La fase del no: in cosa consiste e come affrontarla

4 Gennaio 2020
Da un giorno all'altro i bambini cambiano radicalmente condotta e iniziano a opporsi a tutto. Non stanno assumendo un atteggiamento di sfida, bensì stanno imparando a essere se stessi e nessuno meglio dei loro genitori può guidarli in questa fase.

Da un giorno all’altro i figli, quei bambini dolci e compiacenti che cooperavano con un sorriso, hanno iniziato a opporsi senza mezzi termini assolutamente a tutto. Non vogliono mettersi i calzini, non vogliono andare a letto, non vogliono pettinarsi. Questa situazione vi risulta familiare? Se è così, probabilmente vi state addentrando nella fase del no.

Alcuni genitori potrebbero non dare credito all’improvviso e brusco cambiamento verificatosi nella condotta dei propri figli. È comune pensare che vogliano solo disubbidire, sfidare, che stiano facendo i capricci. Tuttavia, se adottiamo il loro punto di vista, potremo vedere quello che succede da una prospettiva più ampia.

La fase del no

Intorno ai due anni di età, i bambini sperimentano diversi cambiamenti cognitivi importanti. Iniziano ad avere coscienza di se stessi in quanto esseri individuali, separati dalla madre. Fino a questo momento, la loro percezione era quella di un tutto, ma a partire da adesso sono capaci di distinguere la loro esistenza, i loro desideri e le loro opinioni.

Bambino con le braccia conserte

Questa affascinante scoperta li porta a voler esprimere nel loro ambiente circostante la nuova volontà che hanno scoperto di avere. Desiderano esprimere questa individualità e imparare a usarla, e lo strumento migliore per riuscirci è l’opposizione. “Distinguo i miei interessi dai tuoi, sottolineo la mia esistenza individuale: mi oppongo, dunque esisto”.

In questo modo, il piccolo inizia a offrire sistematicamente risposte negative. Dice “no” quando è arrabbiato e desidera esprimere il suo disaccordo, ma lo fa anche quando è stanco e persino per abitudine. In questa fase è probabile che risponda “no” anche di fronte a un’offerta da cui può trarre beneficio, poiché sta ancora imparando a esercitare la sua volontà.

Quale prospettiva adottare?

Di fronte a questo sconvolgente cambiamento di condotta, molti genitori non sanno come reagire. Interpretano i rifiuti dei figli come una sfida o un tentativo di manipolazione. Pensano che siano diventati bambini disubbidienti sempre pronti a rispondere, e che si tratti di una condotta da correggere. Per questo motivo, è comune perdere la pazienza ed avere conflitti e discussioni, che aumentano di intensità, con i piccoli.

La realtà, tuttavia, è che sebbene possiedano una volontà scoperta di recente, la loro capacità di raziocinio non si è ancora sviluppata del tutto.I bambini non vogliono infastidire, non desiderano sfidare i grandi, stanno solo provando, stanno imparando a muoversi nel mondo. 

Se non tengono conto del pericolo delle loro azioni o delle ripercussioni che le loro risposte negative hanno nei loro genitori, è semplicemente perché ancora non ne sono capaci. Fino a una certa età, il pensiero dei bambini è egocentrico e non sono in grado di tenere conto delle prospettive altrui.

Se ci riflettiamo, inoltre, noteremo che molto probabilmente siamo proprio noi a influenzare i “no” dei nostri figli.Quante volte diciamo di “no” ai nostri figli? E quante volte lo dicono loro a noi? È facile capire perché i piccoli iniziano a usare questa parola per via dell’ingente quantità di volte che la sentono pronunciare.

Bambina contrariata

In aggiunta a ciò, così come noi abbiamo motivi per rifiutare quello che i nostri figli ci propongono, anche loro hanno i loro motivi per farlo. Evidentemente, non possiamo cedere alle loro, molte volte strampalate, risposte negative, ma possiamo adottare un atteggiamento più rispettoso e comprensivo. Infine, i bambini non sono automi né oggetti di nostra proprietà, sono piccole persone con i loro pensieri e sentimenti, che devono essere ugualmente rispettati.

Come affrontare la fase del no?

  • Capire il processo cognitivo che stanno affrontando i nostri figli. Provate ad adottare la loro prospettiva e capirete che non vi stanno sfidando, stanno solo imparando a vivere.
  • Munitevi di pazienzae cercate di non perdere la calma davanti all’opposizione dei vostri piccoli. Magari vi ci vorrà mezz’ora in più prima di convincerli a mettersi i calzini, ma evitare di urlare e di usare toni bruschi sarà più positivo per il vincolo genitore-figli.
  • Permettete ai bambini di fare alcune scelte,così che possano esercitare progressivamente la loro volontà. Tuttavia, non cedete alle questioni che reputate importanti. I limiti e la coerenza sono fondamentali per un corretto sviluppo del bambino.
  • Ricordate che la fase del no passeràe tutti gli sforzi a base di amore e rispetto investiti nella crescita dei vostri bambini daranno i loro frutti. La guida che state offrendo loro su come gestire le loro opinioni ed emozioni è una preziosa eredità.