Come sconfiggere il cattivo odore dei piedi, anzi delle scarpe, nei bambini

21 luglio, 2020
Il cattivo odore nei piedi non dipende, nella maggior parte dei casi, dai piedi stessi, ma dalle calzature. Ecco qualche consiglio specifico per i piedi dei bambini.
 

Il cattivo odore dei piedi è un problema frequente tra i bambini. Purtroppo, se non viene risolto in tempo, li fa sentire a disagio e a lungo andare potrebbe renderli insicuri, soprattutto nelle relazioni sociali. Fortunatamente, ci sono diverse misure e trattamenti che aiutano a frenare questa patologia spiacevole. Volete saperne di più? Continuate a leggere.

Per prima cosa, bisogna sapere che questa condizione è conosciuta in termini medici come bromodosi. La causa principale della bromodosi è la sudorazione eccessiva dei piedi. Questa, aggiunta all’azione dei microrganismi presenti in questa zona del corpo, provoca la formazione di un odore sgradevole che tende a persistere se non si interviene prontamente.

Principali cause del cattivo odore dei piedi nei bambini

Come abbiamo accennato, la sudorazione è il fattore scatenante che causa il cattivo odore dei piedi. In questa zona del nostro corpo ci sono circa 250.000 ghiandole sudoripare che, regolando la temperatura corporea, rilasciano il sudore in eccesso quando vengono indossati alcuni tipi di calzature non traspiranti. Nei bambini questo fenomeno è ancora più frequente, poiché trascorrono molto tempo giocando o facendo attività fisica.

Inoltre, i bambini non hanno le stesse abitudini igieniche degli adulti, il che promuove la proliferazione di batteri e funghi che provocano il cattivo odore dei piedi. Anche fattori come lo stress, le infezioni dermatologiche, le abitudini alimentari, l’utilizzo di particolari farmaci e i cambiamenti ormonali favoriscono la produzione di sudore.

 
prendersi cura dei piedi dei bambini

Cosa fare per combattere il cattivo odore dei piedi nei bambini?

La bromodosi nei bambini può essere occasionale o permanente. Non c’è motivo di preoccuparsi, tuttavia è meglio cercare un trattamento al più presto, in modo da evitare che si sentano a disagio in questa situazione. La buona notizia è che ci sono diverse possibili soluzioni per dire addio al cattivo odore dei piedi. Di seguito, esponiamo in dettaglio quelle più rilevanti.

1. Cambiare il tipo di calzature

Nella maggior parte dei casi, il cattivo odore dei piedi è associato al tipo di calzatura. Indossare sempre le stesse scarpe, soprattutto se sono realizzate con materiali sintetici, non aiuterà di certo ad alleviare il problema. Pertanto, è consigliabile disporre di almeno due paia di scarpe per consentire loro di asciugarsi prima di un nuovo utilizzo. Inoltre, è meglio scegliere quelle realizzate con materiali naturali.

• Scarpe in pelle conciata al tannino vegetale
Il vantaggio di scegliere le calzature realizzate con materiali naturali è che permettono al calore e al sudore di fuoriuscire e non alterano il pH naturale della pelle. Come spiegato sul sito Tannins.org, non sono i piedi a puzzare, ma le scarpe. Una scarpa sintetica, che non consente al piede di respirare e trattiene l’umidità, rilascerà sempre un cattivo odore, anche dopo essere stata lavata.

 

Al contrario, le scarpe in pelle conciata al tannino vegetale hanno la capacità di inibire la crescita dei batteri. Secondo uno studio dell’Università degli Studi di Milano, il tannino possiede un’efficace funzione antibatterica, evitando la formazione di ambienti favorevoli alla proliferazione dei batteri responsabili della formazione del cattivo odore. Di per sé il sudore è un liquido inodore ed incolore, composto prevalentemente da acqua e in minori quantità da zuccheri, proteine, aminoacidi e sali. I batteri all’interno delle scarpe “si cibano” delle proteine e gli amminoacidi presenti nel sudore nonché nella pelle che si desquama dai piedi, producendo acidi grassi volatili, responsabili del cattivo odore dei piedi.

Altre ricerche condotte dagli esperti di Wellmicro, spin off dell’Università di Bologna hanno determinato che le calzature con interni, fodera e soletta, realizzati in pelle conciata al tannino vegetale non alterano la flora cutanea dei piedi. Anzi, regolano l’equilibrio dell’ecosistema batterico all’interno della scarpa, il che è decisivo per eliminare il cattivo odore dei piedi.

Scarpe per i bambini
 

2. Prendersi cura dell’igiene dei piedi

Per eliminare il cattivo odore dei piedi nei bambini, è essenziale insegnare loro ad avere delle buone abitudini igieniche. Occorre spiegare loro come lavare bene i piedi con acqua e sapone disinfettante, nonché come asciugarli prima di indossare le scarpe. L’area tra le dita richiederà un’attenzione particolare, perché di solito rimangono delle tracce d’acqua dopo il lavaggio.

Inoltre, è necessario incoraggiarli a cambiare le calze ogni giorno, anche più volte al giorno, nel caso di abbondante sudorazione dopo l’attività sportiva o nei periodi estivi.

3. Scegliere le calze di cotone

Evitare l’uso di calze realizzate con materiali sintetici è un altro modo per evitare il cattivo odore dei piedi. I materiali sintetici tendono a trattenere il sudore, creando un terreno fertile per i batteri Invece, le calze realizzate in cotone, lana o altri materiali naturali assorbono il sudore.

Eliminare il cattivo odore dei piedi è possibile

Sebbene molti trovino difficile neutralizzare il cattivo odore dei piedi nei bambini, vi assicuriamo che è possibile annientarlo mettendo in pratica le raccomandazioni di cui abbiamo parlato finora. Se l’odore persiste, il medico o il podologo potranno suggerire altri trattamenti complementari.