Perché mio figlio non piange mai?

Quando un bambino non piange mai, di solito è perché reprime l'espressione delle proprie emozioni. Inoltre, potrebbe esserci una causa fisiologica che ti impedisce di farlo. Se vuoi saperne di più, non perderti questo articolo!
Perché mio figlio non piange mai?
Mara Amor López

Scritto e verificato da la psicologa Mara Amor López.

Ultimo aggiornamento: 01 dicembre, 2022

Potreste sentirvi preoccupati perché vedete che vostro figlio non piange mai, nonostante abbia motivi per farlo. Ciò può essere dovuto al fatto che trattiene le lacrime o perché c’è davvero qualche problema fisiologico che vi rende difficile farlo. Prima di tutto, dobbiamo sapere qual è la vera causa per risolverla.

Quando i bambini sono piccoli permettiamo loro di piangere, ma una volta che hanno sette o otto anni, diciamo loro che sono troppo grandi per farlo. È ancora molto peggio quando vengono chiamate ragazze, a causa dei pregiudizi della società. Anche così, non dobbiamo dimenticare che tutti abbiamo il diritto di piangere, non importa quanti anni abbiamo. Anche i bambini al di sotto di queste età affrontano difficoltà e problemi che li fanno sentire tristi e hanno bisogno di esprimerlo attraverso le lacrime.

Non è utile incoraggiare i bambini a trattenere le lacrime

Non è bene incoraggiare i bambini a sopprimere le lacrime, poiché sono il modo per esprimere determinate emozioni. Il dolore che non si esprime con nessuna emozione, soprattutto nell’infanzia, rimane dentro e fa male. Ecco perché è così importante lasciare che esprimano le loro emozioni. Proprio come ridono quando sono felici, hanno anche il diritto di piangere quando si sentono tristi o angosciati.

Inoltre, immaginate quanto può essere difficile per nostro figlio non piangere mai. Quindi come facciamo a sapere quando ha bisogno del nostro tocco, affetto e conforto? La questione non è che siano molto sensibili o piagnucoloni, ma che li aiutiamo a esprimere le loro emozioni.

È importante aiutare i bambini a comprendere le proprie emozioni ed esprimerle in modo sano, oltre a cercare la soluzione più adeguata ai loro problemi e difficoltà.

Cosa possiamo fare se nostro figlio non piange mai?

Come abbiamo detto, sopprimere le lacrime non è salutare e può avere conseguenze sullo sviluppo emotivo di bambini e adolescenti. Per questo motivo, dobbiamo tenere conto di quanto segue:

  • Osservate il nostro atteggiamento con loro, migliora la comunicazione e sii più comprensivo e affettuoso. Dobbiamo sempre offrire loro il nostro amore e il nostro sostegno incondizionati.
  • Considerate se vostro figlio ha un controllo eccessivo sulle sue emozioni. Questa rigidità porta a una grande fragilità e tensione nel bambino.
  • Vedete se abbiamo mai fatto vergognare per aver pianto. Se è così, nostro figlio potrebbe pensare che questa espressione emotiva ci metterà in imbarazzo o semplicemente che non ci raggiungerà.
  • Fategli sentire che il loro stato d’animo, le loro emozioni e le loro giornate belle e brutte sono di nostro interesse. Inoltre, vi permettiamo di esprimere come vi sentite nel modo di cui avete bisogno. Non saremo in grado di confortare un bambino se tiene per sé il suo dolore, quindi dobbiamo essere più ricettivi.

Mio figlio non piange mai a causa di una malattia rara

C’è una malattia rara che impedisce ai bambini di piangere. Secondo alcuni studi effettuati da ricercatori nordamericani, le cellule dei bambini con carenza di NGLY1 non hanno abbastanza proteine acquaporine e questo non permette loro di produrre lacrime.

Questa scoperta, fatta dagli scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute, potrebbe spiegare alcuni dei sintomi di questa rara malattia:

  • Incapacità di produrre lacrime.
  • Ritardi di sviluppo.
  • Epilessia multifocale.
  • Funzionalità epatica anormale.
  • Convulsioni.
non piange mai
Le acquaporine non solo regolano la produzione di saliva e lacrime, ma sono coinvolte in una moltitudine di funzioni cerebrali. La loro mancanza rende i bambini con carenza di NGLY1 incapaci di piangere.

Una malattia che non ha cura

Nel mondo ci sono circa 60 persone che non piangono. Inoltre, per ora non esiste una cura per questa malattia e i trattamenti si concentrano sul trattamento di alcuni dei sintomi che causano il disturbo. Tuttavia, grazie a questa scoperta, si possono adottare misure per individuare alcuni farmaci che aiutano ad aumentare le acquaporine.

Sul perché mio figlio non piange mai

Se vostro figlio non piange mai e non capite perché e cosa dovreste fare, speriamo che questo articolo vi sia stato utile. Un bambino potrebbe non piangere perché ha un problema fisiologico che gli rende impossibile farlo. Inoltre, in molti casi, i piccoli trattengono le lacrime perché a un certo punto li abbiamo fatti vergognare o li abbiamo rimproverati per aver pianto.

È importante tenere presente che non dovremmo dire ai bambini di non piangere. Dovrebbero piangere se ne hanno bisogno, perché fa parte dell’espressione delle emozioni, proprio come le risate, e non dovrebbero vergognarsene. È necessario normalizzare che sia i ragazzi che le ragazze possano piangere se ne hanno voglia e se vogliamo che abbiano un buon sviluppo emotivo.

Potrebbe interessarti ...
Il neonato non smette di piangere? Ecco cosa fare
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Il neonato non smette di piangere? Ecco cosa fare

Se il vostro piccolo piange disperatamente e non sapete come fare, non perdetevi questi consigli che vi aiuteranno quando il neonato non smette di ...



  • Caglayan, A. O., Comu, S., Baranoski, J. F., Parman, Y., Kaymakçalan, H., Akgumus, G. T., … & Gunel, M. (2015). NGLY1 mutation causes neuromotor impairment, intellectual disability, and neuropathy. European journal of medical genetics, 58(1), 39-43. https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1769721214001682
  • Enns, G. M., Shashi, V., Bainbridge, M., Gambello, M. J., Zahir, F. R., Bast, T., … & Goldstein, D. B. (2014). Mutations in NGLY1 cause an inherited disorder of the endoplasmic reticulum–associated degradation pathway. Genetics in Medicine, 16(10), 751-758.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.