando, and Nicolás Padilla-Raygoza. Validez y confiabilidad de sonda electroacústica para el diagnóstico de displasia de cadera en neonatos. Lux Médica12.36 (2017): 19-25.
  • Martínez Cardona, Jorge A. Validación de una nueva maniobra de exploración física para la Displasia de cadera. (2019).
  • García, Carla Escribano, et al. Displasia evolutiva de caderas: más allá del cribado. La exploración, nuestra asignatura pendiente. Anales de Pediatría. Elsevier Doyma, 2020.
  • Loor, Gema Elizabeth Collantes, et al. Riesgos y consecuencias de una displasia de cadera en infantes. RECIMUNDO 4.4 (2020): 317-329.
  • Abril, J. C., et al. Displasia del desarrollo de la cadera y trastornos ortopédicos del recién nacido. Pediatr. Integral 23.4 (2019): 176-86.
  • Hernández, Erika Iliana Arana. Iniciando el tratamiento del paciente con displasia de cadera,¿ el éxito depende de la edad?. Ortho-tips 13.4 (2018): 194-198.