Ipertonia nei bambini: cause, sintomi e trattamento

All'inizio è prevedibile un'alterazione del tono muscolare, ma se persiste è necessario escludere una condizione più complessa.
Ipertonia nei bambini: cause, sintomi e trattamento

Ultimo aggiornamento: 16 marzo, 2022

Alla nascita, i corpi dei bambini sono delicati e i loro muscoli non sono abbastanza forti da mantenere la postura da soli. Ma nel giro di poche settimane tutte le strutture di sostegno iniziano a maturare e riescono a vincere la forza di gravità. Ciò consente al bambino di adottare una postura eretta e, in futuro, di stare in piedi. Quando i bambini mostrano flaccidità o rigidità muscolare non coerenti con il loro stadio di maturazione, è necessario escludere le ipotesi di ipotonia o ipertonia. E, in secondo tempo, determinare la causa del disturbo.

Alcuni eventi che si verificano durante la gravidanza, il parto o i primi mesi di vita possono causare alterazioni del tono muscolare del bambino. A volte si tratta di situazioni transitorie, ma in altre l’ipertonia fa parte di una condizione neurologica più grave che richiede un trattamento specializzato e un follow-up.

Successivamente, vi diremo tutto ciò che dovete sapere su questa patologia. Non smettete di leggere!

Cos’è l’ipertonia?

L’ipertonia è l’aumento del tono muscolare, che è la contrazione relativa, permanente e involontaria che queste strutture mantengono per preservare la loro forma e funzione. Senza questa proprietà, il nostro corpo non sarebbe in grado di opporsi alla gravità e non saremmo in grado di mantenere la postura.

Quando il tono muscolare aumenta, si parla di ipertonia. Viceversa, se il tono muscolare è inferiore al previsto si parla di ipotonia. A seconda dell’intensità, ci sono sintomi lievi, moderati o gravi.

In una normale sequenza di sviluppo motorio, il tono muscolare del neonato è leggermente diminuito nel tronco e nel collo, ma leggermente aumentato nelle braccia e nelle gambe. Per questo motivo i bambini piccoli non riescono a tenere la testa alta, ma tendono a mantenere una postura a C. Ciò è dovuto alla flessione quasi permanente di tutti e 4 gli arti, che li mantiene vicini al centro del corpo.

Con il passare dei giorni questa ipertonia del bambino inizia a diminuire progressivamente, ma se ciò non si verifica dopo alcune settimane può indicare la presenza di un ipertono muscolare patologico.

Sintomi di ipertonia nel bambino

piedi bambino rigidità alla flessione plantare

In generale, i sintomi dell’ipertonia nei bambini sono chiaramente manifestati. Successivamente, menzioneremo le caratteristiche più rilevanti di questa condizione:

  • Il bambino presenta una tensione generalizzata: è normale che sia più eretto del normale e addirittura alzi la testa prima del previsto o con maggiore forza. Questo perché tutta la sua colonna vertebrale è tesa e non perché maturi prima;
  • Le mani si chiudono saldamente quasi permanentemente, con il pollice incluso verso l’interno;
  • Le dita dei piedi mantengono una pressione costante;
  • Le braccia sono flesse e le gambe possono essere in massima flessione o estensione;
  • Intorno all’anno di età, questi bambini stanno in piedi e camminano sulle punte, a causa dell’iperattività dei muscoli posteriori delle gambe;
  • In generale, i loro movimenti sono più goffi e a scatti;
  • Possono presentare difficoltà in altri sistemi, come quello visivo o digestivo.

Una caratteristica molto tipica del bambino ipertonico è la sua difficoltà a muoversi, a causa della maggiore resistenza dei suoi muscoli. Molti genitori riferiscono problemi durante il bagno, cambiando i pannolini o vestendoli; i bambini diventano intolleranti a questo tipo di attività a causa del disagio che genera.

Cause dell’aumento del tono muscolare nei bambini

L’ipertonia è più comune nei bambini prematuri (quelli nati prima della settimana 37), a causa dell’immaturità del loro sistema nervoso.

Tuttavia, questa condizione può verificarsi anche nei bambini a termine. In questi casi, ci sono altre cause che possono provocarla e sono le seguenti:

  • Prenatali: malattie psichiatriche della madre, traumi minori, ipertensione materna in gravidanza, gestazioni precoci o avanzate, infezioni perinatali e ritardo della crescita intrauterina;
  • Perinatali: situazioni di rischio di ipossia o sofferenza fetale perinatale e basso peso alla nascita;
  • Postnatali: lesioni cerebrali craniche o paralisi cerebrale.

Come viene trattata l’ipertonia nei bambini?

La diagnosi e il trattamento precoci di questa condizione sono essenziali, in quanto prevengono alcune complicazioni future e aiutano a migliorare la funzionalità e la qualità della vita del bambino.

L’obiettivo principale è ridurre l’ipertonia, mantenere la lunghezza e l’elasticità dei muscoli.

Il trattamento medico prevede l’uso di alcuni farmaci, come la tossina botulinica, che sono riservati ai casi di grave ipertonia o spasticità.

Il trattamento chirurgico è meno frequente, ma viene eseguito anche nei casi più gravi con l’obiettivo di allungare i tendini dei muscoli e recuperarne la lunghezza.

Kinesiologia e fisioterapia lavorano sulla postura, sul tono alterato e sulla forza muscolare. In generale, queste strutture sono indebolite e non possono consentire al bambino di svolgere alcune funzioni di base (mangiare, muoversi, parlare).

Il fisioterapista specializzato in pediatria lavora con il bambino e anche con la famiglia, in quanto lo educa affinché possa eseguire esercizi di stretching a casa. In questo modo, al bambino viene offerto un trattamento continuo per ottimizzare i risultati.

Alcune strategie da mettere in atto a casa sono:

  • Rilassare i muscoli del bambino con bagni di acqua calda;
  • Offrire massaggi delicati su braccia e gambe;
  • Promuovere la libera circolazione e partecipare attivamente al gioco con il bambino, per favorire lo sviluppo.

In generale, l’approccio all’ipertonia è multidisciplinare. Oltre alle discipline citate, spesso collaborano anche logopedisti e terapisti occupazionali.

stimolazione bambino moto ritardo ipertonia spasticità paralisi cerebrale

La chiave è arrivare a una diagnosi precoce

Se osservate uno dei segni descritti nel vostro bambino o rilevate una grande resistenza quando muove le braccia o le gambe, assicuratevi di consultare il pediatra. In questa condizione è importante non far passare troppo tempo ed effettuare le prove necessarie per corroborarlo.

La valutazione precoce aiuta a identificare la causa, avviare un trattamento appropriato e prevenire lo sviluppo di disturbi motori durante la prima infanzia.

Potrebbe interessarti ...
Lo sviluppo motorio nei bambini da 0 a 5 anni
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Lo sviluppo motorio nei bambini da 0 a 5 anni

Lo sviluppo motorio nei bambini da 0 a 5 anni è una tappa permanente dell'evoluzione e dell'apprendimento. Ecco quali sono le sue caratteristiche.