Anemia infantile: 4 alimenti per combatterla

L'anemia è una patologia che si sviluppa da un apporto inefficiente o insufficiente di ferro. Ti insegniamo quali alimenti aiutano a combatterlo.
Anemia infantile: 4 alimenti per combatterla
Saúl Sánchez Arias

Scritto e verificato da il nutrizionista Saúl Sánchez Arias.

Ultimo aggiornamento: 08 novembre, 2022

L’anemia infantile è una patologia che condiziona negativamente l’apporto di ossigeno ai tessuti attraverso il sangue. Questo è causato da una carenza di ferro e genera una situazione di stanchezza cronica e affaticamento. Tuttavia, ci sono una serie di alimenti che aiutano a combattere l’anemia infantile quando vengono introdotti in una dieta variata.

La prima cosa da chiarire è che è necessario garantire un apporto ottimale di nutrienti durante la giornata. Altrimenti, a medio termine potrebbero verificarsi inefficienze nel funzionamento della fisiologia umana che portano a malattie croniche.

Alimenti per combattere l’anemia infantile

Successivamente, vi mostreremo quali sono i principali alimenti che aiutano a combattere l’anemia infantile. Tutti sono caratterizzati dalla presenza di ferro al loro interno in quantità significative. Questo minerale sarà decisivo per risolvere il problema.

1. Legumi

anemia infantile
I legumi forniscono un buon apporto di vitamine e minerali. Inoltre, migliorano il transito intestinale e riducono la stitichezza, un problema che può diventare comune a molti bambini.

I legumi contengono una grande quantità di vitamine e minerali. Naturalmente, hanno anche la fibra, che è una sostanza che può agire come antinutriente e ridurne l’assorbimento. Per questo motivo sarà determinante cuocere i legumi per diverse ore a fuoco basso. Pertanto, le fibre si ammorbidiscono ed esercitano meno effetto.

Va notato che i nutrizionisti consigliano la presenza di legumi nella dieta una o due volte alla settimana, poiché forniscono molti elementi benefici per la salute a medio termine.

2. Fegato di manzo

Le viscere si distinguono per la loro densità nutritiva. Tra tutte, una menzione speciale va fatta al fegato. Questo alimento contiene ferro di altissima qualità, elemento fondamentale per evitare situazioni di anemia. Ciò è dimostrato da uno studio pubblicato sulla rivista The Medical Clinics of North America . L’apporto inefficiente del nutriente è una delle cause più frequenti della patologia.

Inoltre, il fegato ha un rischio microbiologico molto inferiore rispetto ad altri comuni visceri, come l’intestino. Da parte sua, anche l’accettazione da parte dei bambini è maggiore. Inoltre, può essere inserito in diverse preparazioni culinarie che ne camuffano le caratteristiche organolettiche nel caso in cui ai più piccoli non piaccia molto questo alimento.

Spinaci per combattere l’anemia infantile

Gli spinaci contengono ferro di origine vegetale. La disponibilità di questo tipo di nutriente non è molto elevata, sebbene sia notevolmente potenziata grazie alla vitamina C, anch’essa contenuta. L’assunzione di entrambi i nutrienti insieme migliora l’assorbimento del minerale, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista JAMA.

Infatti, molti integratori di ferro vengono somministrati con vitamina C per correggere casi di anemia che si sono già sviluppati. Per questo motivo, questi prodotti sono spesso consigliati per gli sportivi, che hanno esigenze nutrizionali aumentate a causa dello sforzo e dell’impatto.

Cozze

Le cozze contengono ferro e forniscono vitamine e minerali. Quando si preparano, è fondamentale seguire le buone pratiche igieniche e cucinarle correttamente per evitare l’avvelenamento.

Alcuni prodotti del mare possono anche essere inseriti nella dieta per combattere l’anemia. Nello specifico, i molluschi si distinguono per la presenza di ferro al loro interno. Inoltre, sono una fonte di minerali e proteine, quindi aiutano a garantire una crescita e uno sviluppo adeguati.

È importante cucinarle correttamente e assicurarsi che abbiano superato una serie di criteri di qualità. Sebbene di solito non ci siano problemi con questi alimenti, hanno un rischio microbiologico più elevato rispetto alla maggior parte dei pesci.

Introdurre cibi per combattere l’anemia nella dieta

Come avete visto, quando l’obiettivo è combattere l’anemia, è necessario inserire nella dieta una grande quantità di alimenti ad alta concentrazione di ferro. Se questo minerale viene somministrato con una certa dose di vitamina C, ancora meglio. Pertanto, viene migliorata la disponibilità di un nutriente che generalmente ha un basso tasso di assorbimento.

Ricordate che attraverso l’approccio di una dieta variata diventa meno probabile che il bambino sviluppi patologie croniche e complesse. Pertanto, è necessario garantire il regolare apporto di nutrienti essenziali. Se c’è il sospetto di un deficit, è possibile rivolgersi a un nutrizionista per valutare la necessità di integrare con un prodotto specifico.

Potrebbe interessarti ...
Anemia nei neonati: cause, sintomi e trattamento
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Anemia nei neonati: cause, sintomi e trattamento

L'anemia nei neonati va tenuta sotto controllo perché può causare gravi danni allo sviluppo emotivo e motorio del bambino.




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.