Smallfoot, torna in modo un po’ diverso il mito dello yeti

· 1 Febbraio 2019
Il famoso yeti, anche chiamato l'uomo delle nevi, ha attorno a sé un'aura di grande mistero. Il cinema si è fatto carico di mostrare un punto di vista diverso di questo personaggio, per insegnare importanti valori a bambini e giovani. Scoprite insieme a noi "Smallfoot".

Il mostro delle nevi, meglio conosciuto come “Bigfoot”, invade il grande schermo, ma questa in una versione più amichevole. Si tratta di Smallfoot, un film d’animazione in cui i ruoli classici si invertono per insegnarci ad apprezzare il diverso.

Uscito da poco, Smallfoot arriva a mostrare ai più piccoli l’altro lato del mistero dello yeti. Come si può capire bene dal trailer, uno degli enigmi più grandi del mondo attuale racconterà in questo film la sua storia.

Diverso dalle sue versioni più terrificanti, il film mostra Migo, uno yeti umanizzato e che ha anche una famiglia. Incontra un umano amichevole ed entrambi iniziano a vivere insieme nonostante le loro differenze.

Un cast d’eccellenza

Questa meraviglia del cinema per bambini è stata diretta da Karey Kirkpatrick, conosciuta per titoli come La gang del boscoI Puffi 2. Al contempo, Channing Tatum è stato incaricato di dare voce e vita a Migo.

Chi avrebbe mai detto che il famoso interprete di Magic Mike sarebbe passato ad essere protagonista di un film per bambini? In realtà, l’attore l’aveva già fatto da poco in The Lego Batman Movie.

Dall’altro lato, l’interpretazione dell’umano amichevole che Migo incontra nella neve è stata assegnata a James Corden. In questo modo, l’attore e conduttore televisivo conferma l’ascesa della sua sfaccettata carriera nell’arte e nello spettacolo.

Il cast si completa con un elenco di personaggi famosi e senza paragoni. Ai due attori appena menzionati, si aggiungono celebrità del calibro del giocatore di basket LeBron James, Zendaya e un’altra leggenda che non poteva assolutamente mancare: Danny De Vito. Smallfoot rappresenta un atteso rientro per questo attore veterano.

Per le animazioni questo film vanta l’importante collaborazione di Jason Reisig, illustratore che ha lavorato per la DreamWorks.

Yeti

Analisi: una trama per risvegliare le coscienze

L’idea è riuscire a far vedere ai bambini che c’è sempre l’altra faccia della medaglia. Tuttavia, ci sono anche messaggi molto più complessi, come ad esempio la figura politica che il personaggio di Migo rappresenta per il suo paese di yeti.

Questo “Bigfoot” assume su di sé l’arduo compito di scoprire chi sono questi misteriosi essere dai piedi piccoli chiamati esseri umani. Da una prospettiva politica, espone la responsabilità del governante di sacrificarsi per i suoi cittadini e non il contrario.

Possiamo anche trovare altre prospettive, come quella del reporter o dello scienziato, che cerca di studiare lo yeti. Allo stesso modo, impariamo che con amicizia, amore e accettazione si possono ottenere grandi cose. Bisogna superare la paura per vedere le cose nel modo migliore.

I più piccoli di casa capiranno che la verità scientifica non è l’unica che esiste. A volte, bisogna credere in quello che non possiamo vedere e accettarlo così com’è. La storia è vista dal punto di vista di ciò che ci è estraneo; senza alcun dubbio, un insegnamento molto importante per i bambini.

Altre informazioni su Smallfoot

Smallfoot è stato prodotto dal Warner Animation Group. Inoltre, al progetto di questo film hanno partecipato due sceneggiatori responsabili dei dialoghi: John Requa e Glenn Ficarra. Sembra che l’idea originale del film d’animazione sia stata di Sergio Pablos, autore spagnolo che ha collaborato anche a Cattivissimo Me (2010) e Il gobbo di Notre Dame (1996).

Il famoso compositore brasiliano Heitor Pereira ha composto la maggior parte della colonna sonora. La quale è stata interpretata da musicisti molto conosciuti come Zendaya e Niall Horan, ex componente della band pop inglese One Direction.

“In Smallfoot, impariamo che con amicizia, amore e accettazione si possono ottenere grandi cose.”

Amicizia e accettazione

Il mito dello yeti

Si pensa che l’abominevole uomo delle nevi sia uno scimmione di grandi dimensioni che abita sull’Himalaya. Nel 1973, l’avvocato e giornalista César Pérez di Tudela ha dichiarato di aver visto un orango tango con la pelliccia bianca mentre stava scendendo dalla cima di Annapurna, in Nepal.

La figura del “Bigfoot” fa parte di quelli che sono noti come “criptidi”. Ci riferiamo ad animali misteriosi che la scienza non classifica, ma che potrebbero comunque esistere. Per anni, il mito dello yeti si è consolidato al pari di altre figure come il mostro del Lago Ness.

In conclusione, si tratta di un film molto interessante per i bambini e per gli adolescenti, per trasmettergli e consolidare importanti valori. Consultate la programmazione del vostro cinema più vicino e godetevi un pomeriggio di puro divertimento!