Cibi vietati nella dieta dei bambini con dermatite atopica

Se i vostri bambini hanno sviluppato la dermatite atopica, è consigliabile eliminare una serie di alimenti dalla loro dieta. Scoprite quali in questo articolo.
Cibi vietati nella dieta dei bambini con dermatite atopica

Ultimo aggiornamento: 07 aprile, 2022

Ci sono alcuni cibi vietati in caso di dermatite atopica, per migliorare lo stato di salute dei bambini che ne soffrono e prevenire lo scatenarsi di focolai. È stato dimostrato che il consumo di alcuni prodotti di bassa qualità con un alto contenuto di additivi artificiali potrebbe intensificare i sintomi.

Prima di iniziare, vale la pena notare che in presenza di qualsiasi segno di dermatite atopica, è meglio consultare uno specialista. In alcune situazioni sarà necessario agire dal punto di vista farmacologico, soprattutto nei casi più gravi. In questo modo i sintomi possono essere ridotti e tenuti sotto controllo con l’attuazione di alcune abitudini alimentari, come quelle che condivideremo con voi oggi.

Non smettere di leggere e scopri quali alimenti vale la pena limitare nella dieta del tuo piccolo per ottimizzarne il benessere e la salute.

Cibi vietati nella dieta dei bambini con dermatite atopica

In questo spazio vi parleremo di alcuni cibi vietati nel caso dei bambini con dermatite atopica per controllarne i sintomi. Allo stesso modo, perché dovremmo promuovere l’assunzione di cibi benefici, come quelli che concentrano gli omega-3 all’interno.

Ragazzo che mangia una ciambella
I dolci industriali possono contenere additivi artificiali e grassi trans, entrambi i componenti sono in grado di esacerbare i sintomi della dermatite atopica.

1. Prodotti da forno industriali

I dolci industriali di solito contengono grandi quantità di acidi grassi di tipo trans. Questi elementi hanno dimostrato di essere in grado di aumentare i meccanismi infiammatori nell’ambiente interno e di contribuire così allo sviluppo di molte patologie croniche e complesse.

Anche per la pelle questi grassi non sono adatti, poiché oltre a infiammare, provocano ossidazione e accumulo di radicali liberi in questo tessuto.

Molti degli alimenti ultra-lavorati consumati di frequente li contengono tra i loro ingredienti. A volte sono elencati in etichetta come grassi parzialmente o completamente idrogenati, quindi è fondamentale leggere attentamente e scegliere quegli alimenti che non li contengono.

2. Anche l’aceto è tra i cibi vietati in caso di dermatite atopica

L’aceto, essendo un condimento molto acido, è in grado di alterare leggermente il pH della pelle. In generale la pelle umana mantiene valori prossimi a 7 per questo parametro e questo si traduce in un adeguato equilibrio per la salute dei tessuti.

Nel caso di consumo di tali prodotti acidi, lo squilibrio acido-base che si genera in tutto il corpo può portare a una recrudescenza dei sintomi della dermatite atopica. Soprattutto in coloro che hanno precedentemente sviluppato alterazioni dell’epidermide.

3. Prodotti senza glutine

Sebbene le prove attuali non siano forti su questo argomento, alcuni studi suggeriscono che la riduzione del glutine nella dieta potrebbe migliorare la salute della pelle atopica. Parliamo di una proteina presente in molti cereali, ma che può avere un certo carattere infiammatorio, soprattutto nelle persone geneticamente predisposte.

Vale la pena ricordare che c’è molto dibattito sul consumo di questo componente. Da qualche anno è diventato di moda eliminare il glutine dalla dieta di tutti, cosa che non fa bene alla salute. Al di là del fatto che questa proteina potrebbe non adattarsi bene in determinati contesti, non è un nutriente malvagio. Almeno non lo è, secondo le attuali prove disponibili.

Tuttavia, il consumo di glutine non è adatto a tutte le persone con dermatite atopica. La tolleranza individuale a questo elemento può essere testata e se la condizione peggiora sarà sufficiente limitarne la presenza nella dieta per migliorarla.

bambino con dermatite atopica eczema guance viso
La dermatite atopica è una malattia che spesso inizia nell’infanzia e accompagna il bambino per tutta la vita. Pertanto, l’attuazione precoce di sane abitudini può fare la differenza nell’evoluzione.

Cibi vietati in caso di dermatite atopica

Se hai sviluppato la dermatite atopica , può essere positivo che tu rimuova alcuni alimenti dalla dieta, come quelli che abbiamo menzionato in precedenza.

Tuttavia, è fondamentale proporre una linea guida basata su prodotti freschi ad alta densità nutritiva e di cui le verdure devono abbondare, perché contengono antiossidanti e vitamine di alta qualità. Inoltre, pesce grasso e altre fonti di omega-3.

Allo stesso modo, è consigliabile mantenere sempre una buona idratazione, poiché un consumo di acqua sufficiente è fondamentale per reintegrare i liquidi e regolare l’equilibrio dei minerali. Questo aiuta anche a ridurre il prurito, aspetto che migliora la qualità della vita delle persone affette da dermatite.

Infine, tieni presente che in alcuni casi potrebbe essere necessario ricorrere a integratori di micronutrienti per ridurre i sintomi. Dovrai prima consultare uno specialista, ma i prodotti ad alto contenuto di omega-3 possono funzionare per ridurre l’infiammazione.

In ogni caso, un buon controllo delle abitudini di vita farà la differenza.

Potrebbe interessarti ...
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Dermatite atopica nei bebè: 15 consigli per curare la pelle

La dermatite atopica nei bebè provoca alla pelle una secchezza evidente che può infastidire molto. I piccoli sono i soggetti più colpiti.



  • Hirata Y. (2021). trans-Fatty Acids as an Enhancer of Inflammation and Cell Death: Molecular Basis for Their Pathological Actions. Biological & pharmaceutical bulletin, 44(10), 1349–1356. https://doi.org/10.1248/bpb.b21-00449
  • Muddasani, S., Rusk, A. M., & Baquerizo Nole, K. L. (2021). Gluten and skin disease beyond dermatitis herpetiformis: a review. International journal of dermatology, 60(3), 281–288. https://doi.org/10.1111/ijd.15098