Il gioco sensoriale: di cosa si tratta?

Un metodo di apprendimento per bambini basato sull'esperienza. Scoprite di più sul gioco sensoriale.
Il gioco sensoriale: di cosa si tratta?

Ultimo aggiornamento: 17 agosto, 2021

Avete mai sentito parlare del gioco sensoriale? Ebbene, come disse una volta Albert Einstein: “L’apprendimento è un’esperienza. Tutto il resto è solo informazione.

Avete già intuito qualcosa? Vi diamo un aiutino: il gioco sensoriale è una forma di apprendimento basata sull’esperienza che consente ai bambini di sperimentare attraverso i cinque sensi.

Cos’è il gioco sensoriale?

Il gioco sensoriale è un modo divertente e coinvolgente di giocare e imparare con infiniti benefici per lo sviluppo del bambino. Si tratta di dare loro l’opportunità di sperimentare il mondo attraverso i sensi.

I dispositivi elettronici sono strumenti che non sono in grado di fornire una reale opportunità di vivere il mondo attraverso il tatto, per esempio.

Non siamo contro i gadget tecnologici, ma deleghiamo interamente ad essi la responsabilità di educare i nostri figli. Qualsiasi dispositivo può fornire intrattenimento, ma non sarà mai completamente in grado di consentirgli di vivere appieno il mondo. Deve essere chiaro che anche i dispositivi hanno i loro limiti.

Come accennato, questo metodo ludico ha infiniti benefici per lo sviluppo del bambino, soprattutto attraverso il tatto. Di seguito vi sveliamo di più a riguardo.

L’importanza del tatto

Il gioco sensoriale utilizza il senso del tatto per aiutare i bambini a comprendere meglio il mondo che li circonda. Questo metodo utilizza il senso del tatto – il principale sistema sensoriale del corpo – e attraverso di esso aiuta i bambini a sperimentare, comprendere e godersi l’attività che stanno svolgendo. 

Ciò significa che attraverso il tatto, il gioco cerca di far capire meglio ai bambini cosa hanno tra le mani. In questo modo impareranno giocando. Il gioco sensoriale è un modo molto reale e concreto di apprendere attraverso l’esperienza. 

Il gioco sensoriale è il re del buon sviluppo

Giocattoli sensoriali

Ci sono molti giocattoli sul mercato che incoraggiano il gioco sensoriale. Non c’è niente di straordinario in loro e di solito sono molto accessibili. Esempi di questi tipi di giochi possono essere:

  • Dipingere: per loro farlo con le dita.
  • Masse da costruzione o masse flessibili (Come i popolari MoonSand e Play-Doh): sviluppo tattile al 100% per i nostri bambini.
  • Orsacchiotti: i classici compagni dei bambini fin dalla tenera età.
  • Bambole.
  • Burattini.
  • Palline di gomma.
  • Puzzle.
  • Costruzioni: sì, intendiamo gli amati Lego.
  • Annidabile con diverse texture: in genere i più diffusi sono quelli con forme geometriche per neonati.
  • Giocattoli che includono una varietà di trame e suoni.

Ogni bambino ha bisogno di un’opportunità per vivere il mondo in un senso molto reale e con il senso del tatto. Non dando al gioco sensoriale l’importanza che merita, vostro figlio potrebbe non apprendere in modo efficace come quando è completamente coinvolto fisicamente nel proprio apprendimento creando esperienze significative.

Il re di tutta la vita: il gioco sensoriale

Indubbiamente, il tradizionale è spesso il migliore. Certo, la tecnologia ci consente di migliorare e sviluppare alternative sempre migliori, ma non possiamo dimenticare completamente ciò che ci siamo lasciati alle spalle. La chiave è essere intelligenti e scegliere di valutare bene quali sono le migliori risorse per stimolare i sensi dei bambini.

Il gioco sensoriale amplia le capacità di apprendimento dei bambini e offre loro l’opportunità di apprendere da soli la meccanica degli oggetti e il mondo tattile.

