Cosa capisce un bambino di tre anni quando gli parliamo?

Sia il linguaggio orale che la comprensione sono funzioni e abilità che acquisiamo naturalmente. Dai tre ai quattro anni, il bambino affronta enormi progressi associati allo sviluppo del linguaggio.
Cosa capisce un bambino di tre anni quando gli parliamo?

Ultimo aggiornamento: 15 ottobre, 2021

All’età di tre anni, i bambini conoscono fino a oltre 900 parole che fanno parte del loro vocabolario espressivo. Potreste notare che sono già in grado di combinare tre o quattro parole in una frase. Ebbene, con alle spalle questo grande repertorio di parole, cosa capisce un bambino di tre anni quando gli parliamo?

Sappiamo che la comprensione è una tappa precedente all’espressione. Dunque, si ipotizza che un bambino di tre anni sia in grado di comprendere il doppio del suo vocabolario espressivo. All’età di tre anni, anche se il piccolo pronuncia male le parole e non lo capiamo, è capace di capire più di quanto alcuni adulti pensino.

Sviluppo del linguaggio dalla nascita ai tre anni

Va chiarito che lo sviluppo del linguaggio non è lo stesso per tutti i bambini della stessa età: esistono alcune differenze. Queste hanno a che fare con fattori individuali e ambientali, che possono influire sulla capacità di acquisizione e sviluppo del linguaggio nelle diverse fasi. Ovviamente sempre in una certa misura.

Le fasi attraverso le quali il bambino passa dalla nascita fino all’acquisizione dell’apprendimento di base delle strutture linguistiche sono le seguenti:

Mamma e figlia piccola.

  • Fase prelinguistica (0-12 mesi). Alla fine del primo anno, il piccolo dirà le sue prime parole; “Mamma”, “Papà” e “Tata”. In termini di comprensione, ascolta il suo nome ed è in grado di comprendere semplici comandi, come “dammi” e “prendi”.
  • Fase linguistica (12-18). In questa fase, il bambino inizia un complesso processo di sviluppo del linguaggio. È in grado di vocalizzare circa 20 parole e combinarne due insieme; ” Mamma pan, papà vieni..”. La sua comprensione migliora e, se richiesto, trasporta oggetti da un luogo all’altro.
  • Linguaggio telegrafico (18 mesi – 3 anni). A due anni il bambino è già in grado di pronunciare circa 250 parole. Inizia a capire le domande e comprende sempre più istruzioni semplici.
  • Frasi complesse. (3-6 anni). A tre anni il bambino padroneggia già circa 900 parole e a sei circa 2500. A sei anni, inoltre, si può dire che ha già acquisito l’apprendimento di base delle strutture linguistiche.

Linguaggio comprensibile a tre anni

Dall’età di tre anni, il bambino inizia a partecipare e interagire in nuovi contesti, come la scuola o altre attività ricreative. Di conseguenza, avrà un linguaggio più ricco e, quindi, più comprensibile.

Dai tre ai quattro anni, la comprensione e il linguaggio espressivo del bambino sperimenteranno un grande progresso. Durante quest’anno, si arricchirà il vocabolario. Il bambino passerà dall’usare circa 900 parole a circa 1200.

Ovviamente questi numeri sono approssimativi. Come abbiamo detto prima, non tutti i bambini hanno lo stesso tasso di sviluppo. Ora, l’acquisizione e l’evoluzione nello sviluppo del linguaggio orale e comprensivo dipendono da due fattori: individuale e ambientale.

  • Fattori individuali. Si riferiscono alla maturazione fisica e psicologica. Se il bambino soffre di un ritardo nella maturazione o di un problema neurologico, il suo sviluppo del linguaggio e la sua comprensione ne risentiranno e, quindi, saranno più lenti.
  • Fattori ambientali. Hanno a che fare con il contesto e l’ambiente in cui il bambino opera. Pertanto, l’arrivo di un fratello, la mancanza di stimoli, di attenzioni e affetto avranno un impatto negativo sullo sviluppo comunicativo, linguistico e cognitivo del bambino.

