Il colore degli occhi dei neonati: ecco come cambia

· 15 Dicembre 2017

Gli occhi dei neonati sono sempre belli. In genere ci sorprendono per la loro vivacità. Ci domandiamo se il piccolo riesca a vederci. Ma soprattutto ci interessa sapere di che colore saranno. Il colore degli occhi dei neonati è grigio nella maggior parte dei casi. Molte volte ne rimaniamo sorpresi, ma c’è una spiegazione.

Se si tratta di un neonato i cui familiari hanno gli occhi scuri, ci risulta incomprensibile che sia nato con gli occhi chiari. Questa situazione ci può mettere a disagio o può far nascere in noi l’illusione che avremo un bambino con questa caratteristica somatica. Non illudiamoci troppo, perché le cose cambieranno presto.

Il colore degli occhi dei neonati si mantiene un po’ più chiaro fino all’età di 9 mesi circa. Nella maggior parte dei casi si scurisce gradualmente fino ad arrivare alla tonalità definitiva. Anche in presenza di occhi effettivamente azzurri o verdi, nei primi mesi di vita la tonalità subirà delle variazioni.

Quando il bambino nasce con gli occhi scuri, invece, per esempio color caffè, la cosa più probabile è che diventino ancora più scuri. Tra i sei e i nove mesi il colore degli occhi del bambino attraversa diverse fasi. A volte si tratta di cambiamenti impercettibili. 

A cosa è dovuto il cambiamento del colore degli occhi dei neonati?

Come accade per il colore della pelle e dei capelli, anche il colore degli occhi dipende dalla quantità di melanina presente nella parte colorata dell’occhio, meglio nota col nome di iride. La melanina è una proteina prodotta dai melanociti, la cui funzione è dare pigmentazione a certi tessuti.

Nel neonato i melanociti non sono ancora maturi, motivo per cui alla nascita alcune tonalità non possono essere raggiunte, tanto negli occhi quanto nella pelle e nei capelli. Un neonato, infatti, può nascere con una pelle più chiara di quella che avrà da adulto.

Colore degli occhi dei neonati

Nei primi giorni di vita, la produzione di melanina è molto scarsa. Per questo il cambiamento di colore dell’iride avviene gradualmente. Gli occhi del piccolo cominciano a scurirsi fin dalla nascita, assumendo diverse tonalità. La produzione di melanina aumenta anche nell’epidermide e nei capelli.

Si è detto quali sono i fattori che influiscono sulla definizione del colore degli occhi. È poi la genetica a dirci quale sarà sostanzialmente il colore definitivo dell’iride.  Le variazioni cromatiche dipendono dalla produzione di melanina, una sostanza organica.

Una produzione leggera di questa proteina dà luogo a occhi nella scala del grigio, del verde o dell’azzurro. Quando la secrezione è più abbondante gli occhi assumeranno una colorazione sulle tonalità del miele o del nocciola. Gli occhi color caffè o neri sono il risultato di un’elevata produzione di melanina.

Altre spiegazioni sul cambiamento del colore degli occhi

Si fanno numerose speculazioni sulla causa del cambiamento graduale del colore degli occhi dei neonati. Per esempio, si è diffusa la credenza popolare secondo cui l’allattamento materno influisca sul processo. Tuttavia gli specialisti negano la possibilità che esita una relazione tra le due cose. e non esiste alcuno studio che avalla questa ipotesi.

colore occhi castani

Secondo gli esperti, questa credenza si basa sul tempo di durata del cambiamento che, come sappiamo, coincide all’incirca con la durata dell’allattamento. I sei o nove mesi di allattamento corrispondono ai mesi che impiega l’iride a scurirsi.

Durante la maturazione dei melanociti, la maggior parte dei neonati si nutre di latte materno. Tuttavia il cambiamento avviene anche nei neonati che non ricevono il latte materno. Stando alle affermazioni degli studiosi, il processo di maturazione extrauterina avviene in maniera naturale anche quando il bambino non viene allattato al seno.

D’altro canto si è parlato di una possibile relazione tra il cambiamento del colore dell’iride e l’esposizione ai raggi solari. A quanto pare la luce del sole influisce sulla produzione di melanina, facendola aumentare. Potrebbe essere un’ipotesi vera, considerato che il bambino viene esposto a questa luce solo una volta fuori dall’utero. Si ritiene inoltre che il colore dell’iride di un adulto possa cambiare per effetto del sole.

Il colore chiaro degli occhi dei neonati può dipendere dall’oscurità dell’utero. Pertanto, prima del cambiamento di ambiente, l’organismo fa le dovute modifiche.