Diagnosi prenatale: in cosa consiste?

Oggi spiegheremo le informazioni essenziali che devi sapere su questa serie di test essenziali per salvaguardare sia la salute del feto che quella di sua madre.
Diagnosi prenatale: in cosa consiste?
Marcela Alejandra Caffulli

Scritto e verificato da la pediatra Marcela Alejandra Caffulli.

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio, 2023

Tutte le donne al momento della gravidanza desiderano offrire ai propri figli le cure mediche che facilmente accessibili, per garantire la salute e un sano sviluppo del piccolo. Se vi trovate in dolce attesa, continuate a leggere e scoprite in cosa consiste la diagnosi prenatale e perché è di grande importanza effettuarla durante la gravidanza.

Per monitorare la corretta formazione e sviluppo del feto, durante le diverse fasi della gravidanza vengono eseguiti una serie di test che possono salvare la vita dei bambini e delle loro madri. Questi test sono noti come diagnosi prenatale. Tuttavia, nonostante alcuni test siano uguali per tutte le donne, altri devono essere eseguiti in base allo stato sia della madre che del feto.

Cos’è la diagnosi prenatale durante la gravidanza?

L’obiettivo principale della diagnosi prenatale è monitorare la corretta evoluzione e sviluppo del feto. Questo con lo scopo di rilevare e prevenire possibili malattie o frequenti deformazioni durante alcune fasi della gravidanza. Poiché è dimostrato che la maggior parte dei difetti alla nascita si verificano durante i primi tre mesi di gravidanza.

Sulla base di quanto sopra, è altamente raccomandato che le madri incinte abbiano un’assicurazione sanitaria familiare in modo che possano eseguire tutti gli esami consigliati dal ginecologo. E, in questo modo, poter conoscere insieme al tuo partner quale sarà lo stato di salute del tuo piccolo prima della sua prevista nascita.

Alcuni test di diagnosi prenatale

Questi sono alcuni dei test più comuni durante la diagnosi prenatale.

  1. Ultrasuoni. Sono probabilmente il test prenatale non invasivo più conosciuto per tutte le future mamme e vengono eseguiti durante la gravidanza. Dal secondo mese aiutano a diagnosticare eventuali malformazioni e dal terzo consentono la rilevazione di marcatori di cromosomopatie.
  2. Test del DNA fetale su sangue materno. Uno degli esami più frequenti e viene eseguito dalla 10a settimana di gravidanza. I risultati ci permettono di sapere se il feto presenta qualche anomalia cromosomica; per esempio, sindrome di Down o sindrome di Edwards.
  3. In questo test viene eseguita un’analisi del liquido amniotico che circonda il bambino in via di sviluppo durante le settimane 15 e 20 di gestazione. Per diagnosticare malattie genetiche, difetti congeniti e altri problemi di salute. Come la fibrosi cistica o la malattia di Tay-Sachs.
La donna incinta esegue l'ecografia con il suo partner padre prenatale studia l'assistenza sanitaria materna e infantile
Le ecografie prenatali sono studi rapidi e non invasivi che forniscono preziose informazioni per l’assistenza sanitaria fetale-materna.

Qual è l’incidenza dei difetti congeniti?

I test diagnostici prenatali sono essenziali durante tutta la gravidanza, poiché consentono di identificare in tempo la stragrande maggioranza dei difetti congeniti che possono colpire i feti. Ed è che una diagnosi in tempo prima della nascita facilita l’assistenza pre e postnatale. Inoltre, in casi estremi, consente ai genitori di prendere la decisione di continuare o interrompere la gravidanza. O per il bene della madre o per future complicazioni nella salute del bambino.

Si stima che i difetti alla nascita colpiscano il 5% delle gravidanze. In tali casi, il bambino in via di sviluppo presenta un’anomalia che, a seconda della sua gravità, può portare alla morte intrauterina o ad anomalie fisiche o mentali alla nascita.

Come prepararsi ai test diagnostici prenatali?

Questo dipende molto dall’esame che si andrà a sostenere. Nel caso di un test di imaging come l’ecografia, non ci sono raccomandazioni precedenti e la procedura è indolore. Dal momento che è un test progettato per non causare disagio o effetti collaterali.

Tuttavia, se deve essere eseguita un’amniocentesi, sono necessarie alcune istruzioni. Ad esempio, esegui test clinici a stomaco vuoto e vai con la vescica piena (se sei in una fase iniziale della gravidanza). Poiché questo favorisce lo spostamento dell’utero in una posizione migliore durante il test. Tuttavia, nelle ultime fasi della gravidanza dovresti andare con la vescica vuota.

Durante il test, la donna giace supina su un lettino. Quindi, il professionista che si prende cura di te sposta un dispositivo noto come trasduttore sull’addome, che utilizza le onde sonore per determinare la posizione del feto e della placenta. Successivamente inserire un ago nell’addome ed estrarre la piccola quantità di liquido amniotico che verrà analizzato. È una procedura che di solito non dura più di 15 minuti.

donna incinta in controllo sanitario prenatale con medico ostetrico
Eseguire tutti i controlli sanitari prenatali è il modo migliore per fornire la migliore assistenza al tuo bambino fin dal primo giorno.

Sottorsi ai test di diagnosi prenatale e prendersi cura della salute del bambino

Ora che conoscete l’importanza della diagnosi prenatale per garantire la salute della mamma e del piccolo, non esitate ad effettuare tutti gli esami che il medico di famiglia vi consiglia se siete in dolce attesa. Ricordate che una valutazione tempestiva può salvare la vita in caso di pericolo e ci consente di sapere con certezza che la gravidanza e lo sviluppo fetale stanno procedendo in salute.

Potrebbe interessarti ...
La stimolazione prenatale: tecniche e benefici
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
La stimolazione prenatale: tecniche e benefici

Uno dei momenti più belli della gravidanza è quando cominciate a sentire il vostro bambino. Ecco a cosa servono le tecniche di stimolazione prenata...




Il contenuto di Siamo Mamme è solo a scopo educativo e informativo. In nessun caso sostituisce la diagnosi, la consulenza o il trattamento di un professionista. In caso di dubbi, è consigliabile consultare uno specialista di fiducia.