Perché non dovremmo costringere i nostri figli a condividere?

È normale che i genitori desiderino che i loro figli imparino a condividere. Ma costringerli è davvero l'opzione migliore?
Perché non dovremmo costringere i nostri figli a condividere?

Ultimo aggiornamento: 04 dicembre, 2021

Basta osservare alcuni bambini al parco o a scuola per rendersi conto che, in molte occasioni, sono i genitori a costringere loro a condividere. Anche quando i più piccoli non vogliono. Questo non solo non raggiunge l’obiettivo, ma genera anche insicurezza, rabbia e disagio nei più piccoli.

Per questo oggi vogliamo raccontarvi perché non dovremmo mai costringere i nostri figli a condividere. Non perdetelo!

Costringere a condividere non li rende bambini più educati

Che come genitori svolgiamo un ruolo attivo nell’educazione dei nostri figli è essenziale per il loro sviluppo. Anche se la scuola svolge un ruolo importante, alcune cose devono essere imparate a casa molto prima di arrivare in classe.

In questo senso, le linee guida per la convivenza e le buone maniere devono essere instillate fin dalle prime fasi della vita. Ma che succede quando bisogna condividere le proprie cose con gli altri contro la propria volontà?

Tutti possiamo ricordare un episodio in cui i nostri genitori ci hanno costretto a condividere durante l’infanzia e ci siamo sentiti molto arrabbiati con loro. Ma è possibile che abbiamo ripetuto questa azione con i nostri figli almeno una volta e non ce ne siamo accorti.

La realtà è che come genitori sentiamo la pressione sociale per “educare bene” i nostri figli e se si rifiutano di condividere le loro cose con gli altri, è perché abbiamo fatto qualcosa di sbagliato. Come se avessimo allevato un piccolo tiranno, egoista e viziato.

Ma stiamo calmi! Non c’è niente di più falso, dal momento che il fatto che i bambini non vogliano condividere è qualcosa di assolutamente normale.

il bambino piange perché o vuole condividere un giocattolo con un'altra ragazza

Come insegnare loro a condividere?

Per un bambino è naturale che le sue cose siano molto importanti per lui e non voglia prestarle a nessun altro. Nemmeno quel giocattolo che cinque minuti prima aveva ignorato.

Come possiamo aspettarci che un bambino abbia questi livelli di generosità se molte volte anche gli adulti non sono in grado di raggiungerlo?

Non dobbiamo insegnargli a condividere con le parole, dobbiamo insegnargli con l’esempio. E inoltre, rispettiamo i suoi tempi e accompagniamolo a liberarsi dei suoi oggetti quando si sente pronto a farlo.

Infine, dobbiamo tenere a mente che convincere non è affatto insegnare. A che serve un altro bambino che si gode un oggetto, se nostro figlio piange in modo incontrollabile perché sente che gli è stato preso nel modo più crudele?

I piccoli non capiscono che la condivisione è temporanea

La nozione di tempo è molto diversa per i bambini e per gli adulti. Se i piccoli sentono che gli è stato tolto qualcosa di molto prezioso, anche per pochi minuti, si angosciano come se non dovessero rivederlo mai più.

In aggiunta a questo, quando sono i suoi genitori (le persone di cui si fida di più) che lo obbligano o lo spingono a farlo, il disagio aumenta e i capricci non tardano ad arrivare.

Ciò che è loro è loro

L’egocentrismo dei piccoli è al massimo livello e la parola “mio” è all’ordine del giorno. Oltre a causare disagio, consegnare le proprie cose ad altri bambini non li rende amici.

Proprio come non vogliamo che parlino con estranei, non costringiamoli a prestare i loro giocattoli nel parco ad altri bambini che non conoscono. Ancor meno se non vogliono.

I loro giocattoli sono i loro tesori

Potrebbe essere solo un giocattolo per noi, ma per nostro figlio è un grande tesoro con un enorme valore emotivo. La televisione a casa nostra, la nostra auto o qualsiasi altro oggetto importante nella nostra vita è altrettanto importante per noi. Lasceremmo qualcuno di quegli oggetti preziosi in balia degli altri, senza scrupoli? No. Beh, nemmeno nostro figlio.

Costringere a condividere è sbagliato perché la generosità non si può forzare

Essere una persona generosa non è qualcosa che può essere forzato, ma è un valore che si osserva dall’ambiente e si impara nel tempo. Inoltre, fare le cose in modo forzato e sotto la pressione degli altri non significa essere generosi, ma sottomessi.

Se nostro figlio non vuole condividere, permettiamogli di protestare. E se non è nato per farlo, non costringiamolo. Questo assicurerà solo che non vorrà mai condividere nulla con nessuno, nemmeno quando sarà grande.

È la loro decisione, non la nostra

A volte i genitori dimentichiamo che i nostri figli sono estranei e diversi da noi. È chiaro che dobbiamo educarli e guidarli nella vita, ma certe decisioni li riguardano. In questo senso, dobbiamo accettare se nostro figlio vuole lasciare qualcosa a qualcun altro.

Madre che ha una conversazione con la sua bambina e impara a parlare in modo che suo figlio pensi.

Costringere a condividere è sbagliato se nostro figlio non si sente pronto a farlo

Se questo è il caso del nostro piccolo, la cosa migliore che possiamo fare è non forzarlo ed essere un buon esempio. Nostro figlio potrebbe non ascoltarci, ma ci guarda tutto il giorno e ci imita in tutto. Quindi se vogliamo che interiorizzi il valore della generosità, dobbiamo mostrarglielo con le nostre azioni quotidiane.

Potrebbe interessarti ...
9 valori che dovreste insegnare ai vostri figli
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
9 valori che dovreste insegnare ai vostri figli

Ci sono dei valori che devono essere trasmessi obbligatoriamente perché aiuteranno i vostri figli ad affrontare il mondo.



  • Razeto, A. (2016). El involucramiento de las familias en la educación de los niños. Cuatro reflexiones para fortalecer la relación entre familias y escuelas. Revista mexicana de investigación educativa, Pág. Educ. vol.9 no.2. Recuperado en 16 de septiembre de 2021, de http://www.scielo.edu.uy/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1688-74682016000200007
  • Valdés Cuervo, A., Martín Pavón, M., Sánchez Escobedo, P. (2009). Participación de los padres de alumnos de educación primaria en las actividades académicas de sus hijos. Revista mexicana de investigación educativa, vol.11 no.1 Recuperado en 16 de septiembre de 2021, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1607-40412009000100012