Incesto emotivo: in cosa consiste questa sindrome?

Mettere i figli al posto della coppia e costringerli a svolgere un ruolo che non gli corrisponde è quella che molti esperti chiamano "sindrome da incesto emotivo". Ciò ha profonde conseguenze sulla salute mentale e sulla qualità delle relazioni per i minori.
Incesto emotivo: in cosa consiste questa sindrome?

Ultimo aggiornamento: 03 ottobre, 2022

Molte volte si fa pressione sulla figura dei figli perché soddisfino le aspettative e rispondano ai bisogni insoddisfatti dei genitori. Questo è ciò che alcuni esperti chiamano “sindrome da incesto emotivo”. Vediamo di cosa si tratta e perché è dannoso.

Scopriamo cos’è la sindrome dell’incesto emotivo

Questo fenomeno noto come incesto emotivo nella maggior parte delle teorie psicologiche ha a che fare con l’offuscamento dei confini tra i membri della famiglia e con i cambiamenti nei ruoli e nelle funzioni. Quindi, molti specialisti ritengono che la parola “incesto” potrebbe essere inappropriata. Logicamente, la prima idea che viene in mente ha a che fare con gli abusi o con i rapporti sessuali tra i membri della famiglia. Non è questo il caso,  non è correlato a nessuna di queste situazioni.

Tuttavia, è importante notare che il potere viene utilizzato in un legame asimmetrico e il bambino coinvolto è costretto a “prendere posizione”.

Alcune caratteristiche della sindrome dell’incesto emotivo

I genitori si aspettano la complicità del figlio e lo mettono in una situazione scomoda dovendo scegliere tra un genitore o l’altro.

L’errore commesso da uno o da entrambi i genitori ha a che fare con il cercare supporto e sostegno da parte dei bambini in modo inappropriato, che può dar luogo a situazioni diverse come le seguenti:

  • Ci si aspetta la complicità dei bambini: in questo modo, i piccoli sono lasciati tra “incudine e martello”, costretti a scegliere -seppur indirettamente- tra un genitore o l’altro. Sotto la figura dei confidenti o dei migliori amici si nasconde in realtà il ruolo delle vittime di questi bambini.
  • Socializzano con loro su argomenti che non sono rilevanti: ci sono alcuni problemi in cui l’intervento dei bambini non è appropriato, né per la loro età né per il loro ruolo. Ad esempio, molte volte vengono rivelate questioni intime che dovrebbero essere ridotte all’ambito della coppia.
  • È una forma di manipolazione dei bambini: questo perché vengono usati come messaggeri o portavoce di una conversazione che, in realtà, dovrebbe svolgersi nel mondo degli adulti. Succede anche che i figli abbiano una sola versione dei fatti e possano avere un’idea sbagliata o sbagliata dell’altro genitore.

Inoltre, l’incesto emotivo prevede anche che

  • I bambini sono spesso strumentalizzati: su di loro spetta cioè la responsabilità di soddisfare le aspettative ei bisogni dell’adulto in questione. Quindi, quello che in superficie appare come un legame di interesse, cura e attenzione, in realtà ha un altro obiettivo.
  • I bambini vivono tra l’ambivalenza e la frustrazione chenon basta niente”: questo accade perché, come indica la logica in queste situazioni, non ottengono i risultati attesi.
  • I bambini finiscono per essere genitori: questo significa che ci si aspetta che ricoprano determinati ruoli e si assumano determinate responsabilità che sono inadeguate alla loro età.

Molte volte, l’incesto emotivo può essere facilitato o promosso da alcune circostanze come le seguenti:

Conseguenze dell’incesto emotivo

Qualsiasi relazione dove non ci siano limiti chiari compromette il benessere delle persone coinvolte e l’ambiente familiare non fa eccezione. Vediamone alcuni:

Influisce sulla capacità dei bambini di dire di no

Questo va contro il loro rispetto di sé, poiché vengono coinvolti in quella che vivono come una trappola. Molte volte i bambini vorrebbero porre un limite, ma non sanno come farlo perché chi chiede aiuto è una figura significativa.

Si sentono molto in colpa e quindi si rivoltano contro se stessi e ignorano i propri desideri e bisogni. Anche quando riescono a prevalere, il genitore lo prende come un tradimento e lo fa notare, il che aumenta ulteriormente il senso di colpa.

Quando il bambino non soddisfa le aspettative del genitore, il genitore lo prende come un tradimento e lo fa conoscere, il che genera nel bambino un senso di colpa.

Difficoltà a comprendere e contenere la situazione

Molte volte i bambini non hanno la maturità e lo sviluppo emotivo necessari, non solo per gestire la situazione, ma anche per capirla.

Problemi di legame con altre persone

In futuro, questa difficoltà potrebbe anche portare a ostacoli nel legame con altre persone. D’altra parte, quando questi bambini imparano che i loro bisogni sono in secondo piano, tendono spesso a comportarsi in modo compiacente.

A volte sono così lontani dai propri desideri che non sono in grado di prendere decisioni o pensare da soli. Questo accade perché hanno sempre vissuto per qualcun altro, quindi la loro funzione è quella di rendere felice il padre o la madre.

Il tutto, più delle parti

Infine, oltre a mettere la lente d’ingrandimento su un particolare rapporto, bisogna evitare di cadere in una lettura riduzionista. Oltre alle persone direttamente coinvolte, questo tipo di rapporto è dannoso per l’intera famiglia.

Ad esempio, se in quel vincolo preferenziale un figlio riceve più attenzioni rispetto al resto dei suoi fratelli, questo genererà conflitti tra di loro.

Di conseguenza, la situazione darà origine a tutta una serie di emozioni e sentimenti che possono essere gelosia, ostilità o autostima ferita da parte di coloro che non ricevono quell’attenzione, tra gli altri.

Pertanto, sono interessati il “sottosistema partner”, il “sottosistema fraterno” e il “sistema genitore-figlio”. In altre parole, si produce un effetto a cascata che altera e permea tutte le relazioni.

Potrebbe interessarti ...
Viaggiare con bambini ad alto bisogno
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Viaggiare con bambini ad alto bisogno

Viaggiare con bambini ad alto bisogno può essere una vera sfida. Tuttavia, con alcune linee guida l'esperienza sarà gratificante.



  • Momene, J., & Estevez, A. (2018). Los estilos de crianza parentales como predictores del apego adulto, de la dependencia emocional y del abuso psicológico en las relaciones de pareja adultas. Behavioral Psychology/Psicología Conductual26(2), 359-378.
  • Ramírez González, M. (2015). Maltrato emocional dentro del ámbito familiar y su relación en la autoestima de los niños.
  • Mertens, Y. L., Racioppi, A., Sheinbaum, T., Kwapil, T., & Barrantes-Vidal, N. (2021). Disociación y apego inseguro como mediadores de la relación entre abuso emocional infantil y rasgos paranoides en población no clínica. European Journal of Psychotraumatology12(1), 1888539.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.