Mancanza di motivazione a scuola: come fare per risvegliarla?

Se vostro figlio non ha motivazione a scuola, è importante che risaliate alle cause che possono portare a questa spiacevole situazione. Nel seguente articolo, affrontiamo alcuni possibili motivi all'origine del problema.
Mancanza di motivazione a scuola: come fare per risvegliarla?

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio, 2022

La mancanza di motivazione a scuola è uno dei problemi che colpisce maggiormente bambini e adolescenti. In effetti, ci sono molte ragioni per cui ciò può accadere, ma l’avvento dei telefoni cellulari e della tecnologia è uno dei motivi principali.

Sfortunatamente, questa preoccupazione accomuna molti genitori. Se anche voi avete notato un’assenza di motivazione o scarso impegno, o se vostro figlio non è entusiasta di imparare cose nuove, sappiate che non è sempre facile sapere come agire e cosa fare per aiutarlo.

La motivazione, come sanno genitori e insegnanti, varia spesso a seconda dell’ambiente, delle persone coinvolte, del compito e della situazione. Pertanto, la chiave per ogni studente è trovare ciò che lo motiva a continuare.

Se ritenete che vostro figlio abbia scarsa motivazione a scuola, dovreste sapere che il vostro ruolo è fondamentale in questo processo. Tra le altre cose, vi consigliamo di creare un ambiente familiare, che incoraggi il lavoro verso il raggiungimento di un obiettivo, applaudire i loro sforzi, costruire i loro punti di forza e, in definitiva, creare un modello per il successo scolastico.

Quali sono le cause dell’assenza di motivazione a scuola?

1. Non riuscire a dare un senso a ciò che si fa

La prima delle cause della mancanza di motivazione a scuola, che merita un’attenzione particolare da evidenziare, è la mancanza di un significato da attribuire  all’attività. Questo spiega perché, in molti casi, gli studenti considerano semplicemente i compiti non importanti perché non riescono a vedere come si rapporta alla vita di tutti i giorni.

È qualcosa he accomuna molti bambini e adolescenti; la figura di una madre e è fondamentale per ribaltare questo concetto.

I bambini che si comportano male in classe sono spesso demotivati.

2. Mancanza di soddisfazione per il lavoro scolastico

In secondo luogo, dovete sapere che il rapporto che lo studente ha stabilito con l’insegnante è l’unica variabile che separa il lavoro in classe piacevole da quello spiacevole. È possibile che sia perché le classi sono molto noiose e passive e gli studenti non possono intervenire.

D’altra parte, potrebbero percepire una carenza di entusiasmo da parte dell’insegnante. Può anche accadere che lo studente si senta demotivato perché ritiene di non ricevere un trattamento equo da parte del corpo docente.

Sicuramente il ruolo dell’insegnante è molto importante. Deve essere incaricato di trasmettere i concetti con passione, con l’obiettivo di incoraggiare e risvegliare gli interessi e le capacità che rimangono nascosti in alcuni studenti.

3. Desiderio di attenzioni: uno dei motivi che porta alla mancanza di motivazione

Per quanto sorprendente possa sembrare, alcuni bambini usano la mancanza di motivazione per la scuola come un modo per ottenere più attenzioni da genitori e insegnanti. In effetti, questa è una conseguenza del mondo frenetico in cui viviamo oggi, in cui molti genitori non prestano ai propri figli le attenzioni di cui hanno bisogno, anche se a un certo punto sono riusciti a fare bene a livello scolastico.

L’attenzione ai bambini è fondamentale. In qualità di genitore, ti incoraggiamo a rivedere periodicamente le cure che tuo figlio riceve da te e quali problemi meritano l’interesse di tuo figlio a casa o a scuola. Prima che diventi demotivato, metti da parte le tue preoccupazioni e adempi ai tuoi obblighi dando al piccolo il tempo di cui ha bisogno.

“La motivazione, come sanno genitori e insegnanti, varia spesso in base all’ambiente, alle persone coinvolte, al compito e alla situazione”

4. La noia è tra i motivi della mancanza di motivazione

Sebbene sia difficile accettarlo, è una realtà . Ci sono molti bambini e adolescenti che semplicemente non amano le lezioni perché non trovano stimolante il loro ambiente scolastico. In effetti, in alcuni casi potrebbe essere per una buona ragione.

Ciò si verifica, ad esempio, nei bambini con capacità intellettuali molto più sviluppate rispetto ai loro coetanei. Per questo motivo, trovano che i concetti siano molto semplici per loro. Lo stesso accade con i bambini con difficoltà di apprendimento se viene loro presentato un concetto che non riescono a capire.

Le acconciature per ragazze con i capelli corti ti consentono di includere trecce e accessori.

Alcuni compiti non sono interessanti e ciò rende difficile la loro partecipazione. Le persone richiedono ricompense frequenti; se la materia o il progetto scolastico non sono abbastanza attraenti, è naturale non parteciparvi.

Nella maggior parte di questi casi, i giovani trovano i propri interessi accademici al di fuori della scuola, che si tratti di lettura, disegno, matematica, ecc. Inoltre, molti di loro ritengono che il piano di studi non li stimoli, il che porta a una mancanza di motivazione.

In definitiva, come genitore potresti sentire di avere poco spazio per l’azione, ma la cosa migliore che puoi fare è continuare a coltivare l’amore per l’apprendimento. Cerca opportunità per tuo figlio di perseguire i suoi interessi al di fuori della scuola. In questo modo potrai invertire la mancanza di motivazione del tuo piccolo a scuola!

Potrebbe interessarti ...
L’importanza dell’educazione emotiva
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
L’importanza dell’educazione emotiva

L’educazione emotiva è la qualità umana che ci consente di controllare i diversi sentimenti che si manifestano in base alle situazioni in cui ci tr...



  • Thorne, K. (2008). Motivación y creatividad en clase (Vol. 246). Grao.
  • Raffini, J. P. (2008). 150 Formas de incrementar la motivación en clase. Editorial Pax México.
  • Tapia, J. A. (2005). Motivación para el aprendizaje: la perspectiva de los alumnos. La orientación escolar en centros educativos, 209-242.
  • Urdan, T., & Schoenfelder, E. (2006). Classroom effects on student motivation: Goal structures, social relationships, and competence beliefs. Journal of school psychology, 44(5), 331-349. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022440506000380