Che cos'è la cianosi?

Esistono vari tipi di cianosi, quindi il trattamento sarà correlato alla causa e determinato dall'area del corpo in cui si verifica.
Che cos'è la cianosi?

Ultimo aggiornamento: 15 marzo, 2022

La cianosi o pelle viola, si verifica quando sulla pelle appare un colore bluastro, principalmente correlato alla mancanza di ossigeno nel sangue. Tra i primi segni dell’insorgenza di questa malattia ci labbra e dita del bambino che assumono una colorazione blu.

Inoltre, può apparire improvvisamente accompagnata da problemi respiratori e altri sintomi che nomineremo di seguito.

Sintomi della cianosi

Generalmente, i bambini con questa malattia tendono ad avere difficoltà ad aumentare di peso e persino ad avere un basso peso alla nascita. Inoltre, tendono a stancarsi rapidamente al momento dell’allattamento.

In assenza di ossigeno nel bambino, dovresti consultare immediatamente un medico.

Nel momento in cui si nota un colore bluastro nelle dita, nelle labbra o nei piedi, bisogna essere molto attenti ai seguenti sintomi che possono comparire:

  • Il bambino si irrita facilmente;
  • Peso ridotto e difficoltà ad aumentare di peso;
  • In genere non ha troppa voglia di attività;
  • Bruciore alle narici per difficoltà di respirazione;
  • Emissione di rumori durante la respirazione; 
  • Infezioni respiratorie ripetute;
  • Ispessimento dell’ultima articolazione delle dita.

Tipi e principali cause di cianosi

Come descrive un articolo pubblicato dalla National Library of Medicine degli Stati Uniti, la cianosi che si osserva solo in una parte del corpo può essere causata principalmente da due motivi:

  • Un coagulo di sangue che blocca l’afflusso di sangue alla gamba, al piede, alla mano o al braccio;
  • Fenomeno di Raynaud: una condizione che, a causa delle basse temperature o delle forti emozioni, può causare il blocco del flusso sanguigno alle dita delle mani, dei piedi, delle orecchie e del naso.

Tuttavia, è importante notare che esistono vari tipi di cianosi e che ognuno di essi è dovuto a una causa diversa. Pertanto, al momento di rilevare il tono blu nella pelle del bambino, devono essere eseguiti i test necessari, determinare che tipo di cianosi presenta ed eseguire il trattamento appropriato. Di seguito vi citiamo la causa di ciascun tipo:

Cianosi centrale

Questo tipo di cianosi si riferisce anche al colore bluastro che si verifica principalmente nella zona delle labbra, sul viso o sul tronco.

È causato da malattie del cuore o dei polmoni o da tipi anormali di emoglobina come la metaemoglobina o la sulfemoglobina.

Altre cause:

  • Lesione durante il parto;
  • Sindrome da stress respiratorio;
  • Edema polmonare;
  • Ernia del diaframma;
  • Ostruzione delle vie aeree superiori.

Cianosi periferica

Questo tipo colpisce principalmente le estremità quando c’è una diminuzione della circolazione sanguigna locale negli organi periferici. Si chiama acrocianosi e si nota quando le mani e i piedi del bambino sono di colore bluastro, oltre ad essere percepiti freddi al tatto.

Può verificarsi anche quando il sangue arterioso non ha livelli normali di ossigeno, o nel caso di malattie polmonari o difetti cardiaci.

Altre cause:

  • Diminuzione del pompaggio del sangue da parte del cuore;
  • Malattie come trombosi o embolia;
  • Costrizione dei vasi sanguigni alle estremità.

Quando l’emoglobina deossigenata raggiunge tra 4-6 g dl è quando si può rilevare una possibile cianosi.

Cianosi transitoria

Se il bambino presenta questo tipo di cianosi, le mani e i piedi tendono ad assumere una colorazione bluastra, soprattutto se il bambino si trova in una zona fredda, provocando una vasocostrizione dei vasi sanguigni a causa del freddo.

È molto comune nei neonati e può durare diversi giorni.

Trattamento

Le cause determinano il tipo di cianosi e, sebbene il trattamento sia diverso in ogni caso, queste saranno alcune delle misure:

  • Se il bambino sviluppa cianosi causata dall’esposizione al freddo (cianosi transitoria), è di vitale importanza riscaldare rapidamente il bambino, utilizzando il riscaldamento o coperte e cappotti;
  • In caso di presentazione dovuta a cardiopatie congenite, è possibile eseguire un intervento chirurgico;
  • Può essere curata attraverso l’uso di un respiratore, il tutto in base al trattamento indicato dal medico;
  • È anche possibile, in alcuni casi, trattare la cianosi attraverso liquidi per via endovenosa;
  • Se si scopre che il bambino presenta una trasposizione delle grandi arterie (TGA) come causa di cianosi alla nascita, può essere somministrata un’iniezione di prostaglandine.
La cianosi si verifica quando sulla pelle appare una colorazione bluastra, principalmente correlata alla mancanza di ossigeno nel sangue.

Quali esami eseguirà il medico?

Nel caso in cui il medico sospetti l’esistenza della malattia, chiederà di eseguire vari test per determinare la causa della comparsa della cianosi e il suo tipo. È indispensabile attendere la richiesta del medico di famiglia per effettuare i seguenti esami:

  • Radiografia del torace;
  • Cateterismo cardiaco;
  • Emogasanalisi arteriosa;
  • Pulsossimetria;
  • Emocromo completo (CBC);
  • Elettrocardiogramma (ECG);
  • Ecocardiografia (cardiografia del cuore);
  • Monitoraggio della saturazione di ossigeno;
  • Esame del sangue.

È importante essere molto consapevoli della pelle del bambino e, se si identifica un colore bluastro, consultare immediatamente il medico. Sebbene ci siano vari sintomi legati a questa malattia, questo è solitamente il segno più evidente ed anche quello che indica la sua presenza con maggiore certezza.

Potrebbe interessarti ...
La pelle del bambino: prendersene cura sin dal primo bagnetto
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La pelle del bambino: prendersene cura sin dal primo bagnetto

Sin dal primo bagnetto è fondamentale trattare con delicatezza la pelle del bambino appena nato. Oggi vi spieghiamo come fare.



    • Coloración azul en la piel. (s.f.). Recuperado el 28 de enero de 2022, del sitio web Medlineplus.gov: https://medlineplus.gov/spanish/ency/article/003215.htm
    • Herranz M, Clerigue N. (2003). Poisoning in children. Methaemoglobi- naemia. An Sist Sanit Navar. 26 (Suppl. 1): 209-23.
    • Kyavar, M., & Sadeghpour, A. (2014). Cyanosis. In Comprehensive Approach to Adult Congenital Heart Disease.
    • Sánchez, M. P., Del Moral, C. R., Rodríguez, C. S., Casso, S. J., & De Guevara, M. P. V. (2008). Crisis aguda de cianosis en un lactante. Boletín de Pediatría, 48, 124-127. https://www.sccalp.org/documents/0000/0050/BolPediatr2008_48_124-127.pdf

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.