Perché i bambini fanno scherzi che fanno del male?

Gli scherzi che fanno i più piccoli possono essere vere fonti di apprendimento. Vi diciamo come.
Perché i bambini fanno scherzi che fanno del male?

Ultimo aggiornamento: 15 aprile, 2022

In quasi tutte le famiglie i bambini sfoggiano una serie di scherzi o azioni che attirano l’attenzione: tagliarsi i capelli, gettare l’acqua per terra per pattinare o pasticciarsi la faccia con i colori. A volte i genitori non sanno se ridere e incoraggiare lo scherzo o rimproverare il bambino.

Tuttavia, gli scherzi che fanno i ragazzi non sono sempre cattivi e spesso fanno addirittura bene. Vediamo allora quando intervenire e come.

Cosa significano gli scherzi dei bambini?

Gli scherzi che fanno i bambini, purché non comportino del male a se stessi o agli altri, li aiutano a sperimentare, a sapere di cosa sono capaci, a esplorare il mondo e ad essere curiosi. Sono un modo per imparare “per tentativi”, per dare vita alla loro creatività e immaginazione e per sviluppare progressivamente la loro autonomia.

Gli scherzi sono anche storie che fanno parte di quegli aneddoti che racconteranno ancora e ancora. Inoltre, consentono loro anche di socializzare con fratelli o amici.

In generale sono innocui, senza conseguenze tali da dover mettere in ordine, pulire o buttare via qualcosa. Pertanto, non c’è bisogno di allarmarsi.

le sorelle dipingono il muro con i colori
Malizia e scherzi fanno parte dello sviluppo dei bambini. Richiedono molta pazienza e un adeguato accompagnamento da parte degli anziani.

E che ne è dei limiti?

Scherzi sì e anche limiti. In altre parole, comprendiamo che gli scherzi hanno una componente educativa, ma sono necessari anche dei limiti. Questi ultimi implicano il rispetto dei diritti degli altri e il rispetto delle regole stabilite dagli adulti, che dovrebbero essere buone per i bambini.

Tra malizia e limiti, i ragazzi imparano che le loro azioni hanno delle conseguenze. Da qui l’importanza di essere attenti ad intervenire per tempo. In tal caso, si tratta di parlare con calma e di spiegare loro perché non è bene che ripetano quel comportamento. Devono imparare che qualcuno può sentirsi male, che può farsi male o che non è giusto toccare o rompere le proprietà degli altri, tra gli altri.

L’importante è rimanere pazienti, non gridare, tanto meno usare la violenza fisica. L’obiettivo è che possano capire cos’è un comportamento positivo e che possano autoregolarsi in futuro. I limiti sono positivi perché impareranno anche a essere rispettati e impediranno ad altre persone di eccedere i propri diritti.

Quando si fissano dei limiti, è essenziale essere chiari e coerenti. Non possiamo rifiutare oggi un comportamento che celebreremo domani o viceversa. Questo invia messaggi contrastanti e confonde i bambini su cosa fare.

Quando c’è da preoccuparsi per le buffonate che fanno i ragazzi fanno?

Dobbiamo essere vigili e agire di conseguenza quando si manifesta uno dei seguenti comportamenti :

  • Quando si mantiene una condotta permanente di opposizione alle regole.
  • Se superi ogni tipo di limite con un atteggiamento provocatorio.
  • Quando i loro scherzi diventano una fonte di pericolo per se stessi o per gli altri.
  • Quando è sempre lo stesso scherzo, ripetuto più e più volte.

In questi casi si tratta di cercare di capire cosa c’è al di là di quell’azione disobbediente, cioè cosa il piccolo sta cercando di dirci attraverso di essa.

Raccomandazioni sugli scherzi che combinano bambini e ragazzi

Alcune idee da tenere a mente quando si affrontano gli scherzi dei bambini sono le seguenti:

  • Accetta che sono bambini e che commetteranno del male. È importante riconoscere che non smettono di essere “gentili o educati” solo perché si mettono male. Tutti i piccoli lo fanno ed è qualcosa che ci si aspetta nel corso della loro crescita.
  • Dal punto precedente è possibile anticipare e preparare il terreno, soprattutto per evitare di correre rischi. Non sempre riusciremo a tenere gli occhi aperti, ma poiché sappiamo che possono commettere danni in qualsiasi momento, è meglio non lasciare elementi pericolosi come coltelli, forbici o prodotti che possono intossicarli, tra gli altri, all’interno delle loro portata.
  • Scegli quali battaglie dare. Non tutti i comportamenti possono essere vietati, in quanto ciò implicherebbe un bambino tranquillo, sottomesso o “d’angolo”. Inoltre, se sono tutti “no” e “no, basta”, non saranno in grado di capire quali regole possono essere infrante e quali no.
  • Metti a tua disposizione vari oggetti e giocattoli. In questo modo, possiamo anche avere un’impostazione controllata con cui sperimentare, pur rimanendo al sicuro. Quindi, possiamo lasciarli liberi mentre ci sentiamo calmi.
ragazza seduta sul pavimento della cucina con ritagli di biscotti
Le burle dei bambini possono essere la conseguenza della ricerca dell’autonomia. Non dovrebbero mai essere visti come un atto di crudeltà da parte tua.

I bambini si comportano da bambini

Molte volte, nel tentativo di prendersi cura dei propri figli ed educarli, i genitori finiscono per elaborare -non sempre consapevolmente- un elenco di divieti che non sono necessari, come sporcarsi, sperimentare o sporcarsi, tra gli altri.

È importante che i genitori sappiano che i ragazzi vengono per “cambiare le nostre vite”. A volte, l’ossessione per l’ordine viene improvvisamente soppiantata da un soggiorno con i cuscini per terra, così come una pulizia accurata e costante può essere sostituita da una parete piena di mani colorate.

Quando si diventa genitori, è fondamentale che gli adulti sappiano che i bambini sono qui per rompere gli schemi e che è salutare per loro farlo. Non sono cose che ci fanno apposta, tutt’altro, ma gli scherzi sono una fonte di apprendimento e sono il motore dell’infanzia.

Potrebbe interessarti ...
Non aspettare che i figli crescano per prendersi cura di sé
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Non aspettare che i figli crescano per prendersi cura di sé

Capita spesso che una madre si sacrifichi per occuparsi dei figli. Prendersi cura di sé, tuttavia, é fondamentale per educarli bene.



  • Barzallo, P. (2019). POR QUÉ LOS NIÑOS SON TRAVIESOS. ATENEO, 18(2), 54-60. Recuperado a partir de https://www.colegiomedicosazuay.ec/ojs/index.php/ateneo/article/view/48

    Pérez, M. R. (2015). Tratamiento cognitivo-conductual de conductas disruptivas en un niño con TDAH y trastorno negativista desafiante. Revista de Psicología Clínica con niños y adolescentes, 2(1), 45-54.

    Nardi Rodríguez, Ainara (2014). Un caso de desobediencia infantil en el contexto de los nuevos modelos familiares. Revista de Psicología Clínica con Niños y Adolescentes, 1(2),165-171.[fecha de Consulta 17 de Enero de 2022]. ISSN: . Disponible en: https://www.redalyc.org/articulo.oa?id=477147184008