Processo decisionale nei bambini: l'importanza di imparare a scegliere

Quando un bambino decide, sta esercitando la sua libertà. Ma non è tutto: oltre al suo carattere e alla sua determinazione, sta mostrando i suoi genitori che è indipendente, aprendo le braccia per spiccare il volo.
Processo decisionale nei bambini: l'importanza di imparare a scegliere
María Alejandra Castro Arbeláez

Revisionato e approvato da la psicologa María Alejandra Castro Arbeláez.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Il processo decisionale è elementare nella vita di tutti i giorni. Ogni essere umano fa continuamente delle scelte : cosa mangiare? Sinistra o destra? Mi piace o non mi piace? Cosa fare ora e dopo? Ci rendiamo conto che le facciamo.

Le decisioni iniziano a svilupparsi durante l’infanzia, a poco a poco. Per questo è molto importante sapere come guidare i nostri figli, poiché in questo modo faremo in modo che il processo decisionale diventi uno strumento prezioso nella loro vita, e non un motivo di sopraffazione.



[/atomik -leggi anche tu]

Che cos’è il processo decisionale?

Il processo decisionale è il processo mediante il quale selezioniamo l’opzione migliore all’interno del set disponibile, per risolvere una situazione particolare.

In questo modo, il processo decisionale può essere presente in qualsiasi ambito : sociale, familiare, lavorativo, ecc. Quindi l’opzione selezionata sarà considerata la più:

  • Benefico.
  • Vitale.
  • corretta.
  • Adeguato.

In altre parole, nel processo decisionale, i dati esistenti vengono analizzati e in base alle diverse alternative offerte dalla situazione, si sceglie quella per ottenere il massimo beneficio.

Durante l’infanzia, i bambini vengono aiutati a scegliere molte cose, dai vestiti al cibo, in un modo che consente loro di visualizzare quali opzioni hanno e perché alcune sono migliori di altre.

L'essere umano prende costantemente decisioni.

Se andiamo con loro in un negozio di dolciumi, anche se prendiamo in considerazione ciò che attira la loro attenzione, li aiutiamo a decidere l’opzione migliore.

Alcune raccomandazioni per il processo decisionale nei bambini

Decidere è un atto di volontà. Ci vuole coraggio, fiducia, discernimento e giudizio. Quando i bambini decidono e lo fanno con fermezza, stanno dimostrando la loro libertà. Ecco alcuni consigli per i genitori che hanno il difficile compito di insegnare a volare ai propri figli.

Evita di essere iperprotettivo

È molto difficile per i genitori evitare la sensazione di iperprotezione. Questo perché conoscono le difficoltà che la realtà offre e vogliono evitare il dolore per i propri figli. Ma gli errori sono quelli che educano; sbagliare e fare ammenda, tempera lo spirito.

I genitori lo hanno fatto e non possono privare i loro figli di quell’esperienza. In ogni caso, non saranno in grado di impedire che accada loro ad un certo punto, quando non sono lì per evitarlo. La cosa migliore e più raccomandabile, quindi, è che sia i genitori che i figli affrontino l’avventura per tentativi ed errori.

Valorizza lo sforzo e impara dagli errori

Come conseguenza di quanto sopra, non avrebbe senso aprire loro le porte per sperimentare se poi valutiamo negativamente l’errore. Non è solo vedere il lato positivo, ma anche riconoscere il problema in tutte le sue dimensioni; perché questo è esattamente ciò che consente l’errore.

L’errore aiuta a vedere la realtà completa, dalla difficoltà e dalla fatica; permette di vedere ciò che l’accecante splendore del trionfo non permette di vedere.

Completare le faccende domestiche

I bambini a casa devono avere obblighi, compiti in base alla loro età, impegni che devono essere adempiuti con tempi di consegna stabiliti. Le nozioni di tempo sociale informano le loro azioni e le preparano ad assumere compiti e portarli a termine.

Pesare e scegliere è pensare

C’è una curiosa relazione tra la parola rimpianto e pensare. Pensare deriva dal latino ‘pensare’, che significa pesare o calcolare. In modo che tra i due possiamo individuare un ponte, la parola pesare, che è proprio quello che facciamo quando scegliamo.

Quindi i nostri figli pesino, cioè ragionano e pensano; avere opzioni e, in definitiva, scegliere. Queste semplici azioni sono molto complesse e rispondono come vediamo alle più alte funzioni del pensiero.

Input dal processo decisionale

Le decisioni consentono ai bambini di sviluppare:

  • La capacità di discernimento.
  • capacità critica.
  • Responsabilità (e, a lungo termine, etica).
  • Empatia, o capacità di mettersi nei panni di un altro,
  • Gestire problemi e/o conflitti.

influenza emotiva

Le abilità di vita sono legate all’acquisizione di abilità nella sfera sociale, emotiva ed etica che integrano e ottimizzano le capacità cognitive e intellettuali.

Ragione ed emozione non possono essere separate. Così,  imparare a gestire le emozioni è la chiave per insegnare ai tuoi figli a prendere decisioni più assertive. Va tenuto presente che le emozioni hanno un’influenza decisiva sul processo decisionale.

Un bambino che sa gestire le proprie emozioni brillerà non solo sul posto di lavoro, ma anche in altri aspetti della sua vita.

Puoi imparare ad educare le tue emozioni e trovare così facilmente un equilibrio. Come propone Diekstra, in un’intervista a Elsa Punset, affinché i nostri figli imparino sia a gestire le emozioni che a prendere decisioni, possono essere inseriti in attività che insegnino loro a praticare l’autocontrollo.

Attività per gestire le emozioni

Le attività che meglio aiutano il bambino ad imparare a identificare e gestire le emozioni sono le seguenti:

  • arti dello spettacolo
    • Teatro
    • Danza
    • Musica
  • arti plastiche
    • La pittura
    • Disegnò
    • Scultura
    • artigianato in genere
  • Sport e attività fisiche

Non si tratta di iscrivere i bambini a tutte le attività che c’è, né dovremmo saturarli nella loro vita quotidiana. La cosa migliore è che sono sporadici o come hobby o passatempo.

Praticare attività all'aperto in famiglia aiuta a rafforzare i vari apprendimenti.

Un’altra alternativa è guardare insieme un film in casa, frequentare sessioni di danzaterapia, uscire all’aperto e praticare uno sport di squadra.

D’altra parte, è importante sottolineare che più li aiutiamo a essere indipendenti, meglio faranno nella vita. Questo non significa che li lasceremo soli, dobbiamo semplicemente sapere che siamo qui per guidarli, consigliarli e insegnarli, non per fare cose per loro.

Se siamo tentati di fare tutto per loro, e decidere sempre cosa è meglio per loro, domani avremo adolescenti o adulti frustrati e/o imbarazzati.

Il processo decisionale è un contributo che possiamo offrire ai nostri figli affinché possano gestire le situazioni che possono sorgere nella loro vita quotidiana. Che siano buoni o cattivi. Inoltre, ciò contribuirà alla loro agilità mentale, creatività e flessibilità, che sarà loro di grande aiuto in qualsiasi campo sociale.

Sia l’agilità mentale che la flessibilità costituiscono un grande tesoro per l’individualità, poiché in questo modo il bambino può permettersi di sbagliare, imparare e andare avanti più facilmente che se non disponesse di questi strumenti.

Potrebbe interessarti ...
Diventare genitori: una decisione di coppia
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Diventare genitori: una decisione di coppia

"Diventare genitori può essere un'esperienza naturale o pianificata. In entrambi i casi, è importante che la coppia sia d'accordo sulle decisioni c...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.