Pertanto, la famiglia svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo del linguaggio orale e completo nei primi anni del bambino.

Offrire al nostro piccolo opportunità per comunicare è fondamentale. Attraverso conversazioni sotto forma di gioco, passeggiate, letture, compiti etc., favoriremo nel bambino la capacità di acquisire abilità visive, uditive, tattili, motorie, cognitive, sociali , necessarie e precursori del linguaggio.

Cosa capisce un bambino di tre anni quando gli parliamo?

Come abbiamo detto prima, dai tre ai quattro anni, la comprensione e il linguaggio espressivo di un bambino sperimenteranno un grande progresso. A questa età il bambino è in grado di comprendere molto più di quanto possa esprimere. Quindi, un bambino di tre anni è in grado di:

  • Rispondere se lo chiamano.
  • Comprendere le domande e rispondere.
  • Comprendere ed eseguire due ordini in successione.
  • Riconoscere alcuni colori e i nomi di alcune figure geometriche, come il cerchio e il quadrato.
  • Sapere a chi ci riferiamo quando parliamo di membri della famiglia : fratello, nonna, zia, cugini..
  • Inizia a comprendere semplici relazioni spazio-temporali, come mattina e sera.
  • Padroneggia e capisce parole generiche comuni (cane, gatto, casa, auto, pera..), ma non le categorie più generali.
  • Comincia a capire concetti astratti come bello, brutto, lontano, vicino..
  • Segue la narrazione di una storia senza bisogno di supporto visivo.
Cosa capisce un bambino.

Come parlare al bambino per promuovere lo sviluppo del linguaggio orale e completo?

  • Dobbiamo parlare sempre lentamente e chiaramente se vogliamo che ci capiscano e imparino a vocalizzare.
  • Anche se può sembrare insignificante, è importante parlare al bambino ponendosi di fronte a lui. Questo gesto renderà il piccolo più propenso ad ascoltarci e, quindi, a capirci.
  • Dobbiamo usare un vocabolario familiare, con parole familiari che si riferiscono a oggetti e persone nel loro ambiente quotidiano.
  • È essenziale parlare e conversare con il bambino ogni volta che ne abbiamo l’opportunità. In particolare, è utile discutere con il nostro piccolo le attività quotidiane, descrivere i luoghi in cui si cammina, leggere storie..
  • Allo stesso modo, dobbiamo dargli la possibilità di esprimersi, anche se, a volte, non capiamo bene cosa vuole dirci.
  • Se il bambino sbaglia o dice una parola sbagliata, lo correggeremo ripetendo la parola correttamente in modo naturale. In questo modo eviteremo che il bambino si senta frustrato dal modo in cui parla.

Per tenere a mente cosa capisce un bambino di 3 anni quando gli parliamo

Sia il linguaggio orale che quello completo sono una funzione e un’abilità apprese naturalmente. Tuttavia, l’interazione con l’ambiente sociale, in particolare con la famiglia, è essenziale, poiché i bambini imparano a parlare e capire nel loro contesto familiare. In un secondo momento, la loro lingua e comprensione si arricchiranno in altri contesti come la scuola o altre attività ricreative.

È fondamentale offrire al bambino interazioni comunicative di qualità in cui il piccolo abbia la possibilità di esprimersi e comunicare. Non importa se il bambino non capisce tutto ciò che diciamo: dobbiamo comunque parlargli e conversare con lui.

Questo atto comunicativo stimola sia il loro linguaggio espressivo che comprensivo. Allo stesso modo, dobbiamo dargli la possibilità di esprimersi, anche se non capiamo bene quello che dice.

Potrebbe interessarti ...
Che cos’è il baby talk? Tutto sul linguaggio per i bebè
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Che cos’è il baby talk? Tutto sul linguaggio per i bebè

Quando parliamo con i bambini piccoli, spesso noi adulti adattiamo il nostro linguaggio. Questo fenomeno prende il nome di baby talk.



  • Goodman, K. (2008). El lenguaje integral: un camino fácil para el desarrollo del lenguaje. Borrero, M.(Comp.). Lecturas complementarias para maestros: leer y escribir con niños y niñas, 107-126.