Gli schermi non forniscono un vero apprendimento. Un bambino di quattro anni può giocare su un tablet ma se non può farlo nel mondo reale, avrà difficoltà motorie, strutturazione spazio-temporale, coordinazione, attenzione, memoria, tra le altre. 

Allo stesso modo, un bambino di cinque anni può costruire un puzzle da 64 pezzi su un computer o tablet e successivamente avere difficoltà con un gioco che non include un dispositivo digitale.

Il gioco sensoriale ci avvicina molto più della tecnologia

Dato che molte volte è impossibile disconnettersi completamente dalla tecnologia, è necessario che come genitori, gestiamo bene il tempo che i nostri figli trascorrono davanti agli schermi. È importante che trascorrano del tempo facendo attività reali, giocando con oggetti diversi, interagendo con persone reali.

Ci sono molti benefici per lo sviluppo del bambino associati ai giochi in cui il tocco è il protagonista. Questi vantaggi sono:

  • Buona coordinazione motoria.
  • Adeguato sviluppo delle capacità motorie fini e grossolane.
  • Sviluppo della pazienza.
  • Capacità di identificare e riflettere sulle cause e sugli effetti delle cose.
  • Aumento della creatività e dell’immaginazione.
  • Sviluppo della capacità di risolvere problemi.
  • Aiuto a stimolare il processo decisionale.
  • Benessere emotivo.
  • Sviluppo di abilità sociali come la cooperazione.
  • Sviluppo della sicurezza.

Piuttosto che passare più tempo davanti allo schermo, considerate le opzioni del gioco sensoriale. Gli schermi elettronici sono solo visivi e non forniscono tutto ciò di cui un bambino ha bisogno per svilupparsi correttamente. Chi non impara giocando con la sabbia sulla spiaggia o con le bambole di gomma? Aiutate i vostri figli ad acquisire un VERO sviluppo sensoriale.

Potrebbe interessarti ...
Attività sensoriali e manuali per bambini irrequieti
Siamo MammeLeggi in Siamo Mamme
Attività sensoriali e manuali per bambini irrequieti

Le attività sensoriali e manuali apportano molti benefici allo sviluppo dei bambini. Inoltre, sono perfette per i bambini irrequieti.



  • Cabrera, M.C. y Sánchez C. (1982). La estimulación precoz; un enfoque práctico. Editorial Siglo XXI: España.
  • Dorance, S. y Matter, P. (2001). Juegos de estimulación para los más pequeños. Madrid: AKAL.
  • Flores, J. (2013). Efectividad del programa de estimulación temprana en el desarrollo psicomotor de niños de 0 a 3 años. Revista Ciencia y Tecnología, 9(4), 101-117. http://revistas.unitru.edu.pe/index.php/PGM/article/view/426
  • Gallahue, D. (1982). Understanding motor development in children. New York: John Wiley and sons.
  • Guerrero, A. M., & Primaria, I. Y. (n.d.). La estimulación temprana. https://archivos.csif.es/archivos/andalucia/ensenanza/revistas/csicsif/revista/pdf/Numero_14/AMALIA_MORENO_1.pdf
  • González Zúñiga Godoy, C. I. (2007). Los programas de estimulación temprana desde la perspectiva del maestro. Liberabit, 13(13), 19-27. http://www.scielo.org.pe/scielo.php?pid=S1729-48272007000100003&script=sci_arttext&tlng=en
  • Moreno, J. A. (1999). Motricidad infantil. Aprendizaje y desarrollo a través del juego. Murcia: Diego Marín.
  • Moreno, J. A., & De Paula, L. (2006). Estimulación de los reflejos en el medio acuático. Revista Iberoamericana de Psicomotricidad y técnicas corporales, 6(2), 193-206. https://www.um.es/univefd/reflejos.pdf
  • Ordoñez, M. y Tinajero, L. (2012). La importancia de la estimulación temprana en la etapa infantil. Madrid, 208-240.