Le tre parole magiche per comunicare con un figlio adolescente

Ci sono tre parole magiche che possiamo usare per migliorare la comunicazione con i nostri figli nella difficile fase dell'adolescenza. Scopriamo quali sono.
Le tre parole magiche per comunicare con un figlio adolescente

Ultimo aggiornamento: 09 aprile, 2021

Comunicare con un figlio adolescente può essere complicato. Eppure, se quando parlate con lui gli chiedete cosa ha intenzione di fare invece di dirgli cosa pensate che debba fare, aprirà per entrambi un mondo completamente nuovo di comunicazione e rispetto. Comunicare con gli adolescenti può essere difficile, ma queste tre parole magiche, “Cosa vuoi fare?”, possono aprire molte porte.

Le tre parole magiche per comunicare con un adolescente

“Cosa vuoi fare?”. Forse non ci crederete, ma queste tre parole possono dare una vera e propria svolta alla relazione genitori-figli. Gli adolescenti sono abbastanza grandi da sapere cosa fare e hanno bisogno del nostro aiuto per capire come gestire una situazione. Ma vogliono anche avere il controllo e vogliono poter scegliere tra diverse alternative.

Le tre parole magiche, “Cosa vuoi fare?” trasmettono rispetto, perché con esse trasferiamo la responsabilità a nostro figlio e lo aiutiamo ad imparare ad organizzarsi. Sono tre parole molto potenti, molto più di quanto possiamo immaginare. Quando inizierete ad usarle, tutto cambierà in meglio tra di voi.

All’inizio potreste essere riluttanti, pensando che vostro figlio è disorganizzato e che dovete sempre ricordargli le sue responsabilità. Ma è bene anche che impari dai propri errori.

Madre che cerca di comunicare con sua figlia adolescente.

In genere, gli adolescenti vogliono fare le cose quando hanno voglia di farlo e non quando glielo dicono i genitori. Non è necessario litigare: devono semplicemente sapere che ci sono delle scadenze che devono essere rispettate e che, se non si rispettano, ci saranno delle conseguenze.

Oltre a usare le tre parole magiche, è una buona idea mantenere altre strategie di comunicazione. In questo modo, potrete assicurarvi che il rapporto con i vostri figli sia fluido e che possiate trasmettergli determinati messaggi in modo più efficiente.

Avere una conversazione aperta insieme alle tre parole magiche

Se vostro figlio sta sulla difensiva, nasconderà la verità o mentirà perché non vuole deludervi, ma vuole anche fare ciò che ritiene sia meglio per le circostanze. È importante mantenere il rispetto reciproco per mantenere sempre aperta la comunicazione. Se volete mantenere la calma durante la conversazione, seguite questi suggerimenti:

L’empatia prima e le conseguenze dopo

Guardare la situazione dalla prospettiva di vostro figlio lo aiuterà a guidarlo a prendere delle decisioni migliori in futuro. La prossima volta che torna a casa con un voto basso, ad esempio, provate a dirgli qualcosa come “Abbracciami”,C’è qualcosa che posso fare per aiutarti?” , “C’è qualcosa che possiamo fare per migliorare questi risultati?”

Prendersi del tempo per comunicare con un o una adolescente

Non dovete rispondere immediatamente quando siete arrabbiati o turbati; concedetevi il ​​tempo di calmarvi. Nella foga del momento, non riuscireste mai a dire: “Non hai apparecchiato la tavola anche se sapevi che era una tua responsabilità. Ce ne occuperemo dopo che avrò avuto il tempo di calmarmi”.

Comunicare con un adolescente significa anche non urlare

Reagire con empatia prima di presentare le conseguenze è molto importante. In alcune circostanze, la reazione più naturale è arrabbiarsi, ma la rabbia esprime solo i sentimenti negativi: in realtà non serve a comunicare nulla. Dovreste fare un passo indietro e guardare dal punto di vista di vostro figlio. Pronunciate le tre parole magiche e vedrete che andrà meglio.

Madre che cerca di parlare con sua figlia adolescente.


Non rimproverare

Il rimprovero deriva dal voler che vostro figlio non commetta errori. Ma l’infanzia e l’adolescenza sono le fasi in cui si apprende attraverso i tentativi e gli errori. Tenere la stanza in disordine, non studiare per un esame e dimenticare di fare le faccende domestiche sono errori sicuramente non mortali che i figli possono fare e poi affrontarne le conseguenze.

Rimproverare non insegna il valore di prendere più seriamente le proprie responsabilità. Basta un promemoria. Se rimproverate sempre i vostri figli per qualcosa, si aspetteranno che lo facciate sempre. Ricordategli le cose solo una volta e, se non rispettano le scadenze, prendete provvedimenti.

Non essere chi risolve i problemi

Il lavoro di genitore è insegnare ai figli a prendere le decisioni giuste e pensare in modo indipendente. Non dovete avere tutte le risposte e non avete nemmeno bisogno di buone risposte. Avete solo bisogno di iniziare una conversazione coerente. Ad esempio, potreste dire qualcosa del tipo: “Fammici pensare e poi vedremo cosa possiamo fare insieme”. La cosa più importante è che i vostri figli ragionino.

Quando state per entrare in conflitto, prendetevi del tempo per dire come reagirete prima di rispondere. Molte volte la risposta è fondamentale. Scoprite come vorreste essere trattati e fate lo stesso. Insomma, le tre parole magiche: “Cosa vuoi fare”; o anche “Come vuoi farlo?” sono davvero di grande aiuto!

Potrebbe interessarti ...
Come parlare di sesso ai figli e alle figlie adolescenti
Siamo MammeLeggilo in Siamo Mamme
Come parlare di sesso ai figli e alle figlie adolescenti

Parlare di sesso con i figli e le figlie adolescenti può essere difficile e imbarazzante. Ma niente paura! Vi aiuteremo noi ad affrontare l'argomen...