La dieta dei bambini con il morbo di Crohn

26 gennaio, 2020
La dieta dei bambini che soffrono del morbo di Crohn deve tener conto delle loro specifiche esigenze e della fase in cui si trova la malattia.
 

Per chi soffre del morbo di Crohn è importante seguire una dieta specifica per alleviare i sintomi ed evitare un peggioramento. Se vostro figlio soffre di questa malattia, leggete questo articolo: vi mostriamo quale dovrebbe essere la dieta dei bambini con il morbo di Crohn.

Cos’è il morbo di Crohn?

Il morbo di Crohn è un tipo di malattia infiammatoria cronica intestinale la cui origine, sebbene attribuita a diversi fattori, è sconosciuta. È più comune tra i giovani adulti, sebbene possa interessare anche i bambini.

Quali sono i sintomi?

È caratterizzato dall’infiammazione della mucosa di un’area delimitata dell’intestino, che si verifica con lesioni interne il cui aspetto è imprevedibile. Si presenta con l’alternanza di dolori allo stomaco più o meno prolungati durante i quali l’attività della malattia è stabile.

Il morbo di Crohn può presentare sintomi e complicazioni che influenzano la qualità della vita del paziente, specialmente durante le fasi acute. I principali sintomi del morbo di Crohn sono per lo più intestinali e sono:

Visita medica per un bambino

  • Dolore addominale.
  • Feci frequenti, diarrea cronica.
 
  • Danni alla regione anale (fessure, fistole, ascessi).
  • Stanchezza.
  • Perdita di appetito e di peso, che si verificano spesso durante le fasi acute.

La dieta dei bambini con il morbo di Crohn

Studi epidemiologici hanno dimostrato che alcuni alimenti sono in grado di assumere un ruolo protettivo. Invece, il consumo di altri alimenti aumenta i casi della malattia.

Ad esempio, è stato dimostrato che l’allattamento al seno è un fattore protettivo contro l’insorgenza della malattia, probabilmente grazie ai benefici delle immunoglobuline presenti nel latte e degli anticorpi prodotti dalla madre. Il latte materno contiene inoltre gli oligosaccaridi, che favoriscono la crescita di batteri benefici per l’intestino.

Chiaramente, la dieta dei bambini con il morbo di Crohn varia a seconda che si trovino in una fase asintomatica o acuta.

Dieta durante la fase asintomatica

Cibi da evitare:

  • Alimenti flatulenti come cavoli, cavolfiori, cereali integrali, bevande gassate, legumi con la pelle.
  • Salumi.
  • Burro, latte e formaggio.
  • Alimenti che contengono sorbitolo: caramelle, gomma da masticare, bevande light.

Cibi da potenziare:

  • Pesce azzurro, ricco di Omega 3. L’Omega 3 previene la malattia, poiché è antinfiammatorio.
  • Pesce bianco, carne bianca e carne di maiale magra.
  • Avocado e olio d’oliva, poiché sono ricchi di vitamina E, che aiuta a mantenere idratate le mucose interne dell’apparato digerente.
  • Papaia, mango, carota, zucca, per il loro contributo di beta carotene.
 
  • Gli alimenti probiotici, come yogurt o kefir.

Dieta durante la fase acuta

Durante la fase acuta, la dieta deve essere modificata in base al tipo di disagio. Normalmente, la dieta in questa fase dovrebbe essere ipercalorica, povera di grassi e ricca di proteine, inoltre povera di fibre, antinfiammatoria, idratante e facilmente digeribile. Le raccomandazioni sono le seguenti:

Mal di pancia da morbo di Crohn

  • Evitare il consumo di fibre insolubili come i cereali integrali, la buccia della frutta e dei legumi.
  • Non assumere cibi ricchi di grassi animali e saturi: burro, margarina, panna, carne rossa, salumi, dolci, formaggi.
  • Seguire una dieta priva di glutine e lattosio, soprattutto in caso di diarrea.
  • Mangiare cibi che forniscono fibre solubili in piccole quantità: marmellata di mele cotogne, mela e pera bollita o arrostita, carota bollita.
  • Bere acqua, brodo vegetale o siero orale.

Complicazioni nutrizionali

Un bambino che ha il morbo di Crohn può presentare un peso ridotto e mostrare una crescita stentata. Sono frequenti anche le carenze di alcuni nutrienti specifici, con conseguenti problemi come anemia o bassa densità minerale ossea. Quindi, se vostro figlio è sottopeso, tenete a mente queste raccomandazioni:

 
  • Invece di bere il latte da solo, è meglio che il bambino beva un frullato, con frutta e cereali.
  • La frutta può essere accompagnata dallo yogurt, se tollerato, e dalle noci.
  • Aggiungere olio abbondantemente ai piatti.
  • Mangiare cibi dalla consistenza pastosa, che a volte sono tollerati meglio.
  • Aggiungere salse fatte in casa alla carne o al pesce, però senza che la base sia di latte né di crema.

Il morbo di Crohn è una malattia complicata, che varia in base a ciascun bambino ed alla fase in cui si trova, quindi non è importante consultare un medico.

 
  • Catarina Moreira A., Amil Dias J., Mera Félix M., Pitta-Gros Dias M. (2017). Doença de Crohn da Clínica à Nutriçao. Lisboa, Nestle Portugal.
  • Gasparetto, M., & Guariso, G. (2014). Crohn’s disease and growth deficiency in children and adolescents. World Journal of Gastroenterology: WJG20(37), 13219.
  • Pérez Tárrago, C., Puebla Maestu, A., & Miján De La Torre, A. (2008). Tratamiento nutricional en la enfermedad inflamatoria intestinal. Nutrición hospitalaria23(5), 418-428.
  • Xu, L., Lochhead, P., Ko, Y., Claggett, B., Leong, R. W., & Ananthakrishnan, A. N. (2017). Systematic review with meta-analysis: breastfeeding and the risk of Crohn’s disease and ulcerative colitis. Alimentary pharmacology & therapeutics46(9), 780–789. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28892171
  • Wędrychowicz, A., Zając, A., & Tomasik, P. (2016). Advances in nutritional therapy in inflammatory bowel diseases: Review. World journal of gastroenterology22(3), 1045–1066. https://www.wjgnet.com/1007-9327/full/v22/i3/1045.htm