La competitività nel calcio per bambini

Pensate che la competitività nel calcio per bambini sia una cosa buona? Analizziamo nel seguente articolo gli aspetti positivi e negativi di questo aspetto dello sport.
La competitività nel calcio per bambini

Ultimo aggiornamento: 18 agosto, 2021

La competitività nel calcio per bambini è diventata netta. Pertanto, gli psicologi hanno deciso di avvisare genitori e rappresentanti sui rischi di un’elevata competitività nel calcio infantile e su come questo influisca sullo sviluppo sociale dei bambini.

Molti genitori esercitano troppa pressione sui propri figli, il che li rende più competitivi. Vedendo che il bambino mostra un talento per un’attività, lo spingono a fare del suo meglio, sempre di più, non importa quanto ciò possa influenzare la sua percezione dell’attività e dei coetanei con cui la svolge.

La competitività è diventata una follia, tanto che i bambini si affrontano sui campi sportivi invece di godersi e condividere il momento ricreativo con i coetanei. Prendono troppo sul serio il fatto di cercare di migliorare se stessi e sulla loro strada cercano di distruggere gli altri e privarli di ogni possibilità di miglioramento. In questo senso, agiscono come se non ci fosse parità di condizioni tra di loro.

Dal punto di vista degli esperti, i genitori sono i primi responsabili dell’aumento della competitività malsana tra i bambini.

Sui campi da calcio dei bambini, i genitori e/o i rappresentanti dei giovani calciatori affrontano tanto (o più) dei concorrenti. Come conseguenza del confronto degli adulti, i bambini sono richiesti di più. Si sentono spesso argomenti come: ” Mio figlio merita molto di più questa posizione” o “Mio figlio ha più talento del tuo“. Questi tipi di asserzioni sono tanto comuni quanto inaccettabili.

Ingiustizia e scontro nel calcio per bambini

Quando si parla di sana competizione, durante una partita sportiva, non c’è spazio per cattivi comportamenti e atteggiamenti negativi. Quando l’attività è esclusivamente ricreativa, il divertimento dovrebbe essere la garanzia, non il desiderio di distruggere il partner.

Lo sport è divertimento, non competizione

Gli arbitri, di varie categorie per bambini di Madrid, affermano che l’allenamento per ricevere insulti fa parte della loro preparazione. Sì, ora gli arbitri devono prepararsi a gestire gli insulti dei giocatori… anche i più piccoli, che possono essere feroci quanto un adulto.

L’arbitro di calcio per bambini Marco González, afferma che all’inizio non poteva crederci quando gli puntavano il dito contro. Commenta che la preparazione in questa categoria è molto semplice, i bambini difficilmente corrono dietro la palla. Tuttavia, i genitori dei piccoli la vedono diversamente e instillano in loro una cattiva visione del gioco.

Gli insulti non vengono dai bambini (che si stanno solo divertendo); sono i genitori che provocano il caos. Per qualche ragione, credono che il futuro dei loro figli sia in gioco durante questi corsi di formazione. Non insultano solo gli arbitri, ma anche altri genitori e, di tanto in tanto, anche i bambini. Minacce, lamentele e malcontento sono all’ordine del giorno in questi incontri.

”La cosa più normale è che ci siano insulti, litigi, minacce, insulti all’arbitro… sono una cosa che non riesco a capire. Penso che ci sia un sacco di padre frustrato.”, commenta così Paco Paz, presidente del club Union 2000 di Parla.

Paco Paz, non avrebbe potuto dirlo meglio: “Ci sono un sacco di genitori frustrati”. Tutta quella frustrazione che mostrano nelle rivolte che fanno nelle feste, la trasmettono ai più piccoli. Fa male ai bambini quando gli adulti, come portieri, arbitri e genitori, affrontano una competizione che potrebbe non interessarli.

Il fenomeno Hooligan

Conoscete il termine hooligan? È un’espressione anglosassone che definisce o indica quanto segue: atteggiamento violento o distruttivo che viene messo in atto dai tifosi di una determinata squadra sportiva. In altre parole, si tratta di fans aggressivi. In Argentina, il teppista è chiamato “fan”.

Questo tipo di comportamento fa sì che i bambini perdano i valori originali trasmessi dall’attività alla loro età, che sono:

  • Ematia.
  • Sforzo.
  • Rispetto.
  • Cooperazione.
  • Responsabilità (nei bambini piccoli, a livello cognitivo, la responsabilità comincia a essere percepita lentamente a seconda del fatto che “se voglio che la mia squadra vinca, devo essere puntuale sul campo di calcio”.
  • Compagnia e/o amicizia.
  • Lavoro di squadra.

Quando i bambini osservano che i loro genitori non rispettano l’arbitro o attaccano gli altri genitori (anche se solo verbalmente), ricevono un esempio inappropriato, e prima o poi inevitabilmente seguiranno l’esempio. Evitiamo di trasmettere ai bambini preoccupazioni, tensioni e cattive abitudini degli adulti .

Lo sport ha molti benefici che non si misurano in numeri, siamo responsabili con i genitori e facciamogli godere in modo sano.

È importante che i bambini giochino e si divertano come una squadra

La competitività e la pressione degli adulti

È assolutamente inaccettabile che i bambini piccoli giochino per competere con gli altri e superarli, senza la possibilità di godersi semplicemente l’attività in generale. Un bambino (sotto i 6 anni di età) NON deve essere valutato per i goal, i minuti giocati e altri dati che potrebbero portare a comportamenti non salutari. A questa età, l’essenziale è che imparino a lavorare in squadra e a godersi l’attività.

Cosa dovremmo insegnare loro? Come passare la palla a un piccolino perché ha maggiori possibilità di essere il leader in gol, come evitare che facciano male a un compagno di squadra, come far divertire la squadra allo stesso modo, applaudire la squadra avversaria quando segnano… Comunque, atteggiamenti che aggiungono e non tolgono.

Lo sport a queste età dovrebbe avere molti più vantaggi dell’essere la stella della squadra. I più piccoli dovrebbero divertirsi, imparare a fare squadra, socializzare e ottimizzare il proprio sviluppo fisico. Non dovrebbero competere per obiettivi individuali (più importanti per gli adulti che per se stessi). Quando tutti si divertono, tutti diventano star perché tutto scorre meglio.

Non tutti i bambini che competono in queste categorie diventano grandi star; giocano solo per essere più sani e felici. Potrebbero non voler intraprendere la carriera di calcio, ma i genitori frustrati possono pretendere troppo. La malsana competitività ha portato i genitori a segnare punti nelle categorie dei bambini tra i 4 e i 5 anni, dove si gioca senza statistica.

Dobbiamo evitare di cadere nel fare proiezioni sui nostri figli, l’importante è aiutarli a fare del loro meglio affinché si divertano, non perché tornino a casa furiosi, frustrati o depressi per aver perso o per non aver raggiunto ciò che i loro genitori si aspettavano da loro.

Potrebbe interessarti ...
Benefici psicologici dello sport nei bambini
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Benefici psicologici dello sport nei bambini

I benefici psicologici dello sport nei bambini stimoleranno questi ultimi a sviluppare una serie di capacità e abilità vantaggiose per la loro cres...