Quando i bambini prendono brutti voti, cosa fare?

Se tuo figlio prende brutti voti, aiutalo a identificare le difficoltà e ad implementare i cambiamenti per capovolgere la situazione.
Quando i bambini prendono brutti voti, cosa fare?

Ultimo aggiornamento: 15 agosto, 2022

L’istruzione è essenziale per lo sviluppo globale degli esseri umani. Prendere il meglio dagli anni di studio non solo aiuterà i vostri figli ad avere più possibilità in futuro, ma li alimenterà anche a livello personale. In questa fase vengono sviluppati valori come responsabilità, pianificazione e perseveranza ed è qui che dovremmo concentrarci se i bambini ottengono brutti voti.

Insomma, sappiamo tutti che il sistema educativo non è il più equo e appropriato. Un numero su un pezzo di carta non riflette in modo affidabile le capacità del minore o lo sforzo che ha fatto durante l’anno scolastico. Tuttavia, può servire come guida per prendere decisioni per il futuro. Ma quindi, come fare quando i bambini prendono brutti voti?

Perché i bambini prendono brutti voti?

È importante tenere presente che ci sono diversi fattori che possono influenzare il rendimento scolastico, come le difficoltà di apprendimento; problemi personali, familiari o sociali; cattive abitudini di studio o tendenza a procrastinare, tra le altre cose. Come potete vedere, i voti bassi non sono sempre il risultato di pigrizia e poco impegno.

Inoltre, anche se lo fosse, questo sarebbe il prodotto di una mancanza di motivazione che non è solo responsabilità del bambino.

Genitori e insegnanti devono essere coinvolti in modo che gli studenti possano sviluppare a pieno il loro potenziale. Quindi, quando vostro figlio vi dirà i suoi voti e non sono così buoni come sperate, cercate di mantenere una prospettiva ampia. Urlare, punizioni eccessive e umiliazioni non sono modi appropriati per affrontare il problema. Per questo motivo, ti proponiamo alcune alternative che potrebbero esserti utili.

Invece di rimproverare il bambino per i suoi scarsi voti, è meglio mantenere la calma e parlare con lui per vedere quali sono le cause e trovare soluzioni comuni.

Come comportarsi quando i bambini prendono brutti voti?

Se non sai come rispondere a questa situazione, ecco alcune delle linee guida che puoi implementare.

1. Mantenete la calma

Il compito dei bambini è studiare e rispettare i loro impegni accademici. Pertanto, di fronte a voti bassi, il primo istinto dei genitori può essere quello di sentirsi arrabbiati, indignati o delusi. Tuttavia, perdere la pazienza non è la soluzione migliore. Urlare ai bambini, etichettarli come pigri o umiliarli creerà solo un cuneo tra di voi e può anche causare ferite emotive.

Al contrario, se rimarrete calmi e vi aprirete al dialogo e ad analizzare le cause insieme a vostro figlio, potrete arrivare a conclusioni importanti che vi aiuteranno a ribaltare la situazione per il futuro. È più importante trovare una soluzione che lasciarsi coinvolgere in conflitti senza fine.

2. Riconoscere e rafforzare gli aspetti positivi

Non dimenticare di riconoscere e valorizzare quei soggetti in cui il bambino ha ottenuto buoni risultati. I fallimenti spesso oscurano i risultati e vengono trascurati, ma non dovrebbero esserlo. Se tuo figlio ha bocciato l’inglese, ma ha eccelso in matematica, non sottovalutare questa impresa. È una buona opportunità per aiutare a costruire nel minore un’autostima positiva che lo aiuterà ad affrontare quei temi che rappresentano una sfida maggiore.

3. Identificare potenziali problemi sottostanti

Alcuni bambini hanno difficoltà di apprendimento che richiedono un intervento professionale. Se ci sono sospetti al riguardo, è essenziale cercare aiuto per fare chiarezza sulla situazione e ottenere indicazioni.

Inoltre, le difficoltà familiari, i conflitti con i coetanei o gli insegnanti e persino il livello di intelligenza emotiva dei bambini possono impedire loro di esibirsi adeguatamente a scuola. È possibile che tuo figlio stia attraversando una situazione difficile di cui non sei ancora a conoscenza o che hai trascurato. Non perdere l’occasione di informarti.

4. Migliora le abitudini di studio e stabilisci una buona pianificazione

Studiare non significa solo sedersi su una sedia e leggere un libro. Le abitudini e le tecniche di studio sono essenziali per fare buon uso del tempo e delle risorse cognitive. Assicurati di attuare buone abitudini in questo senso e insegna a tuo figlio a pianificare, organizzare il tempo di apprendimento e utilizzare i metodi appropriati.

Aiuta tuo figlio a organizzarsi e usa le giuste tecniche per sfruttare al meglio il tempo di studio.

5. Premiate lo sforzo invece del risultato

Gli appunti scolastici arrivano solo tre volte l’anno, ma il lavoro veramente importante viene svolto ogni giorno. Suo figlio studia e svolge i compiti che gli sono stati assegnati? Questo è ciò che dovresti cercare e ciò che dovresti migliorare, senza aspettare di vedere un numero sulla carta.

Incoraggia tuo figlio a lavorare sodo ogni giorno per raggiungere piccoli obiettivi e celebrare la sua dedizione quotidiana. In questo modo allevi la pressione sulla loro esperienza e offri loro un feedback quotidiano che può essere molto positivo.

6. Punizioni e conseguenze

E le punizioni, sono appropriate e consigliate? La risposta dipende dallo stile educativo adottato da ciascuna famiglia. In genere è più efficiente e salutare affidarsi alle conseguenze naturali. Cioè, se tuo figlio ha bocciato diverse materie, dovrà studiare durante l’estate per gli esami di trucco e, naturalmente, questo toglierà loro tempo di divertimento. Non è necessario bandirlo dai videogiochi per fargli vivere queste conseguenze.

Tuttavia, se proprio volete dare al bambin un castigo, questo deve essere proporzionato e impattare sui privilegi, non intaccare i bisogni privati.

In altre parole, puoi ridurre le ore che consenti a tuo figlio di guardare la televisione, ma non devi limitare altre attività benefiche come attività sportive o culturali, né impedirgli di mantenere i contatti sociali con i suoi amici.

Ricordate che l’obiettivo non è farlo soffrire o pagare per il suo errore, ma aiutarlo a essere più responsabile.

Quando i bambini prendono brutti voti dobbiamo coinvolgerli nella ricerca di soluzioni

Se vostro figlio ha preso brutti voti, cercate di capire quali difficoltà potrebbe incontrare e concentratevi sulla ricerca di soluzioni insieme. Non cercartele e non imponetele in modo unidirezionale. Si raccomanda invece di coinvolgere il bambino nel processo decisionale, poiché, in questo modo, sarà maggiormente coinvolto e si eviteranno attriti tra i due.

Potrebbe interessarti ...
Come comportarvi di fronte ai brutti voti di vostro figlio
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Come comportarvi di fronte ai brutti voti di vostro figlio

Purtroppo, ciò che leggiamo nella pagella dei voti non sempre corrisponde a ciò che ci aspettiamo da un alunno responsabile e impegnato nello studi...



  • Buenrostro, A.E., Valadez, M.D., Soltero, R., Nava, G., Zambrano, R. y García, A. (2011). Inteligencia emocional y rendimiento académico en adolescentes. Revista de Educación y Desarrollo, 20, 29-37.
  • Erazo-Santander, O. (2011). El rendimiento académico, un fenómeno de múltiples relaciones y complejidades. Revista Vanguardia Psicológica clínica teórica y práctica2(2), 144-173.