Quali sono i migliori alimenti per bambini?

Avete dubbi su come pianificare l'alimentazione complementare? Stiamo per mostrarvi quali sono i cibi migliori da introdurre nella dieta del bambino.
Quali sono i migliori alimenti per bambini?
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 30 novembre, 2022

Una volta raggiunti i 6 mesi di vita, i cibi solidi possono cominciare ad essere inseriti nella dieta del bambino. Questo è ciò che si chiama alimentazione complementare. Ora, è opportuno sapere quali sono i migliori alimenti per bambini, dato che non possono mangiare tutto durante le prime fasi della vita.

Scoprite quali sono i migliori alimenti per bambini

Va tenuto presente che prevedere un menu di qualità per il bambino può fare la differenza rispetto alla sua salute futura. È importante scegliere prodotti ad alta valenza nutrizionale all’interno dello spettro di quelli consentiti. In questo modo è possibile evitare deficit che potrebbero compromettere lo sviluppo. Vediamo in dettaglio quali sono i migliori alimenti per i più piccoli.

Le verdure

Un’ampia varietà di verdure può essere inclusa nell’alimentazione complementare. È importante iniziare a offrire questi alimenti nei primi anni di vita per evitare futuri rifiuti. Inoltre, è molto facile trasformarli in purea.

È essenziale notare che le verdure sono una fonte di vitamine, minerali e fitonutrienti con capacità antiossidante. Questi ultimi hanno il potere di neutralizzare la formazione di radicali liberi, che generano protezione contro lo sviluppo di patologie complesse. Lo dimostra uno studio pubblicato sull’European Journal of Medicinal Chemistry.

Certo, potrebbe essere meglio non introdurre all’inizio quelle verdure dal sapore troppo forte, come il cavolo nero o i cavolini di Bruxelles. È meglio iniziare con quelli più morbidi, come patate dolci o peperoni.

Quali sono i migliori alimenti per bambini.
Le verdure sono essenziali nella dieta del bambino dai 6 mesi in su. Inoltre, possono essere offerte sotto forma di purea per facilitare la masticazione e la deglutizione prima della dentizione.

Pesce

Il pesce è un prodotto che ha la particolarità di concentrare al suo interno acidi grassi insaturi. Questi contribuiscono a modulare i meccanismi infiammatori, che migliorano lo stato di salute e prevengono le patologie. Alcuni di essi, come gli omega-3, sono determinanti nello sviluppo del cervello, secondo uno studio pubblicato su Nutrients.

In ogni caso, è fondamentale assicurarsi che il pesce che viene offerto al bambino sia ben cotto e non abbia le lische all’interno.

È meglio iniziare con le opzioni più magre, per poi introdurre gradualmente una varietà di pesce nella dieta. Lo sgombro e il salmone, ad esempio, sono perfetti da inserire durante le prime fasi della vita.

La carne

La carne è una fonte di proteine ad alto valore biologico, necessarie per lo sviluppo e per mantenere una buona funzionalità muscolare.

Inoltre, questo alimento fornisce nutrienti essenziali come ferro e zinco. Per questo motivo dovrebbe essere un prodotto che compare regolarmente nella dieta del bambino.

È sempre meglio iniziare inserendo nella dieta la carne di pollame, purché ben cotta all’interno. A poco a poco potranno offrire anche altre opzioni come manzo, maiale e agnello. È essenziale rimuovere bene gli ossicini per evitare il soffocamento.

Quali sono i migliori alimenti per bambini? Non dimentichiamo i legumi

I legumi si distinguono per il loro contenuto di fibre. Sono alimenti a digestione lenta, ma aiutano a garantire una buona salute a livello intestinale. Inoltre, hanno proteine e una grande quantità di micronutrienti essenziali.

Tra i legumi preferiti dai bambini ci sono lenticchie, ceci e piselli. Andrebbero cotti a fuoco basso fino a renderli morbidi. Raggiunto questo punto, vengono lavorati con un macinino per formare una purea e facilitarne la deglutizione. Se vengono offerti interi potrebbero causare soffocamento.

Quali sono i migliori alimenti.
Sebbene l’allattamento al seno sia ancora offerto, i prodotti lattiero-caseari sono in grado di integrare le esigenze nutrizionali. Gli yogurt sono una buona opzione, poiché contengono probiotici.

Quali sono i migliori alimenti? Di sicuro, i latticini

I latticini possono essere inclusi nella dieta del bambino a partire dai 6 mesi di vita. Tra questi spiccano gli yogurt, per il loro contenuto di probiotici. Questi batteri aumentano la densità e la biodiversità del microbiota, prevenendo lo sviluppo di problemi digestivi.

Introducete cibi di qualità nella dieta del bambino

Come avete visto, sono molti gli alimenti che possiamo introdurre nella dieta del bambino a partire dal sesto mese di vita. È importante che vengano presentati in modo sempre diverso, in modo che il bambino si abitui ai diversi sapori e consistenze. Stabilire buone abitudini alimentari in questo momento determinerà positivamente la salute futura.

In ogni caso, vi consigliamo di continuare ad allattare fino al primo anno di vita. Il latte, infatti, contiene molte sostanze che favoriscono lo sviluppo del bambino e prevengono l’insorgenza di malattie autoimmuni.

Potrebbe interessarti ...
15 consigli per i genitori sull’alimentazione dei bambini
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
15 consigli per i genitori sull’alimentazione dei bambini

Per i genitori, l'alimentazione dei bambini rappresenta un compito più difficile di quanto si creda. Eccovi alcuni consigli che potranno esservi di...



  • Neha, K., Haider, M. R., Pathak, A., & Yar, M. S. (2019). Medicinal prospects of antioxidants: A review. European journal of medicinal chemistry178, 687–704. https://doi.org/10.1016/j.ejmech.2019.06.010
  • Devarshi, P. P., Grant, R. W., Ikonte, C. J., & Hazels Mitmesser, S. (2019). Maternal Omega-3 Nutrition, Placental Transfer and Fetal Brain Development in Gestational Diabetes and Preeclampsia. Nutrients11(5), 1107. https://doi.org/10.3390/nu11051107

Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.