Gastroenterite nei bambini: cosa c'è da sapere?

18 agosto, 2020
A volte la gastroenterite scompare da sola. Tuttavia, i genitori devono tenere sotto controllo sintomi come la comparsa di febbre e la disidratazione, che possono avere gravi conseguenze sullo stato di salute del bambino.

Purtroppo la gastroenterite può colpire anche i bambini. A volte viene scambiata per un semplice mal di stomaco, ma quando i sintomi persistono è meglio recarsi dal pediatra.

Chiamata anche influenza intestinale, la gastroenterite è più comune tra i giovani e gli adulti. Si manifesta con fitte dolorose allo stomaco, diarrea e vomito. Nel caso dei bambini, il quadro è meno complesso e più facile da gestire, ma ha comunque bisogno di cure adeguate. Ecco alcune informazioni importanti sulla gastroenterite nei bambini che ogni genitore dovrebbe conoscere.

Quali sono i sintomi della gastroenterite nei bambini?

La gastrointerite nei bambini di solito si manifesta con la diarrea. Il dolore allo stomaco e il vomito sono altri sintomi ricorrenti, ma un bambino con un’infiammazione dello stomaco non sempre vomita.

Nausea e febbre completano il quadro clinico. Tuttavia, è bene ricordare che in ogni organismo la gastroenterite si manifesta in un modo completamente diverso. Inoltre, i bambini colpiti spesso soffrono anche di problemi successivi a causa dell’irritazione cutanea dell’ano.

A volte l’infezione scompare da sola. Tuttavia, i genitori devono tenere sotto controllo sintomi come la comparsa di febbre e la disidratazione, che possono avere gravi conseguenze sullo stato di salute del bambino.

Bambino che va in bagno.
La gastroenterite nei bambini può essere dovuta a molteplici cause.

Molteplici cause

La gastrointerite nei bambini può avere molteplici cause. Quando un bambino ha mal di pancia, diarrea e vomito, raramente di pensa ad un virus. Tuttavia, la gastroenterite può essere causata da un rotavirus, da un adenovirus o da altre condizioni simili. Anche i batteri come la Salmonella o il Campylobacter possono causarla.

Oltre ai virus, i fattori che influiscono possono essere una dieta inadeguata, alcuni tipi di malattie infiammatorie e altre patologie cliniche. Patologie meno probabili nei bambini, ma che possono verificarsi in casi particolari, sono: colite ulcerosa, ipertiroidismo e morbo di Crohn.

Tipi di gastroenterite nei bambini

È possibile riconoscere il quadro clinico e l’origine di questa malattia nei bambini osservando la diarrea. Ad esempio, quando si mangia del cibo in decomposizione e quindi ci si espone ad un batterio, gli escrementi generalmente sono liquidi e le feci rappresentano una perdita significativa di acqua che provoca un continuo vai e vieni dal bagno.

Nel caso in cui la causa della gastroenterite sia la salmonella, le feci saranno accompagnate da muco e saranno un po’ più solide. In questi casi, il bambino si sentirà molto male e potrebbe avere la febbre alta.

Alcuni passaggi da seguire

Se il bambino vomita, la cosa migliore da fare è attendere circa 60 o 90 minuti prima di farlo mangiare o fargli ingerire dei liquidi. L’idea è di impedire all’intestino di irritarsi di più e continuare a provocare delle espulsioni. Questo sempre finché il bambino non è disidratato.

Esistono delle medicine e dei cibi adatti per reidratare il bambino quando si trova in una fase più stabile, cioè una volta che il vomito e le feci si siano fermati. Il siero è forse l’opzione migliore, da applicare per via orale o endovenosa.

Se il bambino trascorre più di 3 giorni con vomito e diarrea, è meglio recarsi subito dal medico. Anche di fronte ad un aumento repentino della temperatura e a gravi sintomi di disidratazione.

Come sapere se un bambino è disidratato?

La quantità di liquido espulso e il tempo che il bambino trascorre senza ingerire del cibo ci darà un’idea sul suo livello di idratazione. Infatti il corpo ci offre dei segnali molto chiari quando siamo disidratati.

Bambina che beve acqua.
Una delle cause della gastroenterite nei bambini è la disidratazione.

I più ovvi sono la bocca e le labbra secche, la pelle pallida o biancastra, le occhiaie e poca urina. Di fronte ad un quadro simile, la cosa migliore da fare è iniziare a bere siero, acqua o succo di riso. Durante la malattia è importante evitare di bere liquidi dalla composizione acida.

Prendersi cura della dieta durante e dopo la malattia

Un aspetto importante da non sottovalutare durante la malattia e il suo successivo periodo di recupero è la dieta. I cibi grassi e fritti e i latticini devono essere evitati sia durante che dopo.

È bene non mangiare neanche i prodotti acidi e i dolci, perché possono aumentare l’irritazione intestinale. La gastroenterite nei bambini si basa principalmente su una dieta sana e poco complessa.

In queste situazioni viene usata anche l’acqua di riso e i risultati sono davvero sorprendenti. Una volta che il bambino sarà guarito, i miglioramenti si noteranno immediatamente, perché tornerà ad avere appetito.

  • Mosqueda R, Rojo, P. Gastroenteritis aguda. Protocolos diagnóstico-terapéuticos de Urgencias Pediátricas SEUP-AEP. 97-102. [En línea].
  • Lucero, Y. Etiología y manejo de la gastoenteritis aguda infecciosa en niños y adultos. Rev. Med. Clin. CONDES – 2014; 25(3) 463-472.