Essere una mamma single può essere davvero difficile, a volte

L'allevamento da solo è un compito gratificante, ma a volte è anche difficile e complicato. Esaminiamo le principali sfide affrontate dalle madri single.
Essere una mamma single può essere davvero difficile, a volte

Ultimo aggiornamento: 16 maggio, 2022

Crescere un figlio comporta sempre sfide e gioie in egual misura. Tuttavia, quando questo compito viene affrontato da soli, può diventare più impegnativo ed estenuante. Essere responsabili di una vita, del suo benessere e del suo sviluppo, e non condividere questo compito con un altro adulto, rende queste donne coraggiose e preziose. Nonostante questo, essere una mamma single può essere molto difficile.

Ci sono vari motivi per cui una donna può crescere un figlio da sola, dalla morte del coniuge al rifiuto della paternità da parte dell’altro genitore. Inoltre, essere una madre single può essere frutto di una libera scelta, dal momento che sempre più donne ricorrono all’adozione o ai trattamenti di riproduzione assistita per realizzare in qualsiasi modo questo sogno.

Essere una mamma single è una bella sfida…

In ogni caso, le difficoltà e le sfide affrontate da queste donne possono essere simili. Per questo motivo, vogliamo dedicare alcune righe a scoprire quali sono e offrire alcuni consigli per affrontarle. Non perdeteveli!

Donna con blues postpartum o baby blues.
Il postpartum è una fase di molti cambiamenti e di una grande rivoluzione ormonale ed emotiva. Cercate di affrontarlo in compagnia di amici, familiari o madri nella vostra stessa situazione.

Dopo il parto senza partner

Il postpartum è una fase particolarmente vulnerabile per le donne. Questo deve affrontare grandi cambiamenti fisici, ormonali, emotivi e sociali allo stesso tempo. Possono manifestarsi intensi sentimenti di tristezza, preoccupazione e paura.

Vedere il corpo allo specchio, ancora “deformato”, ma già con il proprio bambino in braccio, può causare imbarazzo e frustrazione. E a tutto questo si aggiunge la responsabilità di prendersi costantemente cura di un essere indifeso e dipendente, con la privazione del sonno che ciò comporta.

In questa fase, il ruolo del padre o del partner è quello di dare sostegno alla madre, sostenerla dal punto di vista organizzativo e supportarla emotivamente. Senza questa figura presente, e soprattutto se non si ha l’aiuto di altri familiari, il postpartum può essere un momento difficile da attraversare.

Genitori senza una tribù

Tradizionalmente, la genitorialità era un compito che veniva assunto dalla tribù e diversi adulti collaboravano alla cura del bambino.

Tuttavia, oggi le donne sono sole in questo lavoro e di solito hanno solo il supporto del loro partner. Quando si tratta di madri single, devono svolgere tutti i compiti.

Sono le uniche responsabili dell’economia e delle finanze, dei lavori domestici e della cura dei bambini. Portano il peso della responsabilità economica, dell’organizzazione quotidiana e tutto il sovraccarico mentale che ciò comporta. Si prendono cura, puliscono, nutrono, proteggono ed educano i loro figli.

Tuttavia,  in assenza di un supporto concreto che questa situazione può diventare opprimente.

La solitudine della maternità

D’altra parte, la grande maggioranza delle donne afferma che la maternità può essere molto sola. Durante i primi mesi o anni del bambino, diventa la massima priorità e la sua cura occupa la maggior parte del tempo della madre.

Capita spesso che le donne in questa fase perdere il contatto con gli adulti, non siano in grado di socializzare, dedicarsi a se stesse o recuperare alcune delle proprie passioni o hobby.

Anche quando il bambino cresce, le sfaccettature di “lavoratrice”, “amica”, “sorella”, “figlia” o semplicemente “donna” continuano ad essere subordinate a quel ruolo di madre che tutto occupa.

Pertanto, è necessario un supporto esterno per poter conciliare e rendere compatibili i diversi ambiti. E, quando viene allevato in solitudine, raggiungerlo è molto più complicato.

Essere una mamma single è una grande responsabilità

A livello psicologico ed emotivo, uno degli aspetti che a volte rende così difficile essere una madre single è essere l’unica e principale responsabile della vita di un bambino.

Tutte le decisioni rilevanti (stile alimentare, orari del sonno, la scuola che frequenta, le attività extrascolastiche che svolge) ricadono esclusivamente sulla madre.

Allo stesso modo, se il bambino si ammala, se è molestato o incontra qualche difficoltà, è lei che è al suo fianco per prendersi cura di lui, prendersi cura di lui, confortarlo e assicurargli il benessere.

Come donna, ha anche bisogno del proprio sostegno in questi processi e, poiché non esiste un partner con cui concordare e condividere l’onere, è necessario trovare una rete che possa sostenerla.

Vittima del giudizio sociale

Infine, in molte occasioni è l’ambiente stesso che rende ancora più difficile crescere da soli. I familiari, le persone vicine o la società in generale possono giudicare le donne per essere una madre single, per non aver saputo creare o mantenere una famiglia tradizionale o per aver deciso di esercitare la maternità da sole.

Potrebbero anche giudicarla per aver cercato di ricostruire la sua vita e avere un nuovo partner, o biasimarla per non essere stata in grado di dedicare più tempo a prendersi cura di suo figlio. Tutte queste critiche, così dannose e prive di empatia, possono andare in profondità nella madre.

madre imbarazzata, colpa, accusa sociale esterna, critica
La società guarda alle madri single e si interroga su cosa fanno o non fanno. Molte volte, questa mancanza di empatia impedisce loro di godere di ciò che sono in grado di ottenere.

Essere una mamma single non significa essere sole

Sebbene la maternità da single possa essere molto difficile, è anche estremamente bella e gratificante.

Se sei una madre single, puoi decidere come allevare tuo figlio, selezionare con cura ogni aspetto della sua educazione e portarla avanti da te, con tutto l’amore e le condizioni più opportune per il suo sviluppo.

Tuttavia, questo onere può essere pesante e difficile da trasportare se non si dispone di una rete di supporto. Una responsabilità eccessiva può bruciarti, generare ansia o depressione e impedirvi di essere la madre felice e soddisfatta di cui tuo figlio ha bisogno. Quindi, non esitate a utilizzare le risorse a vostra disposizione.

Circondati di persone che ti amano, familiari e amici e non esitare a chiedere loro aiuto quando necessario. Entra in contatto con altre madri nella tua stessa situazione, vai a gruppi di supporto che ti permettano di socializzare e condividere impressioni e, se ne hai bisogno, cerca un supporto professionale.

Prendersi cura di sé, delle proprie emozioni e del proprio benessere è fondamentale per poter godere della propria maternità.

Potrebbe interessarti ...
Sonno in gravidanza: perché aumenta e a cosa è dovuto?
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Sonno in gravidanza: perché aumenta e a cosa è dovuto?

Siete nel primo trimestre di gravidanza e sicuramente vi starete chiedendo perché avete più sonno in gravidanza. Cercate qui una risposta!



  • Landero Hernández, R. y González Ramírez, M. T. (2011). Apoyo social, estrés y autoestima en mujeres de familias monoparentales y biparentales. Summa Psicológica, 8, 29-36.
  • Rivas, A. M., Jociles, M. I., & Moncó, B. (2011). Las madres solteras por elección.¿ Ciudadanas de primera y madres de segunda?. Revista Internacional de Sociología69(1), 121-142.