I 5 migliori frutti per bambini: bontà e salute!

· 16 Gennaio 2019
Ecco quali sono i frutti più raccomandati per i bambini, in grado di dare loro tutti i nutrienti necessari allo sviluppo e di accontentare il loro gusto.

Per mantenere una dieta sana, i vostri figli devono consumare tutti i tipi di alimenti e sostanze nutritive. Sempre e quando no soffrano di una qualche malattia o intolleranza alimentare. Per aiutarvi a pianificare una corretta routine alimentare, abbiamo deciso di parlarvi dei frutti per bambini più adatti al loro sviluppo. Si tratta di alimenti fondamentali e indispensabile, dato il loro grande contributo in vitamine, fibre e altri componenti.

In questo articolo non vi indicheremo solo qual’è la frutta più raccomandata per più piccoli di casa, ma vi daremo anche qualche consiglio utile per rendere più appetibili questi straordinari regali che la Natura, da millenni, concede all’essere umano.

Perché la frutta è così importante?

Aiuta a prevenire le malattie

Vitamine, fibre, antiossidanti, minerali… Frutta e verdura sono essenziali nella dieta dei piccoli perché, tra gli altri vantaggi, “contribuiscono a ridurre il rischio di sviluppare varie malattie come l’obesità, le patologie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro, tenendo a bada il colesterolo alto e il diabete di tipo 2, ma non solo“, afferma il prestigioso portale di salute Faros.

Per tutti questi motivi, i pediatri consigliano ai genitori di includere frutta ogni giorno ad ogni pasto, o come dessert a pranzo m anche quando il bambino ha fame e non volete dargli da mangiare le dannose merendine processate artificialmente. In questo senso, è essenziale instillare, da subito, delle buone abitudini alimentari già nei primi mesi di vita. In modo che mangiare la frutta sia vista come qualcosa di normale e non come un’obbligazione.

bimbo mangia pappina seduto con accanto banane

Tipi di frutta adatta ai bambini in base all’età

Nell’età evolutiva, i primi frutti ammessi sono mela, pera e banana. Successivamente, è possibile aggiungere altre varietà come prugne, ciliege (entrambi senza osso), uva (senza semi né pelle), kiwi e ananas. A partire dai 12 mesi, vostro figlio potrà consumare anche pesche, albicocche, nespole, arance, mandarini, melone, cocomero, mango e papaia.

“Con lo sviluppo dei denti incisivi, sarà possibile integrare nella dieta una maggior varietà di frutta, oltre che più verdure e cereali” (Marina Fernández Martín, infermiera).

Oltre alle enormi proprietà della frutta, tenete presenti che si tratta di alimenti che favoriscono l’idratazione corporea (quasi il 90% della loro composizione è liquida), motivo per cui sono molto consigliati, specialmente in estate. Inoltre, offrono un grande contributo naturale di vitamine e minerali, come abbiamo indicato prima. Garantiscono anche l’apporto di una giusta dose di carboidrati semplici e fibre vegetali.

“Si è osservato che i bambini accettano di mangiare più frutta o verdura se gli vengono forniti dei purè durante 8-9 giorni. Nel caso dei frutti amari, il rifiuto sarà comprensibile ma può essere superato grazie a una maggiore esposizione a questi sapori ” (Maria Soledad Tapia, pediatra).

Un’energia extra!

Inoltre, forniscono zucchero che è facile da assimilare e che, allo stesso tempo, fornisce molta energia di cui hanno bisogno dato che spendono moltissima durante il giorno. A loro volta, i frutti permettono di limitare il consumo di altri alimenti meno salutari, come nel caso di dolci, pasticcini o farine, grazie al loro sapore gustoso e alla naturale sensazione si sazietà che creano.

bimba addenta mela rossa tenuta con le mani

Quali sono i migliori frutti per l’alimentazione dei bambini?

Anche se i piccoli possono mangiare tutti i tipi di frutta, a partire dal primo anno di vita, ci sono alcune varietà più raccomandate di altre. Vediamo assieme quali sono:

1. Mela

È il frutto per bambini per eccellenza, poiché è il primo che gli può essere dato (sotto forma di purè o pappina). Inoltre, è molto completo perché fornisce fibre, potassio, calcio, magnesio, sodio, ferro, vitamine e carboidrati. La mela è molto rinfrescante e idratante: la sua composizione è per l’85% di acqua. È anche facile da digerire (soprattutto senza buccia) e contiene zuccheri naturali e sani.

2. Banana

La banana è ricca di potassio, acido folico e vitamina C. Controlla la ritenzione di liquidi e consente al calcio di fissarsi meglio nelle ossa.

3. Pera

Le proprietà di questo frutto sono simili a quelle della mela e il suo sapore dolce e la consistenza acquosa sono molto apprezzati dai bambini. La pera contiene una buona dose di fibre e vitamine, riduce i problemi di stomaco e può essere combinata con altri frutti in dessert o pappine. Per questo è uno dei più versatili frutti per bambini.

4. Fragola

Per alcuni bambini, le fragole sono un po’ “forti” e acide, quindi non le apprezzano eccessivamente. Tuttavia, quando assaggiano un buon dolce, di solito lo amano. La fragola è molto nutriente, poiché fornisce vitamine, potassio, ferro, fosforo e calcio.

È importante evitare di dar loro zucchero: per migliorare il loro sapore, è preferibile versarci sopra del succo d’arancia, ad esempio.

5. Pesca

Facendo molta attenzione a togliere l’osso, anche questo è uno dei più deliziosi frutti per bambini. La pesca li aiuta a liberare l’intestino, per esempio quando sono costipati e riducono eventuali disturbi digestivi. Forniscono vitamine, ferro, magnesio, potassio e calcio.

Ora che sapete quali sono i migliori frutti per bambini, è il momento di imparare a prepararglieli nel modo migliore. Tra le tante opzioni, vi raccomandiamo la macedonia, i succhi di frutta fatti in casa (conservando la polpa) o anche un gelato preparato da voi. Potreste aggiungere la frutta allo yogurt preferito di vostro figlio o fare una gelatina naturale. E nelle giornate calde, naturalmente, semplicemente lavandola con acqua fresca, pronta per essere morsa!

  • Martín, M. F. (2006). Introducción de la alimentación complementaria. Medicina naturista, (10), 190-198
  • Tapia, M.S. (2013). Determinando las preferencias alimentarias en la edad pediátrica: importancia de la inclusión de frutas y hortalizas. Archivos Venezolanos de Puericultura y Pediatría, vol. 76, núm. 2, abril-junio, 2013, pp. 47-48