I 7 peggiori consigli per l'allattamento al seno

L'allattamento al seno è un atto salutare da cui dipende la vita di milioni di bambini e di madri. Pertanto, fate attenzione ai consigli che ricevete.
I 7 peggiori consigli per l'allattamento al seno

Ultimo aggiornamento: 23 settembre, 2022

Il processo di allattamento al seno di un bambino non dovrebbe essere qualcosa di problematico. La cosa migliore è che la mamma lo prenda come qualcosa di naturale e che non tiene conto di quei pessimi consigli per l’allattamento che seminano solo dubbi in questo momento prezioso.

Successivamente, vi ricorderemo quelle frasi che non dovreste ascoltare se state allattando al seno. E vi spieghiamo perché!

Ecco i peggiori consigli nella fase di allattamento

A volte, anche se con l’intenzione di aiutare, si ricevono consigli sbagliati o frasi sfortunate riguardo all’allattamento al seno. Pertanto, riteniamo opportuno svilupparne alcuni per evitare alcuni inconvenienti.

1. “I tuoi capezzoli sono piccoli, preparali in modo che non facciano male”

Avere capezzoli piccoli, piatti o invertiti non è causa di dolore durante l’allattamento. È normale provare fastidio nei primi giorni di allattamento, ma questo non ha nulla a che fare con le dimensioni. A volte è dovuto allo scarso posizionamento del bambino, all’assunzione di poppate lunghe e distanziate o a condizioni mediche, come crepe o infezioni. In questi casi, dovreste consultare un professionista.

La dimensione dei capezzoli non ha nulla a che fare con il dolore. Sensazione di disagio è comune all’inizio dell’allattamento, anche se potrebbe anche essere dovuto a qualche tipo di infezione.

2. “Assicurati che aderisca bene al seno o rimarrai senza latte” tra i peggiori consigli sull’allattamento

Questo mito è uno dei peggiori che ascolterete, poiché ha una componente psicologica che stressa molto le mamme. Ci sono situazioni in cui il bambino non si attacca, non per mancanza di latte, ma per il cosiddetto “rigetto infantile”.

Secondo l’Associazione Pediatrica Spagnola, questa situazione può verificarsi, tra le altre cose, quando si verifica quanto segue:

  • Il bambino ha una sorta di avversione orale a causa di una precedente brutta esperienza (sondaggi o aspirazioni, tra gli altri).
  • Per un cambio di routine a casa. Può essere dovuto al ritorno al lavoro, a un viaggio o all’arrivo di visitatori, tra gli altri.
  • Cambiamenti nell’odore della madre. Possono verificarsi, ad esempio, mediante l’uso di diversi saponi o profumi.

3. “Non dargli latte artificiale, perché si ammalerà più spesso”

Indubbiamente il latte materno è l’alimento migliore per i bambini e li protegge da molte malattie, ma ciò non significa che il latte artificiale non offra tale protezione e che non sia efficace nell’alimentazione dei bambini.

Alcune condizioni mediche o personali possono indurre una madre a optare per gli alimenti per lattanti, che sono un’ottima alternativa. La sua formula contiene vitamine, minerali e sostanze nutritive. Hanno anche alcuni elementi che devono essere somministrati ai bambini negli integratori quando vengono nutriti solo con latte materno, come ferro o fluoro.

4. “Dovresti svezzare a sei mesi”

Uno dei consigli sbagliati più comuni per l’allattamento al seno è che dovreste smettere di allattare il vostro bambino a sei mesi. Il suggerimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è che l’allattamento al seno dovrebbe essere esclusivo fino a sei mesi e poi dovrebbe essere integrato con gli alimenti appropriati in base all’età del bambino e al parere del medico. L’allattamento al seno può prolungare fino a due anni di vita o anche di più.

5. “Devi allattare ogni 3 ore, anche se devi svegliarlo” tra i peggiori consigli sull’allattamento

Cattivo consiglio. Riuscite a immaginare di essere svegliate ogni tre ore? Come reagireste?

I bambini allattano fino a quando non sono sazi e poi di solito si addormentano per alcune ore. Se il piccolo non si sveglia, significa che è soddisfatto e a suo agio, quindi non è necessario svegliarlo.

Approfittate dei momenti in cui il bambino dorme per riposarvi anche voi e quando si sveglia dategli il tempo necessario per mangiare.

L’allattamento al seno del bambino a richiesta garantisce una corretta alimentazione del piccolo, contrariamente a quanto pensano alcune persone. Al contrario, limitare le poppate può influenzare la produzione di latte.

6. “Non allattare al seno a richiesta, perché in questo modo vizierai il bambino”

L’allattamento al seno su richiesta è un problema biologico. Il latte materno è prodotto dalla stimolazione della suzione del bambino. Di conseguenza, limitare le poppate porterà solo a una produzione di latte sempre minore. Qual è il vantaggio di questo? Nessuno.

Dare al bambino il latte di cui ha bisogno non è viziarlo, ma alimentarlo correttamente e accompagnare la sua crescita.

7. “Cerca una balia, perché il tuo seno è troppo piccolo per produrre latte” tra i pessimi consigli sull’allattamento

Se avete il seno piccolo, avete poco tessuto adiposo e questo non ha nulla a che fare con la capacità della ghiandola di produrre latte.

Il seno è costituito da tessuto ghiandolare, che è ciò che è coinvolto nella creazione del latte, tessuto adiposo e tessuto connettivo di supporto. La dimensione del seno dipende dalla quantità di grasso, non dal tessuto ghiandolare.

D’altra parte, come spiegato nell’articolo 14 miti sull’allattamento al seno, dell’UNICEF:

“La produzione di latte materno è determinata dalla capacità del bambino di attaccarsi al seno ed estrarre il latte ad ogni poppata, nonché dalla frequenza dell’allattamento”.

In conclusione, la dimensione del seno è un problema irrilevante per l’allattamento.

Cattivi consigli per l’allattamento al seno, non ascoltare!

Questi sono i peggiori consigli che potrete mai sentire, ma non sono gli unici. Ce ne sono molti altri che si ripetono e che durano nel tempo nonostante le campagne e le informazioni che si conoscono oggi sull’allattamento al seno.

Ma, così come ci sono cattivi suggerimenti, ce ne sono anche buoni, e la cosa migliore è che in caso di dubbio, consultare sempre un medico di fiducia.

Ricordate che l’allattamento al seno è benefico sia per il bambino, che per la madre e anche per la società, poiché l’allattamento al seno è un grande investimento per la salute.

“L’allattamento al seno protegge la madre da diabete, cancro al seno e alle ovaie, malattie cardiache e depressione postpartum”.

-UNICEF-

Potrebbe interessarti ...
Come il caldo influisce sull’allattamento al seno
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come il caldo influisce sull’allattamento al seno

Il caldo può essere un fattore determinante per ottenere un allattamento al seno confortevole. È bene offrire il seno su richiesta.