Sindrome del bambino dimenticato: cosa bisogna sapere

Le notizie di bambini che muoiono nelle auto dei genitori sono devastanti. Ma è un problema di genitori irresponsabili o negligenti o c'è un'altra spiegazione? Ve ne parliamo in questo articolo da non perdere.
Sindrome del bambino dimenticato: cosa bisogna sapere
Mara Amor López

Scritto e verificato da la psicologa Mara Amor López.

Ultimo aggiornamento: 07 gennaio, 2023

La notizia che un bambino è morto abbandonato in macchina ci lascia tutti senza parole. Questa sindrome del bambino dimenticato può verificarsi in qualsiasi momento dell’anno, ma è più pericolosa tra i mesi di aprile e settembre. Sebbene possa sembrare incredibile, questi eventi accadono. Sono piccoli che non parlano e che perdono la vita quando i genitori li dimenticano all’interno del loro veicolo.

Nella stragrande maggioranza dei casi ciò avviene per una svista dei genitori, solitamente assorbiti da tutte le incombenze e dallo stress quotidiano. Per questo motivo, la loro mente cancella totalmente il fatto di avere il bambino in macchina. Molte persone, quando leggono questo tipo di notizie, giudicano quei genitori e credono che a loro non potrebbe mai accadere. Tuttavia, la realtà indica che potrebbe capitare a chiunque, anche al più responsabile e organizzato dei genitori.

Cos’è la sindrome del bambino dimenticato?

Questa sindrome si riferisce al fatto che gli adulti lasciano il neonato o il bambino piccolo dimenticato in un veicolo chiuso e, frequentemente, pone fine alla vita del minore. Ciò si verifica spesso quando i genitori pensano a tutti i compiti che devono svolgere, invece di concentrarsi su ciò che fanno al momento.

Non esiste un profilo specifico dei genitori che sono più inclini a questo fenomeno, ma può colpire chiunque, indipendentemente da sesso, razza, istruzione o personalità. Succede più spesso quando i genitori cambiano la loro routine o hanno molto in mente mentre guidano.

Quando un genitore ha molte cose per la testa, può allontanarsi dall’auto e dimenticare che il figlio è seduto sul sedile posteriore. Pertanto, lo stato mentale dell’adulto può essere molto pericoloso per i bambini che dormono o sono tranquilli all’interno del veicolo.

Come la scienza spiega la sindrome del bambino dimenticato

David Diamond, professore di psicologia presso la University of South Florida e Ph.D., ha studiato per 15 anni le cause che possono portare alla sindrome del bambino dimenticato. Per lui è una questione di mancanza di memoria.

“La sindrome del bambino dimenticato non è un problema di abbandono, ma un problema di memoria. La credenza più comune è che solo i genitori cattivi o sbadati dimenticano i propri figli in macchina. È una questione di circostanze. Potrebbe capitare a chiunque”.

-Davide Diamante-

Nella sua ricerca, dal punto di vista neurobiologico e cognitivo, Diamond ha preparato un documento con l’ipotesi del motivo che può causare questo fenomeno. Pertanto, tali sviste sarebbero dovute alle seguenti cause:

  1. Il padre che guida perde conoscenza per la presenza del figlio in macchina.
  2. L’autista mostra un difetto nella memoria prospettica del cervello.
  3. Durante il viaggio si verificano diverse distrazioni e fattori che stressano il guidatore e contribuiscono al fallimento della memoria prospettica.

Pertanto, Diamond è giunto alla conclusione che in tutti i casi studiati di genitori che hanno dimenticato i propri figli in macchina, si è verificato un guasto nel sistema di memoria prospettica.

Cosa possiamo fare per evitarla?

Ora che abbiamo visto che questo può succedere a chiunque perché c’è la possibilità che la nostra memoria fallisca, possiamo fare tutto il possibile per evitare che accada a noi. Insomma, tutto può influenzare la nostra memoria e la capacità di ricordare. Tenendo conto di ciò, possiamo prendere coscienza e attuare alcune misure preventive, come le seguenti:

  • Se portiamo nostro figlio all’asilo nido o con una baby sitter, possiamo concordare che quando succede qualcosa fuori dalla normale routine, ci chiameremo. Ad esempio, se nostro figlio non andrà a lezione, avviseremo l’insegnante. Quindi, se il bambino non viene in classe come tutti i giorni, la scuola ci chiamerà per vedere cosa sta succedendo.
  • Impostare promemoria sul cellulare. Ad esempio, se c’è un cambiamento nella nostra routine, sia noi che i nostri partner possiamo concordare di chiamare gli altri cinque minuti dopo che il bambino è entrato al nido.
  • Aiutaci con promemoria visivi. Ad esempio, possiamo posizionare un peluche, il suo zainetto, una scarpina o qualsiasi cosa che possiamo mettere sul lato passeggero e ricordarci che nostro figlio è in macchina con noi.
  • Usare le applicazioni. Queste possono aiutarci a ricordarci di controllare il sedile posteriore o farci sapere che nostro figlio è ancora lì.
sindrome del bambino dimenticato
È importante accettare che c’è una possibilità che ciò possa accadere a chiunque, che sia dovuto a stress, mancanza di riposo o qualcos’altro. Una buona idea è posizionare un peluche sul sedile del passeggero o un oggetto che ci ricordi che il bambino è in macchina.

Il cervello può tradirci 

Quindi, la sindrome del bambino dimenticato capita solo ai cattivi genitori? La risposta è no. Come abbiamo detto, può capitare a chiunque, anche al più responsabile. Tuttavia, sebbene abbia a che fare con un fallimento della memoria, non significa che dobbiamo vederlo come qualcosa di normale o accettarlo. Si tratta di essere più comprensivi e non essere così duri con i genitori a cui è successo e che hanno dovuto subire questa tragedia.

Non dobbiamo dimenticare che anche gli adulti non riescono a capire come abbiano potuto commettere questo errore e se ne incolpano per tutta la vita. Succede che, come ha detto David Diamond, anche il cervello può tradirci.

Potrebbe interessarti ...
Atteggiamenti da evitare con vostro figlio
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Atteggiamenti da evitare con vostro figlio

Volete sapere quali sono gli atteggiamenti da evitare con vostro figlio? Ve li raccontiamo in questo articolo, non perdetevelo.



  • Diamond, D. M. (2019). When a child dies of heatstroke after a parent or caretaker unknowingly leaves the child in a car: How does it happen and is it a crime?. Medicine, Science and the Law, 59(2), 115-126.
  • Diamond, D. (2016). An epidemic of children dying in hot cars: a tragedy that can be prevented. The Conversation.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.