Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli

29 Ottobre 2019
Uno studio rivela che la maternità stimola l'intelligenza e le capacità sensoriali.

Quando una donna è una madre, le sue preoccupazioni sono moltiplicate per due, la sua felicità è al quadrato e la tristezza o le insicurezze di un tempo sono divise a metà. Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli.

Questa strana ma complessa formula matematico-emotiva, al di là di ciò che si potrebbe pensare, sarà così per tutta la vita, non importa se nostro figlio è un adulto. Ovunque siano, ci preoccuperemo sempre di loro, i nostri figli saranno sempre il nostro piccolo pezzo di cuore fuori dal corpo.

A prima vista, questo accumulo di pressioni, paure e preoccupazioni può essere alquanto stressante. Tuttavia, non possiamo dimenticare che esiste un livello ottimale e ideale di ansia con cui manteniamo sempre gli occhi e le menti in allerta. Diventiamo quasi come quegli uccelli che guardano il mondo dall’alto, con le ali e gli occhi spalancati per rilevare qualsiasi pericolo, per intravedere ogni opportunità.

Chi pensa poco si sbaglia molto, chi pensa il doppio quasi non commette errori.

-Leonardo da Vinci-

È questa la vita e il ruolo dei genitori: pensano due volte, soffrono il doppio e fanno di tutto per la loro famiglia. Tuttavia, dal primo momento in cui la donna scopre di essere incinta, si verifica un cambiamento inspiegabile. Non siamo più una sola persona, siamo due. Ecco perché una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli.

Non concepiamo più la nostra individualità e identità allo stesso modo. Pertanto, anche il nostro cervello, con tutti i suoi cambiamenti chimici e ormonali, ci predisporrà anche per intensificare emozioni, pensieri, preoccupazioni, dubbi.

Tuttavia, l’intero processo deve essere assunto come qualcosa di normale e naturale che deve essere gestito correttamente. Pensare due volte è buono, ci permette di essere più efficaci, abili e protettivi. Ma state attenti: pensare troppo può essere pericoloso. Il nostro livello di ansia passerà da quella curva ottimale di efficacia per entrare in un processo di salute stressante.

Madre multitasking

Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli

Le madri moderne sono delle donna indipendenti, che lavorano e che sono aggiornate sulle questioni che riguardano i genitori. Ciò significa che la loro mente diventa un computer attento a qualsiasi stimolo, interessato a qualsiasi informazione e allo stesso tempo consapevole di quel programma che segna le routine, gli obblighi e gli obiettivi da raggiungere.

La mamma è “biologicamente” preparata in modo che nulla le sfugga

  • Dire che le mamme hanno dei superpoteri è dire poco.
  • Uno studio rivela che la maternità stimola l’intelligenza e le capacità sensoriali.
  • Tutto ciò viene raggiunto per uno scopo ben preciso: avere più successo nell’educazione dei figli.
  • Gli esperti di psicologia perinatale, grazie alle nuove tecniche di neuroimaging, hanno scoperto che le aree associate al sistema cognitivo-affettivo si attivano molto di più.
  • Inoltre, è stato scoperto che durante i primi mesi di gravidanza le ovaie producono tra il 10 e 100 volte più progesterone, il che riduce la produzione di cortisolo, il fattore scatenante dello stress. Questo per una ragione molto semplice: lo stress elevato e incontrollato danneggia il feto.
Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli

Inoltre, qualcosa che dovremmo escludere è l’idea classica che la donna che è una madre o che ha appena partorito sperimenta una certa lentezza o goffaggine mentale. È decisamente falso.

Katherine Ellison, Premio Pulitzer e autrice di “Il cervello della mamma: come la maternità ci rende più intelligenti“, afferma che è esattamente il contrario. La maternità accende un interruttore straordinario nel nostro cervello: ci permette di essere più vigili, più intuitive e più ricettive a qualsiasi stimolo. Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli.

Una madre pensa il doppio, ma deve anche pensare a se stessa!

Non dobbiamo perdere di vista un fatto essenziale: la maternità pone il nostro livello di attenzione al massimo, tuttavia, questo livello di ansia mantenuto a lungo nel tempo può essere estenuante.

Maturiamo quando sentiamo che la nostra preoccupazione è più grande per gli altri che per noi stessi.

-Albert Einstein-

Riposate di tanto in tanto, e soprattutto, dare la priorità a se stesse non è un peccato capitale ma una necessità vitale. Nessuno è una cattiva madre per prendersi un pomeriggio libero, per lasciare a papà alcuni compiti da fare. Nessuno dovrebbe criticarvi se decidete di fare un pisolino o se, anche ci sono faccende domestiche da fare, scegliete di trascorrere un pomeriggio rilassante con vostro figlio e le altre mamme.

  • Si tratta semplicemente di avere priorità chiare, e quelle priorità sono la vostra famiglia e siete voi.
  • Evitate anche di lasciarvi trasportare dall’eccessiva preoccupazione, dai pensieri ossessivi e, soprattutto, dalla paura che vostro figlio non lasci il pannolino quando dovrebbe, non cammini quando dovrebbe o non parla velocemente quando ha tre anni. Tutto arriverà a suo tempo, al momento giusto, quando il suo sviluppo è favorevole.
  • D’altra parte, dovete anche impedire agli altri di trasmettervi le loro preoccupazioni, paure o ansie. Se l’educazione di un bambino è già piuttosto complessa, evitate di farvi carico di oneri che non sono vostri e che non vi appartengono.

Una madre pensa il doppio: per sé e per i suoi figli
Per concludere

Provare paura, pensare molto, avere dubbi e preoccupazioni, è normale quando si è una madre. Tuttavia, non dimenticate mai che avete tutte le carte in regola per farlo meravigliosamente bene.

  • Bowlby, J. (1986). Vínculos afectivos: formación, desarrollo y pérdida. Madrid: Morata.
  • Bowlby, J. (1995). Teoría del apego. Lebovici, Weil-HalpernF.
  • Garrido-Rojas, L. (2006). Apego, emoción y regulación emocional. Implicaciones para la salud. Revista latinoamericana de psicología, 38(3), 493-507. https://www.redalyc.org/pdf/805/80538304.pdf
  • Marrone, M., Diamond, N., Juri, L., & Bleichmar, H. (2001). La teoría del apego: un enfoque actual. Madrid: Psimática.
  • Moneta, M. (2003). El Apego. Aspectos clínicos y psicobiológicos de la díada madre-hijo. Santiago: Cuatro Vientos.