Nativi digitali: tutto quello che dovete sapere

Con nativi digitali ci si riferisce a chi è nato dagli anni '90 in avanti, quando la tecnologia digitale era già una parte importante delle nostre vite. Molti hanno delle caratteristiche peculiari.
Nativi digitali: tutto quello che dovete sapere

Ultimo aggiornamento: 02 marzo, 2021

Oggi, la tecnologia fa parte integrante della nostra vita e grazie ad essa possiamo svolgere moltissime attività. Alcuni anni fa, la situazione era diversa. Per fare qualcosa, non dipendevamo così tanto dalla tecnologia. Oggi, le persone si sono dovute adattare ed hanno dovuto imparare ad utilizzare i nuovi strumenti tecnologici. Coloro che sono nati in un mondo dove la tecnologia è presente in ogni ambito vengono chiamati “nativi digitali”.

Quando parliamo di nativi digitali, ci riferiamo alla generazione che è nata nell’era della tecnologia. Queste persone hanno grandi capacità e abilità nell’uso delle nuove tecnologie e si trovano a loro agio in un ambiente che potremmo definire “digitale”.

Bambini che usano un tablet per cercare informazioni su internet.

Chi sono i nativi digitali?

È stato Mark Prensky, scrittore ed esperto di educazione e apprendimento, ad introdurre l’espressione “nativi digitali” per riferirsi a quei bambini nati a partire dagli anni ’90. Anni in cui le nuove tecnologie erano già presenti all’interno della società. Questo fatto fa sì che queste persone abbiano maggiori capacità e abilità nell’utilizzare gli strumenti e i dispositivi digitali.

I nativi digitali hanno un rapporto di dipendenza nei confronti delle tecnologie. Le usano per qualsiasi cosa: studiare, imparare, comunicare, comprare, come intrattenimento, ecc.

La struttura cognitiva dei nativi digitali è diversa rispetto a quella dei loro predecessori. Quando iniziano a lavorare per un’azienda, contribuiscono al suo sviluppo apportando valori diversi rispetto al passato. È proprio per questo motivo che molte aziende tengono conto delle caratteristiche di questa generazione per migliorare la produttività sfruttando il potenziale degli esperti digitali.

6 cose che dovreste sapere sui nativi digitali

Nel mondo di oggi, siamo circondati dalla tecnologia e non potremmo vivere senza i nostri telefoni, tablet, computer e senza Internet. Sono diventati dei dispositivi essenziali per la nostra vita; cosa che alcuni anni fa era impensabile. Andiamo a scoprire quali sono alcune caratteristiche e curiosità dei nativi digitali!

Hanno una capacità intuitiva e di ragionamento logico molto elevata

Questi ragazzi sono abituati a mettere in relazione i concetti con le azioni. Quindi, sono sempre alla ricerca di un motivo per ciò che fanno. Ciò favorisce la curiosità e l’apprendimento di conoscenze su alcuni settori legati alla scienza, alla tecnologia, alla programmazione, alla robotica, all’intelligenza artificiale, ecc.

Per svolgere questo tipo di attività, utilizzano il pensiero logico in modo da trovare la soluzione a tutti i problemi e le sfide che si trovano ad affrontare.

Hanno bisogno di interagire per apprendere, imparare le cose a memoria non basta

Quando studiano, hanno bisogno di un feedback per sapere se stanno facendo bene. Per questo motivo, il miglior metodo di apprendimento per un nativo digitale è che si senta coinvolto nella materia che sta studiando e che possa partecipare a delle attività che gli facciano capire che ciò che sta studiando sia qualcosa di utile, oltre che divertente.

Sono autodidatti e amano creare contenuti

Di solito, questi ragazzi non chiedono agli adulti, ma cercano su internet le risposte alle loro curiosità. Sono delle persone molto informate e in pochi secondi riescono a soddisfare il loro bisogno di conoscenza ricercando le informazioni in rete. Inoltre, sono molto bravi a creare dei contenuti interessanti, dei tutorial o delle guide per i videogiochi che pubblicano nei loro canali su YouTube.

Hanno una mentalità molto aperta

Essendo cresciuti circondati dalla tecnologia, i nativi digitali comprendono poco i “confini” e comunicano con persone provenienti da tutto il mondo. Questa generazione conosce una moltitudine di culture, costumi e idee grazie all’interazione con forum, blog e giocando on line. Di solito, hanno amici provenienti da diverse parti del mondo e ciò permette loro di avere una mentalità più aperta.

Sono molto attivi sui Social Network

I nativi digitali sono presenti in quasi tutti i Social Network e gestiscono i loro account con estrema facilità. Sono ragazzi connessi in ogni momento e che sentono il bisogno di condividere tutto ciò che fanno nelle pagine dei loro social preferiti.

Bambino seduto sul prato del giardino di casa che usa il tablet.

Questo è uno degli aspetti che preoccupa di più i genitori. I padri e le madri devono controllare come e per quanto tempo i ragazzi utilizzano i Social Network. Un abuso può causare dei seri problemi.

I nativi digitali tendono ad essere più impazienti

Sono ragazzi abituati a ottenere le cose immediatamente, dato che navigando in rete si può ottenere qualsiasi cosa in pochissimo tempo. Pertanto, si abituano a pensare che possono avere subito tutto ciò che vogliono, proprio come fanno nel mondo digitale: con un click scaricano i programmi di cui hanno bisogno, ascoltano la musica che a loro piace o trovano le informazioni che stanno cercando.

È importante che i genitori insegnino a loro figli l’importanza dello sforzo e della pazienza, due valori fondamentali per avere successo nella vita.

Per concludere, i nativi digitali sono figli della generazione della tecnologia e mostrano delle caratteristiche peculiari rispetto a chi è cresciuto senza le nuove tecnologie e che si è dovuto adattare ai tempi. Questi ragazzi sono nati in un periodo in cui la tecnologia era già una parte importante della nostra vita. Pertanto, il loro modo di pensare e di comportarsi è strettamente legato ad essa.

Potrebbe interessarti ...
Nuove tecnologie a scuola: che impatto hanno sui bambini?
Siamo MammeRead it in Siamo Mamme
Nuove tecnologie a scuola: che impatto hanno sui bambini?

Il progressivo inserimento delle nuove tecnologie a scuola, produrrà inevitabilmente dei cambiamenti nella didattica. Ma quali impatto avranno sui bambini? Scopriamolo in questo articolo



  • Piscitelli, A. (2008). Nativos digitales. Contratexto, (016), 43-56.
  • Cabra-Torres, F., & MarCiales-ViVas, G. P. (2009). Mitos, realidades y preguntas de investigación sobre los’ nativos digitales’: una revisión. Universitas Psychologica, 8(2), 323-338.
  • Beltrán, R. O., Gómez, M. B., & Uriarte, J. R. (2009). Nativos digitales y aprendizaje. Una aproximación a la evolución de este concepto. ICONO 14, Revista de comunicación y tecnologías emergentes, 7(1), 31-53.