Talco per bambini: cosa c'è da sapere su questo prodotto?

La pelle dei bambini è delicata e sensibile, quindi è sempre consigliato l'uso di prodotti sicuri e privi di sostanze chimiche. Il talco soddisfa questo criterio?
Talco per bambini: cosa c'è da sapere su questo prodotto?

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio, 2022

Il talco per bambini ha sempre fatto parte della routine che riguarda il cambio di pannolino. Tuttavia, non è l’opzione migliore per mantenere sana la pelle delicata di un bambino.

Esistono molteplici alternative per sostituirne l’uso e prevenire le complicazioni associate a questo tipo di prodotto. Nel seguente articolo, ti diciamo tutto ciò che devi sapere a riguardo.

Cos’è il talco per bambini?

Le polveri per bambini sono un tipo di polvere cosmetica o igienica a base di minerale argilloso, amido di mais e radice di freccia.

In generale, sono usati per trattare o prevenire le irritazioni da pannolino che si sviluppa sui glutei e sui genitali dei bambini piccoli.

Oltre ai componenti citati, il talco contiene anche ossigeno, silicio e magnesio, una combinazione che serve ad assorbire l’umidità da questa zona con grande efficacia. Pertanto, è possibile mantenere asciutta la pelle dell’area del pannolino e contribuire alla prevenzione delle eruzioni cutanee.

Anche gli adulti possono usare il talco per alleviare l’attrito o le lesioni alla pelle e ridurre alcuni odori.

Vari usi del borotalco per bambini

Il talco viene utilizzato anche per realizzare diversi prodotti cosmetici, come ciprie, ombretti, fard o fondotinta compatti.

Tale composto compare nell’elenco degli ingredienti dei prodotti con il nome di talco, silicato di magnesio o talco cosmetico.

In generale, la sua funzione è quella di assorbire l’umidità e donare alla pelle una sensazione setosa.

Inoltre, il talco può essere parte della lavorazione di integratori, alimenti (come riso brillato e gomme da masticare) e alcuni prodotti farmaceutici.

In precedenza, poteva anche essere trovato nei preservativi e nei guanti chirurgici per prevenire l’attrito, ma la Food and Drug Administration (FDA) ne richiedeva l’interruzione.

Ragioni che escludono l’uso del borotalco per i bambini

In generale, il borotalco è sicuro da usare sui più piccoli. Tuttavia, ogni volta che un prodotto viene applicato sulla pelle del neonato, è importante rimanere vigili e attenti.

Nonostante sia ipoallergenico, questo o qualsiasi altro prodotto per l’igiene può innescare una reazione avversa.

In pediatria, un altro dei rischi dell’uso del talco nell’area genitale delle ragazze è la predisposizione allo sviluppo della vulvovaginite.

Possibili influenze sul cancro alle ovaie

Ci sono diverse cause intentate da alcune donne adulte che hanno collegato l’uso di borotalco nell’area genitale e lo sviluppo del cancro alle ovaie.

Tuttavia, le prove a sostegno di questa associazione sono insufficienti, come dimostrano alcuni studi pubblicati nel 2018 sulla rivista europea di prevenzione del cancro (ECP).

Più talco viene utilizzato, maggiore è il legame con il cancro ovarico, ma questa non è l’unica causa della malattia. Altri fattori di rischio noti per questo tumore includono quanto segue:

  • Età avanzata.
  • Uso prolungato della terapia ormonale.
  • Anamnesi familiare di cancro ginecologico.
  • Mutazioni genetiche ereditarie (BRCA1 e BRCA2).

Coinvolgimento polmonare e mesoteliomi

La contaminazione causata dall’amianto contenuto in questi prodotti è una delle grandi preoccupazioni degli ultimi tempi. Ebbene, è uno dei fattori che causano i mesoteliomi, una forma di cancro molto aggressiva.

Nel 2018, la società Johnson & Johnson è stata accusata di vendere talco in polvere per bambini contaminati da questo cancerogeno. Tuttavia, l’azienda è stata incaricata di dimostrare in ripetuti test che i suoi cosmetici non contengono amianto.

L’uso del talco nei bambini

L’inalazione di borotalco può causare problemi respiratori se le sue particelle entrano nei polmoni.

Sebbene non esistano linee guida mediche precise sul suo utilizzo, ti offriamo alcuni consigli utili:

  • Impedire al talco di entrare negli occhi del bambino.
  • Tenere il prodotto fuori dalla portata dei bambini.
  • Non mettere la polvere direttamente sui genitali, ma piuttosto intorno a loro e sulle gambe.
  • Cerca di evitare che la polvere entri in contatto con il viso del bambino.
  • Non agitare la polvere sul piccolo e non stringere le mani vicino al suo viso.

Dovresti sapere che se il bambino inala accidentalmente la polvere, ciò non significa che svilupperà il cancro in futuro, ma potrebbe causare alcune condizioni respiratorie. Per questo motivo l’ American Academy of Pediatrics consiglia di evitare l’uso di questo prodotto a casa per prevenire la pneumoconiosi da talco.

Alternative per l’uso del talco nei bambini

I medici pediatrici consigliano di cambiare regolarmente i pannolini per evitare eruzioni cutanee o dermatiti. Inoltre, al posto delle polveri, suggeriscono di utilizzare creme o unguenti idratanti.

Esistono diversi prodotti che possono svolgere la stessa funzione senza causare rischi per la salute:

  • Creme a base di zinco.
  • La farina d’avena.
  • Polveri di amido di mais.
  • Amido di mais.
  • Amido.

A loro volta, le creme protettive con ossido di zinco isolano la pelle dal contatto con le feci e dall’umidità del pannolino, il che aiuta a prevenire irritazioni e danni a questo tessuto.

Considerazioni finali sull’uso del borotalco per i bambini

Sebbene il talco venga utilizzato per prevenire l’umidità nell’area del pannolino, non è un prodotto consigliato per l’uso sui bambini. Da un lato tende a seccare eccessivamente la pelle e dall’altro può essere inalato accidentalmente e causare problemi ai polmoni.

Pertanto, è preferibile optare per alcune variabili per sostituire il talco nella routine igienica del bambino. Esistono infatti molti prodotti ipoallergenici e sicuri per preservare la pelle delicata del bambino.

This might interest you...
Portare il piccolo in spiaggia per la prima volta
Siamo Mamme
Leggi in Siamo Mamme
Portare il piccolo in spiaggia per la prima volta

State pensando di portare il piccolo in spiaggia per la prima volta? In questo articolo vi sveliamo 7 consigli utili per rendere l'esperienza unica...