Dovremmo aggiungere sale al cibo dei bambini?

Avete dubbi sull'aggiunta di sale al cibo dei bambini? In questo articolo, li elimineremo per voi. Non smettete di leggere!
Dovremmo aggiungere sale al cibo dei bambini?

Ultimo aggiornamento: 29 ottobre, 2021

Il sale è uno dei migliori esaltatori di sapidità al mondo: rende le preparazioni culinarie più appetibili e meglio accettate. Tuttavia, aggiungerlo al cibo dei bambini è inutile e potenzialmente pericoloso.

Durante l’infanzia è conveniente stabilire buone abitudini alimentari che possano essere mantenute in futuro. Per questo motivo è fondamentale fornire i nutrienti necessari per la crescita del bambino ed evitare quegli elementi che sono dannosi per la sua salute.

Una dieta equilibrata non ha bisogno dell’aggiunta di sale

La prima cosa da capire è che il sale è costituito principalmente da sodio. Questo minerale è molto importante per la salute umana, ma ovviamente solo se assunto con le giuste dosi.

Il sodio è naturalmente presente negli alimenti, quindi l’aggiunta di sale ai pasti non è necessaria e ne aumenta notevolmente l’assunzione. Se viene superato il limite desiderabile di questo minerale, è possibile generare danni alla salute.

Esistono però contesti in cui il consumo di sale è consigliato. Ad esempio, nel caso di atleti dopo un’attività intensa. Questo perché il corpo perde abbondanti quantità di sodio attraverso la sudorazione che deve essere ripristinato.

Tuttavia, questo non viene trasferito direttamente agli alimenti per l’infanzia, poiché la quantità di sodio che i bambini acquisiscono attraverso il cibo è sufficiente per il loro corpo. Come per molti altri nutrienti, i requisiti di questo minerale nell’infanzia sono molto diversi da quelli dell’età adulta.

Concetto di mangiare vegetariano vegano non onnivoro bambino raccoglie verdure raccolto in giardino verde all'aperto carriola pomodori carote melanzane

Perché non è bene aggiungere sale al cibo dei bambini?

Se possibile, evitate di aggiungere sale al cibo dei bambini.

Per molti anni si è affermato che questo elemento potrebbe generare ipertensione a medio e lungo termine, come evidenziato da uno studio pubblicato sulla rivista Nutrients.

Tuttavia, la ricerca più recente sostiene che la relazione tra l’assunzione di sale e la pressione sanguigna non è così chiara. L’ipertensione potrebbe essere dovuta più a una predisposizione genetica e ad alterazioni del microbiota, che all’assunzione di sodio.

Il motivo per cui non si aggiunge sale al cibo dei bambini è legato alla necessità di abituare i loro palati al vero sapore del cibo. Ciò favorisce l’incorporazione e il mantenimento di buone abitudini alimentari.

Dobbiamo anche tenere sotto controllo lo zucchero!

Oltre a limitare l’assunzione di sale, è fondamentale evitare di aggiungere zucchero alle preparazioni dei bambini. Questo ingrediente può condizionare negativamente il funzionamento dei loro organismi, perché favorisce l’infiammazione intestinale e aumenta i livelli di glucosio nel sangue.

Un’assunzione regolare di zucchero durante le prime fasi della vita è associata ad un aumentato rischio di sviluppare obesità e diabete di tipo 2. Per questo motivo è importante utilizzarlo con moderazione ed evitarlo quando possibile.

Allo stesso modo, prestate particolare attenzione all’etichettatura nutrizionale. Molti prodotti di consumo comune hanno zuccheri nascosti all’interno, anche se i loro sapori non lo mostrano. Un esempio sono le salse di pomodoro confezionate o il pane da tavola. Per questo motivo è consigliabile rivedere con attenzione gli ingredienti degli alimenti che si acquistano al supermercato prima di offrirli ai bambini.

Cucina familiare a casa durante la quarantena.

Ridurre l’assunzione di sale nei bambini è un’abitudine positiva!

Come avete potuto vedere, l’opzione migliore è evitare l’uso del sale come ingrediente nel cibo dei bambini. E se avete intenzione di incorporarlo nelle vostre preparazioni, fatelo in quantità moderate, a meno che il vostro medico non abbia indicato diversamente per qualche specifico motivo di salute.

Con questa strategia riuscirete ad abituare i più piccoli al vero gusto del cibo, che è un’ottima abitudine dal punto di vista nutrizionale. Le industrie spesso offrono prodotti troppo gustosi e adulterati, contenenti sostanze nocive o in quantità non adatte alla salute.

Infine, non dimenticate di limitare anche l’assunzione di zuccheri semplici. Controllate sempre le etichette per assicurarvi che questo ingrediente non sia presente nel cibo che offri ai vostri figli.

Potrebbe interessarti ...
Ricette salutari per bebè dai 9 ai 12 mesi: nuovi sapori
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Ricette salutari per bebè dai 9 ai 12 mesi: nuovi sapori

"Se vostro figlio ha dai 9 ai 12 mesi, adesso è il momento di fargli provare alimenti solidi. Ecco alcune ricette salutari per fargli provare nuove...



  • Grillo, A., Salvi, L., Coruzzi, P., Salvi, P., & Parati, G. (2019). Sodium Intake and Hypertension. Nutrients, 11(9), 1970. https://doi.org/10.3390/nu11091970
  • Smiljanec, K., & Lennon, S. L. (2019). Sodium, hypertension, and the gut: does the gut microbiota go salty? American journal of physiology. Heart and circulatory physiology, 317(6), H1173–H1182. https://doi.org/10.1152/ajpheart.00312.2019