Procrastinazione. Non lasciate che entri nella vita di vostro figlio

Alcune persone sono più inclini a procrastinare rispetto ad altre, e questo senza nemmeno preoccuparsi delle conseguenze.
Procrastinazione. Non lasciate che entri nella vita di vostro figlio

Ultimo aggiornamento: 09 dicembre, 2021

La procrastinazione è un disturbo del comportamento umano che consiste nel posticipare compiti che andrebbero completati immediatamente.

Questa pandemia, come alcuni già  sanno, ci induce anche a rimandare quelle situazioni che per qualche motivo risultano per noi spiacevoli.

Inoltre, quando evitiamo le nostre responsabilità perché sono pesanti da assumere e da affrontare, stiamo inevitabilmente cadendo nella procrastinazione.

Se sostituiamo compiti, situazioni e responsabilità importanti con quelli banali, siamo dei procrastinatori.

Come avrete notato, questa “filosofia”, nonostante il suo termine complicato, è abbastanza comune.

Mamme, non cedete alla procrastinazione

Si dice che la procrastinazione ci riguarda tutti a un certo punto della nostra vita, anche se non è meno vero che in alcuni lo fa più che in altri.

Non pochi sono abituati a rimandare i propri doveri senza tener conto dei risultati della loro negligenza, anche quando si ripercuotono su se stessi.

Mamma, non rimandare a domani quello che devi e che puoi fare oggi.

Non cadere nella procrastinazione. Trasmetti a tuo figlio l’importanza di non rimandare i compiti. Dopotutto, a un certo punto dovrà pur farli.

Fai di tuo figlio un uomo di domani perché appartiene alla nuova generazione e non perché lascia sempre le sue responsabilità per l’oggi per il “domani”.

Evita che vostro figlio cada nel pozzo senza fondo della procrastinazione.

Trasmettetegli sin da piccolo l’importanza di mantenere le promesse, coltivando se stesso intellettualmente ed emotivamente, affrontando le sue responsabilità e affrontando sempre i suoi problemi.

D’ora in poi insegnategli ad essere un vero uomo, impegnato con se stesso.

Procrastinazione nell’apprendimento

La procrastinazione e come evitarla.

L’apprendimento è la funzione mentale che consiste nell’acquisizione della conoscenza. È il processo responsabile dello sviluppo e dell’implementazione delle competenze.

Attraverso l’apprendimento, gli esseri umani sperimentano l’osservazione, l’assimilazione e il ragionamento.

La formazione di comportamenti e valori, la trasformazione delle abilità e l’accumulo di esperienze sono conseguenze dell’apprendimento.

Sebbene gli animali nascano con determinati istinti che consentono loro di arrampicarsi, nutrirsi, camminare, nuotare, nascondersi dai predatori… a seconda della specie a cui appartengono; gli esseri umani sono in costante apprendimento.

Ecco perché dargli l’importanza che merita sin dalle prime fasi significa molto per la vita di un essere umano.

Ma la procrastinazione nell’apprendimento sta guadagnando terreno.

Esemplifichiamo la nostra opinione:

Molti ragazzi oggi trascorrono il loro tempo su Internet con i loro quaderni carichi di compiti sullo sfondo

Se dopodomani c’è un esame, c’è ancora domani da studiare. Ora possono passare le ore a parlare al cellulare con i loro amici.

Se devi consegnare un lavoro investigativo entro due ore, puoi comunque dedicare un po’ di tempo a finire di guardare il film che ti piace tanto.

Per il male dell’umanità e di se stessi, alcuni bambini oggi pensano e agiscono in questo modo.

Come evitare la procrastinazione nell’apprendimento?

Bambino che procrastina.

Anche se è vero che i primi anni sono quelli ideali per sviluppare le nostre capacità mentali, l’apprendimento non ha un’età precisa. Continuiamo a imparare per tutta la vita.

Certo, è fondamentale trovare motivazione in ciò che andremo ad apprendere perché questo è un elemento importante che facilita la migliore appropriazione della materia.

Questo è quello che succede con i bambini a cui ci riferivamo. Le materie di classe non sono attraenti per loro come i videogiochi, le uscite con gli amici e il tempo libero in generale; ecco perchè li sostituiscono.

Madre. Devi sapere che l’apprendimento è efficace quando produce un cambiamento duraturo nel tempo, cioè si apprende quando la materia viene elaborata e diventa conoscenza.

Catturare a memoria un obiettivo per fare un test e dimenticarlo una volta fuori non è imparare, almeno non quello che sarà efficace.

Alcuni utili consigli

Per tutto quanto sopra, ti invitiamo a seguire i nostri consigli e fermare la procrastinazione di tuo figlio per quanto riguarda il loro apprendimento.

  • Convinci tuo figlio che le persone istruite sono esseri indipendenti. La loro conoscenza e intelligenza li rendono tali individui.
  • Avvertilo che coloro che imparano oggi e non rimandano l’apprendimento diventano persone più veloci capaci di prendere buone decisioni perché quelle decisioni saranno basate su solide basi e non saranno semplici impulsi casuali.
  • Fagli sapere che chi non rimanda gli studi e approfitta del suo tempo per imparare vale le conoscenze che ha e non per i suoi soldi, status sociale o per essere figlio di…
  • Istruiscilo sull’importanza di educare se stesso, imparare tutto quello che può, ricercare, allenarsi…, fagli sapere che questa è la fase ideale per farlo.
Potrebbe interessarti ...
La pigrizia infantile: 6 consigli per evitarla
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La pigrizia infantile: 6 consigli per evitarla

La pigrizia infantile è una delle questioni che preoccupa maggiormente i genitori. Si tratta di un'abitudine acquisita nella quale risulta fondamen...



  • Steel, P. (2017). Procrastinación: Por qué dejamos para mañana lo que podemos hacer hoy. DEBOLS! LLO.
  • Bazalar, L. A. C. (2011). Procrastinación académica como predictor del rendimiento académico en jóvenes de educación superior. Temática psicológica7(1), 53-62.
  • Justo, C. U. D. A. F. (2010). Efectos de un programa de entrenamiento en conciencia plena (mindfulness) en el estado emocional de estudiantes universitarios. Estudios sobre educación19, 31-52.

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.